Skip to content

La morte non è mai la fine di una storia

3 agosto 2011

“La donna che canta” è solo un grande  film?

E’ di più:  

la rappresentazione di tutti gli imbarbarimenti che inevitabilmente producono le guerre

l’evidenza che le vere vittime sacrificali sono le donne ed i bambini, violati nel corpo e nell’anima

la traccia che indica che anche dal male assoluto c’è una via verso una possibile e necessaria catarsi.

Rivedere questa storia inscritta in una delle più crudeli guerre civili dei nostri tempi: quella che ha funestato il Libano e della quale si può solo sperare che tutti i semi siano disseccati, impone alla mente un ricordo:

In questo momento  nel mondo   sono in corso 31 conflitti

 

 

Come nella favola del Pifferaio Magico noi seguiamo le notizie che ci vengono proposte dai grandi media dei paesi occidentali, e l’informazione, anche quando corretta, riguarda solo quello che interessa ai governi occidentali  far conoscere in un dato momento.

Dobbiamo interrogare il website di  PeaceReporter, dove la professionalità dei giornalisti è al servizio di un’idea: l’abolizione della guerra, per sapere quante sono numericamente  le vittime   dei conflitti noti e ignorati, celebrati o dimenticati

http://it.peacereporter.net/conflitti/9/1

E poi ci sono le ribellioni, le rivendicazioni, le proteste che degenerano in scontri fra fazioni o fra manifestanti e polizie. Lì c’è l’aggravante “Caino e Abele” che rende ancora più cieco e cruento e malvagio lo scontro. A questo post di altrocampo                 http://altrocampo.altervista.org/?p=443
c’è un video sulla Siria: manifestanti  trattano i corpi dei nemici,  i progovernativi e i poliziotti, come carne da macello. I corpi lanciati nel fiume, l’acqua che si fa rossa di sangue, la folla blasfema che grida “Dio è grande”.


L‘ elenco dei morti di PeaceReporter non  può dire nulla delle vittime il cui cuore batte ancora e  che portano nell’anima il peso della violenza vista, subita e anche perpetrata. Perché quando la follia della guerra acceca, si è vittime , pur se nella mano c’è un’arma che sputa proiettili.  

<

p style=”text-align:center;”>
Ed è per questa ragione che  La donna che canta o
Incendies nel titolo originale del regista canadese Denis Villeneuve,
è più che un grande film 

Film completo a questo link: 

http://playnow.watchmoviesking.com/play.php?movie=1255953

 

4 commenti leave one →
  1. Erica permalink
    3 agosto 2011 5:02 pm

    L’avevo visto quando è uscito, impossibile dimenticare la storia. E’ come dici: si può e si deve trovare una catarsi. Dobbiamo sapere che in ognuno c’è il seme della violenza e che quando scoppia un conflitto non si può sapere fino a che punto la malapianta può crescere; ma là dove accade l’orrore, l’orrore stesso deve illuminare e far guarire.
    Fai un bel blog, complimenti

    Mi piace

    • 3 agosto 2011 5:07 pm

      Dobbiamo crederlo, è l’unica speranza ora che gli strumenti per stravolgere l’intero pianeta purtroppo ci sono. Grazie e benvenuta. Ti è capitato uno strano avatar, diciamo che quelle mani rosse sprizzano energia 🙂

      Mi piace

  2. Marc permalink
    5 agosto 2011 6:54 pm

    Visto, piaciuto anche a me, resta nella testa. La morte non è la fine di una storia è verissimo. Ci muore una persona e di colpo cominciamo a vederla i modo diverso, non solo come era verso di noi ma in maniera globale. Conosco un caso che letteralmente, dopo la morte, ha rivelato di quella persona delle attività che i parenti ignoravano. Non cose straordinarie come nel film, ma che li hanno costretti a cambiare radicalmente l’opinione che ne avevano avuto quando era in vita.

    Mi piace

    • 6 agosto 2011 11:43 am

      Hai ragione, può diventare un specie di terremoto interno, un po’ perché non dovendo più agire i soliti comportamenti ci si “libera” intellettualmente, ma ancora di più quando capita, o si fa capitare cercando, di scoprire dati reali ignorati. Perfino il trailer del film è fatto bene. Qualcuno dice “a volte è meglio non sapere”, ma poi passa la scritta “se la vostra storia è segreta, allora la vostra famiglia è una menzogna”, Terribile.
      Al di là del caso che si verifica con la morte di qualcuno, sempre questa scelta tra il “meglio non sapere” e “solo se sai sei fuori dalla menzogna” è secondo me fondamentale nella vita. Trovo legittime entrambe le possibilità, ma vile non porsi la scelta. Ciao Marc.

      Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Chiara Zanone Translations

Italian translator and proofreader

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: