Skip to content

Tripoli: Operazione canto della Sirena / 24 agosto

24 agosto 2011

segue da https://mcc43.wordpress.com/2011/08/23/tripoli-operazione-canto-della-sirena-23-agosto/

L’altro  ieri la Piazza Verde,
che Google Maps ha già ribattezzato Piazza dei martiri, così come Yahoo ha cambiato il nome di Tripoli con un altro a me sconosciuto.

Ieri “la cittadella”,
con i ribelli giubilanti che scorrazzavano nella stanza da letto del rais, almeno così hanno dichiarato emozionati a Sky

News,sparando in aria e, come d’uso in questi casi sotto ogni cielo,il dileggio del dittatore al quale fino a poco tempo prima avrebbero baciato la pantofola  per avere qualche   beneficio.

Confesso una certa difficoltà a vedere in questi ragazzi che fanno la siesta per strada   i vittoriosi combattenti ribelli. Mi sembrano la prova migliore che il lavoro lo fa la Nato e li usa come foglia di fico, naturalmente per loro è un diversivo. Chissà da dove vengono, cosa facevano, magari non parlano neppure l’arabo libico ma qualche altro dialetto di chissà dove.

Ma in fondo, che ne so se le foto sono vere o  montaggi? Come  nel video dei festeggiamenti sulla piazza Verde che è risultato un montaggio errato dell’architettura della piazza!

 

Questa foto del 27 settembre 1969 che mostra un aitante colonnello Muhammad Gheddafi che arringa la folla forse non è un montaggio, si era solo messo in posa davanti alla folla osannante. Oppure no?


ore 9

Stamattina le notizie … quali notizie?

I titoli sembrano una minestra riscaldata, si va da “i ribelli hanno conquistato il quartier generale” a “Gheddafi ha mandato un messaggio alla tv invitando a ripulire la città dai ribelli” . Ne ricavo irritazione, perchè la notizia che non compare è che Tripoli è stata di nuovo pesantemente bombardata.

PERCHE’ bombardare una città conquistata? Per fare vittime che saranno poi la giustificazione di un intervento a terra, ben in teso umanitario?  La No Fly Zone fu votata sulla base delle notizie false di massacri che furono invece uccisioni perpetrate dai cecchini .

Ma questo è davvero troppo. Da  http://rt.com/news/line/2011-08-24/#id16865

La tv dei ribelli  Libia AlHurra ha accusato Gheddafi di aver avvelenato l’acqua di Tripoli, informando che due persone sono state ricoverate in ospedale, che l’acqua è in fase di analisi, ai checkpoint si dà  istruzione di  non bere l’acqua. 

Rimando a https://mcc43.wordpress.com/2011/08/24/noi-e-la-pepsi-secondo-i-signori-della-guerra/

 

aggiornamento ore 14

Oggi è il giorno dell’indignazione! Questo è il titolo del Corriere online

A Tripoli si combatte ancora
Il Cremlino: «Trattare con il Raìs»

Preso il bunker, ma Gheddafi non c’è. Jet Nato sui cieli della capitale. Il Cnt: almeno 400 vittime in tre giorni

Come se nulla fosse si rimangia i precedenti titoli trionfali? No, non come se nulla fosse!
Con un livore evidente, a chi vuol  vedere,  il governo di Mosca, quello del Putin tanto amico del Berlusconi, viene di nuovo chiamato “Cremlino” come ai tempi della guerra fredda.

Perché? Perché ieri il ministro degli esteri russo ha detto che il CNT non verrà riconosciuto come rappresentante della Libia e che ci vogliono trattative. Appunto! Ci volevano trattative invece di una risoluzione Onu fasulla, messa sotto gli stivali proprio da quelli che l’ hanno richiesta.  

…e non ci sarebbero stati nè questi 400 morti di cui parla il CNT che ieri sera parlava di una Tripoli tranquilla, nella quale oggi sarebbero arrivati i rappresentanti del nuovo governo!
Quei 400 morti sono i cittadini che avevano sperato di andare a casa dei parenti per la cena di Ramadan o che volevano andare in moschea per la preghiera notturna. O magari erano nel cortile di casa, ma non hanno voluto consegnare i gioielli per provare  il loro sostegno  al Consiglio. No?

Copio da British Civilian for peace in Libya,  in FB,

Olga Sokolova
Uno dei gruppi speciali britannici caduto in un agguato dei soldati lealisti della Brigata 32. Sette, dei diciassette che facevano parte di un gruppo eversivo, sono stati uccisi. Catturato anche un residente di tripoli che ha rivelato di di aver ricevuto $ 300 per diventare guida dei gruppi delle forze speciali. Tutti i caduti erano soldati britannici di origine araba.

Visto? Tante cose succedono quando le “rivoluzioni” sono fatte coi mercenari, i terroristi e gli agenti segreti;
a soffrirne, non meno dei tripolini, saranno quei cittadini di Bengasi che aspiravano davvero a una democrazia pulita.

                                                                        ore 18 

Dead or alive, 1,6 milioni di $ a chi trova Muhammar Gheddafi, quel tale che non puzzava qualche anno fa quando le aziende americane volevano tornare in Libia,  e quando l’Italia ha siglato un trattato di amicizia  e chiesto scusa per la colonizzazione, nel corso della quale  erano state usate anche armi chimiche: fosgene e iprite.  

 QUESTO E’ URGENT DAVVERO

ORE 20,16 Flash Corriere online

Libia, rapiti quattro giornalisti italiani

La Stampa:

Quattro giornalisti italiani sono stati sequestrati in Libia nei pressi Tripoli. Si tratta di Domenico Quirico de La Stampa, Giuseppe Sarcina ed Elisabetta Rosaspina del Corriere della Sera e Claudio Monici di Avvenire. Secondo quanto ha fatto sapere uno dei giornalisti, che è riuscito a mettersi in contatto con la redazione in Italia, i quattro stanno bene e si troverebbero nelle mani di forze in apparenza legate al regime di Gheddafi.

alle 23 si sa solo che la Farnesina si è attivata, e che nella telfonata hanno detto di essere stati derubati di tutto, del pc e dei valori. La Stampa è prudente e dice “forze apparentemente legate al regime”. Trovo in questo, interessante e vivace, report da Tripoli di Frank Lamb un motivo in più per esserlo. Lamb è dell’organizzazione Americani per una giusta pace in Medio Oriente, e qualche giorno fa è stato ferito alla gamba da un cecchino. Riporto un paragrafo da  http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=8853&mode=thread&order=0&thold=0

Comunque, ci sono solo otto stanze al momento occupate e un giornalista ha detto di essere stato già derubato ieri nel tragitto da Zawiyeh davanti all’albergo. Il suo laptop e i soldi erano stati presi. Il personale della zona ricevimento ha denunciato che oggi i “ribelli” avevano rubato un’auto, hanno cercato, non riuscendoci, di far partire senza la chiave altre due e portato via dieci computer dall’ufficio dell’albergo.

Chi non dà più segni è Lizzie Phelam la coraggiosa giornalista indipendente che da RT faceva il controcanto ai grandi network. Sappiamo che è stata minacciata dai colleghi  della CNN e da individui americani non identificati; io la seguo in Twitter e oggi il suo account  è sparito,  lo stesso so della pagina  FB e  il suo blog è bloccato, come fino a questo momento si può vedere cliccando sul suo nome nel Blogroll.  Di lei non parlano certamente i media mainstream, ma tra quelli che la seguivano c’è molta preoccupazione.

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere la persuasione per non crederci e non cascarci nell'azzardo e nelle dipendenze, Addiction.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

JIHADOLOGY: A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri - www.medium.com/carmine-aceto

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

pietervanostaeyen

Musings on Arabism, Islamicism, History and current affairs

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages. (un blog à venir)

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

editoriaraba

Libri, autori ed eventi letterari da Nord Africa e Medio Oriente

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 1.029 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: