Skip to content

Se 105 vi sembran pochi, potrebbero essere di più: bambini scomparsi in Libia

4 settembre 2011

mcc43

E’ passata sotto silenzio una notizia già vecchia più di un mese,  e poi era stata solo sussurrata nonostante la comunicazione ufficiale fatta dal portavoce Ibrahim Mussa, o compariva  fin da luglio solo in certi blog molto attenti.

&&&&&&

L’antefatto: la “liberazione di Misurata”

In precedenza il governo libico aveva annunciato l’intenzione di ritirarsi da Misurata affidando le decisioni sul controllo della terza città libica alle tribù locali. La decisione segue l’intensificarsi degli attacchi dei raid compiuti dalla Coalizione internazionale guidata dalla Nato e l’ultimatum delle comunità locali intorno a Misurata che avevano dato all’esercito una data per finire velocemente il conflitto con gli insorti, oltre la quale avrebbero gestito direttamente la questione.
Gli insorti hanno dichiarato ad al-Jazeera che ”Misurata è libera, i ribelli hanno vinto.
Tra le forze di Gheddafi, qualcuno è stato ucciso e qualcuno se n’è andato”. E mentre uno dei soldati catturati ha annunciato che i militari avevano ricevuto l’ordine di ritirarsi dalla città portuale, un altro militare, Ayad Muhammad, ha spiegato che ”i ribelli ci hanno attaccato questa mattina mentre ci stavano ritirando da Misurata, vicino al ponte”.

Ridimensionata la vittoria ribelle  in abbandono della lotta da parte dell’esercito, veniamo alla sorte degli abitanti, dei bambini come questi_

Crescente preoccupazione del Governo per le 53 bambine e i 52 bambini, un gruppo fra 1 e 12 anni,  ed un altro dai 12 ai 18 anni, ospitati in un orfanotrofio statale per ragazzi abbandonati o abusati, che ora è sotto controllo dei ribelli.
I 105 bambini, sono parte di  un numero di circa 1,000 di cui si sono perse le tracce,   furono rapiti dalle forze di ribelli che entrate a Misurata  si abbandonarono a festeggiamenti , come documentato da operatori Human Rights Watch e Amnesty International. E’ sicuro che i bambini non sono più nelle strutture protette, ma quello che è accaduto di loro rimane un mistero.

Ho cercato a lungo le tracce di questi bambini di Misurata, e sono arrivata solo alla notizia più volte ripetuta secondo la quale sono stati caricati su una nave o turca o italiana o francese.  E a questa comunicazione della Croce Rossa Internazionale  link

Ma sono arrivata ad un’altra notizia, da un lungo articolo del 29 agosto  di cui quoto alcune parti tradotte

 Da uno scioccante rapporto – preparato dal ministero degli Esteri russo per il primo ministro Putin, sul ​​ viaggio inaspettato del presidente francese Nicolas Sarkozy  in Cina  la scorsa settimana per incontrare il presidente cinese Hu Jintao – si viene a sapere che Sarkozy ha detto che gli americani hanno prelevato dalla Libia circa 1.500 ragazze e ragazzi per  essere utilizzati come ‘schiave sessuali’.

[…] Anche se molti giornalisti internazionali hanno tentato di informare delle atrocità commesse dai ribelli a guida NATO,  ma sono quasi tutti stati messi a tacere  […]   Infatti, se non fosse  per l’ intervento della Croce Rossa internazionale molti di questi giornalisti sarebbero stati catturati  la settimana scorsa  […] Questo rapporto continua affermando che le squadre attacco USA e britanniche hanno iniziato a radunare le ragazze e i ragazzi (alcuni di soli 5 ​​anni) avendo scoperto che i ribelli ne avevano violentato centinaia  dopo aver  “liberato” Misurata dalle forze Gheddafi.

Secondo fonti del ministero russo degli Esteri, Sarkozy ha detto a Hu, che gli americani , apprendendo di questi stupri  su bambini da parte delle  forze ribelli , cominciarono a sottrarli, li medicarono, li caricarono su aerei da trasporto USa  diretti verso l’America o la Gran Bretagna.

Grande preoccupazione di Sarkozy, in questo rapporto,  dopo che le autorità statunitensi e britanniche hanno rifiutato di dire alla Francia, dove questi bambini erano diretti e cosa sarebbe stato di loro.

Il sito da cui proviene l’articolo non sarebbe certo la fonte che mi augurerei, tuttavia non contiene inesattezze sull’incontro, e che vi siano motivi di preoccupazione per i bambini dei paesi nei quali arrivano le truppe straniere, anche dell’Occidente,  lo sappiamo da tempo.
Qualcuno ricorderà almeno il 2006 quando le forze di peacekeeping ad Haiti  e in Liberia furono accusate di aver rapito e indotto alla prostituzione dei bambini  (articolo BBC ,) , ma lo stesso in Sudan, in Thailandia …  Lo sapeva bene George Bush che aveva preso posizione in un discorso alle Nazioni Unite già nel 2003 (articolo Infowars)

Buffo eh? A un presidente riesce facile far votare le guerre al Consiglio di Sicurezza dell’ONU, ma non ad ottenere che venga stroncato l’abuso e il traffico di bambini ad opera dei militari, nemmeno dei suoi.

Si sa che vince la cultura del silenzio, dell’ipocrisia, del malaffare. Intanto, quando si tratta di truppe inviate dall’ONU i colpevoli non possono essere processati nel paese della missione, ma solo nel paese d’origine, e a quale giudice di  New York o Londra o Parigi interessa perseguire un caporale che “manteneva la pace” in qualche sperduta regione dell’Africa? E se non sono investiti dall’Onu ma dal proprio governo ancor meno, se poi ufficialmente non sono nemmeno sul posto e passano per “ribelli”, ancora ancora meno.

*** Frank Lamb , giornalista indipendente ferito in Libya, parla di questo caso e di come lo si è potuto sapere

Dedico questo post a Alfredo Durante Mangoni, il nostro incaricato d’affari a Tokyo, che ha consegnato al governo di quel paese una missiva che esprime “ “costernazione e sentimenti di grande preoccupazione e tristezza dell’opinione pubblica italiana”” …. per tutt’altro motivohttps://mcc43.wordpress.com/2011/09/03/sirte-i-delfini-e-le-preoccupazioni-degli-italiani/

7 commenti leave one →
  1. 5 settembre 2011 12:18 am

    Il primo traffico dei bambini, da quello che ho capito, sembra essere quello relativo agli organi che vengono venduti a grossi personaggi “grigi” ammalati dei quali non trovano rapidamente l’organo che serve loro. Si parla di fegato, cuore, reni, cornee. L’altro canale è la via degli abusi sessuali
    Io non posso provare orrore per queste cose, ma semplice desiderio di annientare chi le attua, senza se e senza ma. Chi si serve del più debole non merita nulla, nemmeno la pietà di Dio, nel caso qualcuno ci credesse.

    Purtroppo questo argomento è talmente “tabù” che nessun media vuole riportare ma intanto questi esserini spariscono nel nulla.

    Mi piace

    • 6 settembre 2011 12:56 am

      Poco dopo aver letto il tuo commento mi è arrivata una notifica da un blog sulla Libia al quale sono iscritta, che riporta, con un punto interrogativo che è anche un modo di proteggerci dall’orrore, di 35 casi di asportazione di reni in pazienti libici per donazione a persone del Qatar in un’ospedale di Tunisi. Da notare, dice quel post, che in Qatar c’è un alto tasso di malattie renali, 10% della popolazione.
      C’era il nome e ho fatto una ricerca, si tratta effettivamente di un istituto specializzato in trapianti. E in quanto al Qatar ha perfino indetto un convegno sull’importanza di prevenire la malattia e dell’educazione …. alla donazione.
      Può darsi che si tratti di un odioso mercato che sfrutta la povertà di qualche famiglia di rifugiati, oppure di persone rapite allo scopo. In qualunque caso è orribile. Tu parli di tabù… c’è un limite infatti a quello che vogliamo sapere, ma non per questo bisogna chiudere gli occhi, mi costa ma il timore che ogni anno le perosne scomparse siano in molti casi rapiti per furto di organi ce l’ho da quando è cominciata l’era dei trapianti.
      Credo che sia anche vero che ad un certo livello scatta l’omertà; chi ha i mezzi per comprarsi gli esseri umani e non ha coscienza lo fa anche con quelli che sanno per farli tacere.
      Se penso a quanto la fanno lunga con delle malattie inventate, bastano due decessi per gridare alla pandemia, e poi su questo pericolo che colpisce i più deboli perchè bambini o poveri, si tace.

      Mi piace

  2. 6 settembre 2011 11:47 am

    Sei grande mcc43!

    Mi piace

    • 6 settembre 2011 1:27 pm

      se fossi modesta avrei moderato il commento, allora me lo devo meritare. Ho appena rilanciato una pagina FB dell’Onu, dove alla voce “fai una domanda al segretario” – che risponderà il giorno 13, in diretta tra le 17 e le 18 ora di Parigi – si legge ” Monsieur le Secrétaire Géneral, avez vous invité mr. Ian Martin en Libye de faire des enquêtes sur le 105 enfants disparu à Misurata?” . Dici che risponderà? 🙂

      Mi piace

Trackbacks

  1. Se 105 vi sembran pochi, potrebbero essere di più: bambini scomparsi in Libia | Tutto Ciò Che Si Immagina è Reale……..
  2. Hilary, dove sono finiti i 105 bambini scomparsi da Misurata? « MAKTUB
  3. Libia Anno Uno: chi balla e chi spara « MAKTUB

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Chiara Zanone Translations

Italian translator and proofreader

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: