Skip to content

La LIBIA di GHEDDAFI: parola d’esperto, silenzio dei media

18 settembre 2011

Oggi una conoscenza vale se esternata sventolando titoli accademici, ma stranamente si sorvola sulla conoscenza altamente titolata se questa stride nel coro mediatico. La paresi del pensiero corrente, il dovere di scrivere anche se non si sa, la propaganda pro-paesi della coalizione soverchiano le conoscenze dell’esperto in materia qual è, per esempio 

MASSIMO PAPA

        Professore Associato di Diritto Privato Comparato (NO2X). Vice-Direttore del Centro Interdipartimentale di Scienze dell’lslam “Re Abdulaziz” dell’Università degli Studi di Bologna. Direttore del Master di Il livello “Scambi commerciali, attività bancarie ed investimenti con i paesi arabi” attivato presso la stessa Università.
Docente di Diritto Musulmano e dei Paesi islamici, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Bologna dall’a.a. 2000-2001 .
Docente di Islamistica dal 1998 presso la Facoltà di Lettere e Filosofia della stessa Università.
Già ricercatore confermato nella stessa materia presso l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata dal 1995
Docente incaricato di Diritto musulmano presso l’Accademia della Guardia di Finanza dal 1996 al 1999.
Docente di Diritto Musulmano e dei Paesi islamici nell’ a.a. 1999-2000 presso la Facoltà di Lingue e Letterature straniere -Università Cà Foscari di Venezia.

Nel canale You Tube dell’enciclopedia Treccani, Massimo Papa espone con chiarezza che cos’ era la Jahamyria, o governo delle masse, com’era la Libia prima della rivoluzione gheddafiana,  quali le basi dell’ordinamento dello stato negli anni del regime.

Non sono video lunghi,  l’esposizione è chiara. Per chi va di fretta, ma vuole sapere… da chi sa e verificare la propria opinione,  sono irrinunciabili.

§*§ 1 §*§

Dalla monarchia alla rivoluzione Al Fathe di Gheddafi nel 1969: importanza delle tribù, equilibrismi per sopire conflitti tribali,
differenze con le impostazioni sociali di altri paesi islamici

.

§*§ 2 §*§

La rivoluzione secondo Gheddafi: governo “del” popolo, religione proto-islamica, antecedente le scissioni e le faide, tuttora persistenti in altri paesi;  diretta espressione popolare: organi diversi dalla rappresentanza elettiva;
sistema economico né capilista né marxista:  il lavoratore come “socio” di cooperative, la casa di chi la abita;
sistema giuridico formalmente ispirato alla Sharia di cui non sono mai state attuate nella pratica  le sanzioni corporali in materia penale; sostegno all’arabicità del popolo libico. 

♦   °   ♦

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: