Skip to content

Good Morning, America!!!

2 ottobre 2011

il Ponte di Brooklyn occupato dai manifestanti

la polizia blocca i due accessi e procede agli arresti, con l’accusa di “blocco del traffico”-
stessa tecnica messa in atto in Egitto a Piazza Tahir, dicono i manifestanti

I manifestanti marciano verso NYPD:
Quartier generale della polizia di New York

**********

La diretta in streaming 24 ore su 24
su globalrevolution

**********

in Twitter

Global Revolution

@GlobalRevLive Liberty Park, NYC
**********

uno slogan

we’re not born to be slaves

segue da https://mcc43.wordpress.com/2011/09/28/gioventu-indignata-wall-street-occupata/

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

PORTOGALLO BATTE AMERICA 1a0

I poliziotti portoghesi mandati a fermare gli indignatos si sono uniti ai manifestanti
riportando in auge lo slogan anni ’70  degli Inti Illimani
El pueblo unido jamas sera vencido

(ovviamente questa notizia non è stata data dai grandi media nazionali, figuriamoci in quelli internazionali che mettono la sordina alle occupazioni, cortei, dimostrazioni che si espandono per tutti gli Stati Uniti)

AGGIORNAMENTO 4 OTTOBRE

“Nei rari servizi sul movimento “Occupiamo Wall Street” , il claudicante masinstream ha cercato di marginalizzare e sottostimare le proteste, definendole piccolo, disorganizzate, mancanti di un preciso obiettivo.

Sbagliano

Le proteste crescono.

Le proteste si estendono.

E hanno uno scopo preciso, finirla col cartello di Banche che domina Washington.”

New York, Boston, Los Angeles, Chicago

al  grido “Fed up with the Fed!”

Siamo schifati della Fed

8 OTTOBRE la risposta del sindaco di New York –

… io non commento  🙂

Dal sito Occupy Wall street invece:

Posted Oct. 8, 2011, 1:30 a.m. EST by

#ows cresce. Saremo mille città in questo paese per la fine del mese, centinaia in altri paesi. Vedrete delle Assemblee Generali in sei continenti.

Liberty Square è cresciuta in modo esponenziale nelle ultime tre settimane. E’ ora di una seconda Assemblea Generale a Manhattan. Prevediamo di essere molti di più.

Stiamo crescendo, quartiere per quartiere, città per città. Vedremo cambiare questo paese, questo mondo. Succederà, prima di quanto possiate immaginare. 

§§§§

Certo, è impressionante. Non sono solo ragazzi, al contrario: si vedono persone di ogni età e anche molte teste canute. Chiede una giornalista “Crede che sia un problema solo americano o di tutti?” “Di tutto il mondo, ma qui in America si prendono le decisioni importanti”.                                                                       

Ancora è presto per individuare la solidità interna della protesta. Ho un’impressione sgradevole: non pochi richiamano le “primavee arabe” e questo è strano, perchè dovrebebro sapere che nessuna primavera araba ha ottenuto più che l’allontanamento della cariatide dietro la quale stavano i militari, e quelli sono rimasti?

E se finissero per ottenere solamente la non rielezione di Obama, avviato ad essere il capro espiatorio di tutto il sistema?

Troverei molto più logico, sia per il carattere economico della protesta, sia per la pratica dell’occupazione con accampamenti che  rivendicassero similitudine con il movimento delle Tende in Israele. E se di quel movimento sapessero poco, perchè, a differenza di quanto era successo con i paesei arabi i media ne hanno parlato assai poco? O nel paese c’è minore simpatia per lo stato d’Israele rispetto al Governo e ai suoi stretti kegami con Tel Aviv?

osservare, occorre stare sintonizzati….

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: