Skip to content

La LIBERTA’ D’ESPRESSIONE secondo You Tube

10 ottobre 2011

DICHIARAZIONE UNIVERSALE

DIRITTI DELL’UOMO

Articolo 19


Ogni individuo ha il diritto alla libertà di
opinione e di espressione,
incluso il diritto di non essere molestato
per la propria opinione e quello di cercare,
ricevere e diffondere informazioni e idee
attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere.



è un bel principio, ma sappiamo che la realizzazione dei principi è sempre approssimativa. Non è una novità, è realismo.
Però indigna quando l’esercizio della limitazione è volutamente un supporto alle attività belliche.

La regola:  You Tube si riserva a suo insindacabile giudizio di bloccare dei canali

I Fatti: Ieri You Tube ha bloccato il canale video  VRSMK
Un canale di controinformazione nel quale compariva il più recente bombardamento Nato sull’ospedale di Sirte, obiettivo proibito, dove si vedevano esplosioni, segni dei proiettili sui muri,  feriti.
In un altro video la confessione di un ribelle catturato dai lealisti, con il racconto di rapimenti e  uccisioni di civili da parte di operativi Nato.
Questo video, invece, mostrava il ripiegamento dei ribelli sconfitti, i caduti sul terreno, i feriti – è visibile perchè  salvato  e rimesso in rete da un altro canale. Le immagini sono forti, attenzione,  http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=-dPFa8J9ikQ&skipcontrinter=1

§§§

Non sono pochi i canali che informano sul reale andamento della guerra –  che ben sappiamo non è la festa in Piazza Verde dei  filmati fasulli (per ammissione del Presidente del CNT, che li aveva definiti  utili per il morale dei ribelli !),  di BBC e AlJazeera – ma vengono oscurati  solamente quelli che mostrano sconfitte e violenze dei ribelli.
Allo stesso modo era stato chiuso in agosto il blog della reporter indipendente Lizzie Phelan, costretta  a lasciare la Libia per le ripetute minacce.

La playlist “Conflitto” del mio canale, dove raccolgo  video che documentano l’andamento della guerra, ora ne ha molto “invisibili”,  non solo quelli di VRSMK;  potrebbe accedere che alcuni link nei  post non rimandino più al video ma a questa immagine

…..Ogni individuo ha il diritto alla libertà di opinione e di espressione … a patto che non sveli le menzogne ufficiali e non interferisca con la propaganda dei governi della coalizione.

La verità e le donne, prime vittime delle guerre

Annunci
5 commenti leave one →
  1. 10 ottobre 2011 1:03 am

    Ecco una dimostrazione del termine “Libertà”, alla faccia di Voltaire!!

    Mi piace

  2. 10 ottobre 2011 9:17 pm

    Anche la mia playlist sulla Libia ha avuto identico trattamento.

    Mi piace

    • 11 ottobre 2011 1:42 am

      puoi essere più preciso?

      Mi piace

      • 11 ottobre 2011 3:08 pm

        Alcuni dei video selezionati che riguardavano il conflitto in Libia sono stati censurati e al loro posto c’è l’immagine che si vede qui sopra.

        Mi piace

  3. 10 ottobre 2011 11:28 pm

    Sì, carissimi, abbiamo tutta la libertà di fare quello che vuole il burattinaio!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: