Skip to content

Il grido di battaglia di Fatima

14 ottobre 2011
tags: ,

Dopo l’appello di Gheddafi alla popolazione, è stato organizzato per il 14 ottobre un giorno di sollevazione popolare.

L’appello diceva: andate per strada coraggiosamente e pacificamente, ma sembra sia stata raccolta solamente la parte del coraggio! I lealisti combattenti di stanza nelle città, i cittadini stessi, sono mossi dall’indignazione e dalla rabbia. Un paese distrutto, una convivenza sociale compromessa alla base, lutti, violenze, furti, intimidazioni  e bombardamenti che non cessano, visto che le sortite Nato non vanno quasi mai sotto 100. Tutto questo con la profonda ferita di un’aggressione di mezzo mondo nei confronti di una nazione che non aveva minacciato nessuno.

Le notizie su questo evento e sulle difficoltà di realizzarlo, date nel modo più chiaro, sono nel post di  GilGuySparks     Libyan Uprising: Venerdì 14 ottobre 2011, il giorno della sollevazione libica?

§§§

Nell’attesa di sapere se e in quale misura sarà possibile questa sollevazione, mi rivolgo al colore locale, se così si può dire, traducendo un appello al femminile. Le donne non erano discriminate nella Jamahiriya, aver fatto credere il contrario è stata pura propaganda  innestata su stereotipi che sono la conoscenza che gran parte dell’occidente  ha del mondo arabo.

A Sirte e a Bani Walid le donne fanno parte della milizia combattente; in particolare a Sirte la fazione femminile è comandata da ElMoujahida Fatima Kadhafia (il nome non inganni, chiamarsi come il rais significa essere della medesima tribù, non necessariamente in stretto legame di parentela) che ha rilasciato ad AlgerieISP una intervista dal piglio decisamente …. al testosterone.

Muove al riso pensare che qui c’è chi compiange le donne arabe sottomesse da una società patriarcale, costrette al velo ecc. ecc. Per come le ho conosciute io, sono potentissime prima di tutto entro la famiglia, ed in Libia erano molto  presenti nelle professioni, competitive e ambiziose, e consce di ciò che volevano.

ElMoujahida Fatima Kadhafiha dichiarato che a Sirte la battaglia si è calmata per il momento, dopo l’applicazione di nuove strategie che hanno dato rapidamente buoni risultati.
Le combattenti della resistenza erano incerte all’inizio, ma dopo aver visto la realtà dei ribelli, tutto è diventato chiaro, ora esse sanno che questi ribelli non sono che polli su cui è facile sparare. In molte imbracciano un’arma per la prima volta , ma sono riuscite a farli arretrare.

Ha aggiunto: bisognerà che tutte le donne della Libia  prendano le armi per difendere il loro onore e l’onore del loro paese, in particolare nelle zone dove gli uomini si sono femminilizzati o stanno nascosti in casa per non scontrarsi con il nemico.

Ha aggiunto ancora: quale donna accetta di avere un marito che ha perso la virità ed è diventato schiavo dei crociati? O come potrà accettare di unirsi a un uomo di Tripoli o Khamis o Zliten che trema quando vede un uomo armato di Bengasi o di Misurata entrare in  casa o provocare dalla strada senza essere all’altezza di rispondere?

Alla fine consiglia alle donne libiche, dopo la liberazione del paese, di sposare uomini di Sirte o di Bani Walid che sono ben motivati per la sollevazione popolare del 14 ottobre.

Non so dire che effetto  fa questo proclama a me che lo leggo a miglia di distanza, al sicuro.

Prevale su tutto un’immagine nuova: ragazze, studentesse forse, che non avevano mai maneggiato un’arma, di fronte – sì a molti tagliagole di professione, ladri e stupratori – ma anche a dei ragazzi di qualche villaggio della Cirenaica  aggregatisi  alla guerra per i quattro soldi di paga, che spesso mandano a casa. Ragazzi che fino a gennaio avrebbero fatto salti di gioia per un lavoro sicuro nella capitale o a Sirte, grande città di … 80.000 abitanti.

Incontrandosi, ragazzi e ragazze, avrebbero parlato dei loro interessi e poi, magari, i ragazzi avrebbero mandato la madre dalla mamma di lei per chiederla in matrimonio.
Poi le donne avrebbero cominciato i preparativi nuziali, una festa di tre giorni o di una settimana, con al culmine  la vestizione della  sposa fra le sue amiche, la decorazione con l’hennè, i canti…. e le feste dello sposo con gli amici e centinaia di parenti. Perchè anche con la laurea, l’auto, il cellulare e Facebook, in Libia si faceva così, e ne erano fieri.

Poi è’ arrivata la colazione come l’elefante nel negozio di cristalli.
Ma non era un elefante: erano droni.
Non erano cristalli: erano corpi, menti, cuori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: