Skip to content

1 + 1027 = Gilad Shalit e gli altri

18 ottobre 2011

da Dopo Eilat in Medio Oriente

”  Lo stesso che  [Israele] ottiene rifiutando di lasciar passare 84 salme di palestinesi fino a che le trattative per la liberazione di Gilad Shalit non saranno concluse? Perchè Israele ha tirato tanto per le lunghe queste trattative?
E’ forse merito del movimento delle Tende – che riempie pacificamente strade e che invece di scemare cresce  e che vuole sicurezza, sì, ma anche una vita non militarizzata – che in questa presente fase delle trattative vede il governo israeliano un pò ammorbidito? Bene. Ma se è tanto difficile trattare sul caso singolo del soldato Gilad, che speranza c’è per i famosi “colloqui di pace” di cui tanto parla anche Obama, legando la fondazione di uno stato di Palestina alla loro conclusione? “

da Israeliani e Palestinesi: separati insieme

Nel caso del  riconoscimento come osservatore, la Palestina avrebbe comunque la possibilità di appellarsi alla International Criminal Court e denunciare Israele per crimini contro l’umanità. Con un  pronunciamento favorevole, gli insediamenti in Cisgliordania diverrebbero un crimine e ,  secondo la Convenzione di Ginevra, i  palestinesi nelle carceri israeliane verrebbero considerati prigionieri di guerra e  immediatamente rilasciati (Suppongo che lo stesso dovrebbe accadere per il soldato Shalit, l’unico israeliano detenuto a Gaza).

da Scie mediatiche sul cielo di Teheran

Un soldato israeliano è stato  lasciato cinque anni in una prigione del nemico — come argomento per demonizzare e attaccare Gaza. Quello che pensa Shalit è che non è mai stato fatto nulla di incisivo e in un comunicato dichiara di volere giustizia.

Ora improvvisamente –  mentre è in cottura il riconoscimento dello stato di Palestina all’Onu richiesto dalla AP di  Abu Mazen –  Israele  tratta positivamente con Hamas e appunta  sul bavero di Ismail  Haniye una medaglia con 1027 palestinesi  liberati come contropartita del rilascio di Shalit.

§§§

Capita talvolta che UN individuo venga a trovarsi ad essere un simbolo o anche solo un  pretesto per giungere ad obiettivi che nulla hanno a che fare con la sua persona.

Gilad Shalit è un ragazzo che ha fatto ciò che la sua condizione di soldato imponeva: andare dove il superiore gli aveva ordinato. Centinaia di volte questo accade senza straordinarie conseguenze, invece quel 25 giugno 2006, sul  confine tra Israele e la Striscia di Gaza, lo aspettava un destino fuori del comune sotto forma di un blitz di un commando palestinese.

Da quel momento il soldatino ha fatto dei suoi genitori dei militanti indomabili, dell’opinione pubblica israeliana un insieme di speranze attese preghiere, mentre Hamas e il Governo giocavano una partita del loro prestigio.

§§§

Ora Gilad è tornato a casa, in un paese che è molto cambiato in questi anni dal punto di vista sociale, molto poco dal punto di vista politico.

In senso inverso, al valico di Rafah, procedeva una fila di 477 palestinesi liberati – un acconto sulla “somma umana” complessivamente pattuita – nella quale spiccavano 27 donne.

Bene: un motivo in meno nella tragica contesa fra i due popoli, ma di sicuro non una partita chiusa.

Gilad Shalit esigerà spiegazioni dal suo governo e dovrà  integrare la consapevolezza che,  in quanto “simbolo”,  vale 1027 volte di più di anonimi detenuti  palestinesi. Ciò è denso di conseguenze, obblighi, polemiche, strascichi con le famiglie ferite dai lutti causati da detenuti che sono stati rilasciati. “Israeli soldiers should kill terrorists ‘in their beds’ following Shalit deal, former IDF rabbi says”  riporta un titolo di Haaretz . Ed è, infatti, la prima cosa che si suppone  poter accadere a una trentina di rilasciati che non metteranno piede in territorio di Gaza o della West Bank.

Anche dall’altra parte del “muro” vorrano  spiegazioni  i prigionieri rilasciati – oggetti di scambio non consultati – sia quelli che tornano realmente a casa, sia quelli che a casa non torneranno.  Per una trentina di loro l’accordo prevede l’esilio in altri paesi del M.O.

Sono gli autori di attentati terroristici, un’affermazione politica prima che giuridica.
Colpevoli
è ciò che afferma la sentenza del tribunale,  che è israeliano e tutti  assumiamo la sentenza come  emessa da una corte internazionale indipendente.
Terrorismo è definizione anch’essa interna allo stato, ma  in altre condizioni le imputazioni a carico dei palestinesi sarebbero  considerate atto di guerra  contro un paese occupante illegalmente (in violazione di risoluzioni Onu) i territori di un altro “stato”.

E’ forse questa precisa consapevolezza, oltre ai calcoli geopolitici del presente riposizionamento dell’Occidente nell’area, ad aver alla fine  indotto il governo israeliano ad alleggerirsi di 1027 detenuti prima di essere costretto a   rilasciarli senza merito e con disdoro fra qualche mese , qualora a seguito di un ricorso dello stato di Palestina venissero dichiarati prigionieri di guerra secondo la Convenzione di Ginevra.

Oggi dalle due parti del “muro” tutti festeggiano. Bene. Dubito che oggi partano da Gaza quei razzi scalcagnati che per fortuna non fanno vittime,
e non si alzeranno in volo aerei per bombardamenti di ritorsione.
Un giorno, uno almeno, dalle due parti  Salam/Shalom

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: