… mi è andata meglio che al compaesano Muhammar al Gheddafi

Io, libico e scuretto di pelle, sono stato divinizzato dal Senato  subito dopo la mia morte! Si fregavano le mani , si davano pacche sulle spalle perché mi ero tolto di mezzo. Da vivo non gli lasciavo alzare la cresta. SDDC, diceva la mia pierre: strategia dissuasione dalle congiure.

Che tempi… mi sono  proclamato  dominus ac deus , altro che  princeps!  Nessuno fiatava più sull’aver  cominciato imponendo  la dittatura militare e che, dopo aver  fatto carriera,  perseguitavo,   con un certo distacco  tengo a dire,  i cristiani.
Il popolo romano passava sopra al fatto che Giulia Donna,  la matrona mia moglie, fosse una spendacciona. Brontolavano solo  per quei due testoni di  Caracalla e Geta , sì il frutto dei miei lombi, sempre dietro a  litigare. Tutti badavano al sodo:  IO avevo allargato l’impero, IO avevo recuperato perfino  la Me-so-po-ta-mia. Giubilo e pecunia.

E  voi? Forse che vi dispiace se  dirottavo montagne di sesterzi al parentado  in Libia? Vi piace, no,  scarpinare adesso per  la mia Leptis Magna?
Uh uh, clic clic…  guarda che mare… ci vorrebbe una fila  di ombrelloni. Vi sentite “dentro” la  storia, scivolate dalle scalinate del teatro , vi date di gomito davanti all’insegna del lupanare, confondete le teste di Medusa e Gorgona. E c’è sempre  il pavone avaro:   “quanto si dà di mancia alla guida?”. Poi se la tira comprando il Libro Verde in arabo!!

La prendo sempre un pò alla larga, me lo dice anche Giulio Cesare “We came, we saw, he died” …. oh scusate quella è la …. la Clinton!
Ricapitoliamo: io sono morto 1800 anni fa esattamente, tempus fugit…. Il giorno non lo ricordo, non stavo tanto bene. Dal mio triclinio, che sta al di sopra dei satelliti, adesso vedo quello che  fate:  aerei ,  Apache,  quei fantasmi che chiamate droni. Sorvolano  casa mia! E se vi scappa una bomba e la riducete come Sirte? Vi ho tirato  certe maledizioni che ne ho fatti cadere.   No? Ts… sono caduti, credete a me, sono caduti.
Ho regnato più di venti anni…  Muhammar è stato in sella quarantadue. Però in qualche anno  devo essermi appisolato perché non capisco come ha fatto in pochi mesi a passare dalle stelle al veder le stelle.

Giulia Donna, qui di fianco a me,  dice che è perché voleva copiarmi: coniare monete d’oro.
Che male c’è? Non aveva detto di volerci  piazzare sopra la sua faccia come ho fatto io!

A meno che la moneta d’oro fosse una bestemmia secondo  il nuovo dio(link).
Si chiama F-M-I e va forte come religione.
Ha anche il clero: si chiamano  petrolieri  e sono guardiani del liquido sacro. Quella broda puzzolente che infestava di miasmi la Mesopatiama e faceva vomitare i miles.
I fedeli del dio  si mettono in coda al tempio, ce ne sono tantissimi, almeno una volta la settimana per dare la poppata alle bighe … scusate: alle automobili.

Questo Gheddafi, come me veniva dal  niente, fate conto: neanche un tetto sulla testa. Io, però,  mi son sudato i gradi in battaglia, pagato bene dai romani e nessuno si scandalizzava allora per questo.
Invece lui  ha studiato, ha fatto l’accademia e lì  hanno fiutato che aveva i numeri. L’hanno spedito all’estero a studiare  come si fa a essere un buon militare.

In Inghilterra? Giulio Cesare si sganasciava: “io quelli li ho sbaragliati come niente fosse”.

Ad ogni modo, anche lui poi ha fatto carriera, ma è stato sempre molto chiacchierato.
“Chi è stato?” “Gheddafi” “Ma…” “I said Khadaaafi, ooook?” ” Ok, ok…”
A ogni angolo c’era chi voleva fargli la festa, lo bombardavano anche mentre dormiva.
E lui? Sfotteva.

Un giorno, allora,   lo vedo così :

Svegliandomi da una pennichella  lo ritrovo così…. trapassato in effigie!

Mi  dite, cosa mi sono perso?

… non lo sapete nemmeno voi?

Qui c’è anche  un mio  lontano parente, giovane però. Si chiama  Omar  ed era delle parti di Kufra. E’ arrabbiato “Ci si mette insieme contro gli stranieri, non con gli stranieri! ”

Annunci