Skip to content

ISRAELE costretta a procedere con i piedi di piombo

5 novembre 2011

ISRAELE  è davanti a delle opzioni di grande complessità

verso GAZA

I palestinesi si sono dimostrati capaci di colpire con i loro razzi fin dentro Tel Aviv, ma ora, senza  Mubarak  l’Egitto è meno cieco sulle Conflitto soldato e donna palestineseritorsioni israeliane.
La rivoluzione egiziana ha sdoganato i Fratelli Musulmani  che acquistano un peso crescente e sono motivati a sostenere Hamas e  fare di Gaza una loro enclave. Israele deve dunque pensare due volte prima di lanciare un’altro Piombo Fuso  come nel 2007-2008. Per quanto sia  possibile, e secondo alcuni perfino  provato, che si sia servita in circostanze particolari di gruppi aderenti ai  Fratelli musulmani, una cosa  è convergere  per  destabilizzare un terzo incomodo, un’altra è venirsi a trovare in diretto contrasto d’interessi.

verso IRAN

Il progetto nucleare iraniano va lentamente avanti. Poiché sul piano internazionale non si crede all’affermazione di uno scopo puramente civile,  la domanda è quando  l’Iran sarà in grado di armare con testate nucleari  i missili terra-terra , creando un reale pericolo dal punto di vista israeliano.
Netanyahu e BarakSu questo si basa la tattica di far crescere l’allarme e coinvolgere i paesi amici, ma l’establishment israeliano non è concorde. A favore di un attacco di propria iniziativa (come nel 1981 contro l’Iraq) sono il premier Netanyahu e il ministro della difesa  Barak , ma è un consiglio di sicurezza nazionale composto da otto membri ad avere l’autorità per  decidere. Lì non è certo che vi sarebbe,  per ora, un accordo.

La domanda che si pongono gli osservatori israeliani è: Conviene fare per conto nostro? I “no” sono molti.

Prima di tutto, nuovamente l’Egitto: è  meno ostile all ‘Iran di quanto fosse con Mubarak. Poi la Giordania  il cui spazio aereo si dovrebbe sorvolare. Infine  un ovvio immediato convergere sul territorio israeliano  di razzi di Hamas ed Hezbollah, oltre al fatto che  Bashar Assad  avrebbe una formidabile

Bashar Assad e Gheddafi con i bambini

Bashar Assad e Muhammar Gheddafi con i figli

occasione per  distrarre dalla situazione interna.

Non è finita: tutta l’area del Golfo è spalmata di truppe americane, non si può non coordinare l’azione con gli USA. Obama in crisi di consensi e a un anno dalle elezioni, non potrebbe prendere le distanze da “l’autodifesa di Israele” per non alienarsi voti e fondi degli ebrei americani [e non sarebbe nemmeno troppo fantastico temere di peggio]. Considerando, però, la non avvenuta crescita di consenso con l’intervento in Libia, nemmeno con il cinematografico  linciaggio di Gheddafi, sembra che il resto dell’elettorato, una volta giustiziato il fantasma Bin Laden,  sia tornato a una  sovrana indifferenza per le vicende estere.

E ancora: pur godendo Israele della genuflessione dei paesi occidentali, dovrà calcolare che un attacco all’Iran sarà un’altra grossa perturbazione sul  mercato petrolifero. Aumento di prezzi  che non entusiasma nessuno.

Il Jerusalem Post oggi già discute la “preoccupazione” degli Usa per un attacco all’Iran lanciato  in autonomia, anche perché “l’Iran dispone di forti difese aeree“. Osservazione che  potrebbero essere avallata perfino da  Ahmadinejad!
In America c’è chi dice “Obama è il peggior presidente che Israele abbia mai avuto” e questo probabilmente perché Obama , per parte sua, rappresenta già una icona: l’ essere il primo presidente afroamericano, il primo a impersonare l’american dream in cui tutto è possibile. Israele, in quanto icona della vittima dell’odio di razza, gli serve meno di quanto servisse a un Reagan o a un Bush.

 Dagan, ex capo MossadPerfino il capo del Mossad, al quale il recente pensionamento ha sciolto la lingua, Meir Dagan non fa mistero che un attacco solitario sarebbe una sciocchezza. La sua presa di posizione  è stata violentemente attaccata come minaccia alla sicurezza nazionale, al che Dagan ha risposto da par suo. Se dovessero sottoporlo a  indagini giudiziarie rivelerebbe quello che avevano  affermato sul problema della  sicurezza nazionale  il ministro delle  finanze,Yuval Steinitz, e i suoi amici, ha detto, aggiungendo “Io ho buona memoria”. Non ne dubitiamo, ma da questo momento dovrebbe far annusare  al gatto  la sua minestra.

****

La politica estera dittatoriale si sta ritorcendo in modo seccante contro se stessa: la  potenza militare di Israele  non può dispiegarsi perché ha troppo contribuito a cambiare  la situazione del M.O. rendendolo  instabile al punto di essere una minaccia per  lo scenario mondiale. Ragion per cui, volendo chiudere i conti con l’Iran  dovrà acconciarsi a passare per un voto del Consiglio di sicurezza.
L’Iran non è isolata come la Libia. Non è,  per l’appunto, la Libia del 1988 alla quale  si potè appioppare l’attentato Lockerbie e tenerla sotto scacco per decenni. Si è ben visto il flop dell’accusa di  complotto iraniano contro l’Ambasciatore Saudita in America.

Nonostante sia una nazione con le istituzioni della democrazia, Israele ha avuto governi  assimilati dall’approccio dittatoriale e cospirativo  in politica estera;  i dittatori finiscono sempre per eccedere perchè  privi della cognizione  del limite.
Ora la nazione è sotto test  e tutto si può dire, ma non che  manchi di fine intelletto nella propria salvaguardia.
Certe dichiarazioni  di urgenza dell’intervento contro i siti nucleari iraniani sono come appare a prima vista l’avvisaglia  di un’azione diretta e solitaria? Non necessariamente,  di sicuro servono a far  crescere l’attenzione internazionale e a distrarre  quella interna dalla protesta sociale che negli ultimi giorni di ottobre  si è di nuovo manifestata nelle strade.
Anche l’Iran ne trae  vantaggi: migliaia di dimostranti nelle strade appoggiano il governo al grido di morte, un pò  a Israele, un pò agli USA.

Teatro drammatico della politica ovunque, ma prima o poi, a furia  di far le prove, arriva il momento dell’entrata in scena.

——————————————————————————————————/

prosegue dal post:  Never ending war: capitolo Iran

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

mariepaz

La investigación cultural y linguistica nunca se acaban

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

La vigliaccheria chiede: è sicuro? L’opportunità chiede: è conveniente? La vanagloria chiede: è popolare? Ma la coscienza chiede: è giusto? Ma arriva il momento in cui si deve prendere una posizione che non è né sicura, né conveniente, né popolare ma la si deve prendere perché la propria coscienza ci dice che è giusta. (Martin Luther King)

John Tevis

Analyst and Writer

Beauty Break

La mia pausa di bellezza • bio • blogging • makeup • recensioni • novità • gossip • moda • blablabla..

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

sapevate(g)lo

Momenti di Gloria.

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

JIHADOLOGY: A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

+S gen (350)

Non torna mai niente.

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

pietervanostaeyen

Musings on Arabism, Islamicism, History and current affairs

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages. (un blog à venir)

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

editoriaraba

Libri, autori ed eventi letterari da Nord Africa e Medio Oriente

Ella Gadda

"Oh, santo Dio, la vita ci raggiunge dovunque!"

Aletho News

ΑΛΗΘΩΣ

Tom Rollins

Middle East politics: Egypt, Israel-Palestine and foreign policy

azouzimedblog

"Mieux vaut mourir debout que vivre toute une vie à genoux." Emilio Zapata

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 917 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: