Skip to content

Fare della Siria un’altra Libia: non tanto facile, come mai?

23 novembre 2011

mcc43
Premessa:

Avere un’opinione è l’obbligo contemporaneo, esprimerla il godimento a buon mercato, soprattutto se in contrapposizione a quella di altri. Magnifico, se l’opinione fosse sinonimo di pensiero! Così non è. Il pensiero si forma dentro la mente, l’opinione può essere raccolta per strada, da uno schermo, una pagina di giornale. 
Il pensiero è progressivo, con gli eventi e ciò che provocano interiormente, l’opinione è statica, la sua fine è l’oblio o il rovesciamento nell’ opposto. Meccanismo voltagabbana o  folgorazione … sulla via di Damasco.
La conseguenza terribile dell’abbandono del pensiero è la scomparsa del senso di colpa, evento salutato come liberazione che è, invece, uno svuotamento. Elimina ciò che lo precede, il senso di responsabilità personale, con tutto quello che lo accompagna: il bisogno di conoscere, l’esercizio della scelta consapevole che a ciò che si ottiene si accompagna una rinuncia. L’errore viene cacciato  all’esterno e dall’esterno si aspettano le soluzioni, le garanzie, le opportunità. ” Infallibile in un mondo fallibile”, questa la condizione diffusa,  individualmente ma con maggiore evidenza negli insiemi d’individui intorno ad progetto, un’aspirazione, un programma. Diventa tanto comune da sembrare naturale, per esempio, che gli esponenti di un partito di opposizione accusino il governo di situazioni da essi stessi create o non risolte, avendone avuto in precedenza la possibilità;  caso emblematico  il conflitto d’interessi
in Italia.

 §§§

Le opinioni raccolte a caso e ripetute formano i luoghi comuni. Esempio d’attualità le “primavere arabe”, espressione nata a tavolino perché d’impatto evocativo, priva di consistenza se la si osserva con una pur minima attenzione. I disordini della Tunisia non ebbero nulla di simile con quelli seguenti dell’Egitto, la cronaca oggi lo dimostra; né questi hanno tratti in comune con le agitazioni in Siria. Per comprenderlo occorre avere modestia, una parola in disuso nel mondo delle opinioni, per accingersi a conoscere il   complicatissimo caso siriano che ci viene offerto  con le consuete grandi linee: sollevazione di popolo in cerca di libertà da un regime.

Il potere è detenuto da una minoranza, gli alawiti, islamici ma fuori dell’ortodossia del maggiornanza islamica. Sono al governo perché in stretta alleanza con le altre minoranze etniche o religiose: curdi, armeni (che sono cristiani), drusi (un’altra confessione ai limiti dell’Islam),  cristiani ortodossi,  sciiti.
Tutti insieme da sempre per evitare che il potere scivoli verso la maggioranza sunnita attraverso la quale s’inserirebbero i Fratelli musulmani, oggi  una possibilità concreta, come si vede negli altri paesi in agitazione. Come può non essere per Assad quel 9% di cristiani se la sua  prospettiva diventa quella che vivono i copti in Egitto?

Lo stesso vale per le altre minoranze, che sono meno ostili al laico Assad che alla prospettiva di un nuovo governo che imponga, per esempio, una forma di Sharia.
In questo crogiolo ci sono anche milioni di rifugiati: iracheni e palestinesi, ai quali il regime ha concesso la cittadinanza e non è da ritenere sicuro che un cambiamento politico manterrebbe la stessa legislazione. Va detto chiaramente, poiché tutti lo tacciono, che la Siria è un esempio d’integrazione – e ciò è più che  pacifica convivenza o semplice tolleranza – delle differenze religiose ed etniche.

Di fronte a tutto questo occorre avere almeno cautela  nell’accogliere le versioni mediatiche quotidiane, sentire quel tanto di responsabilità personale che impedisce di approvare azioni internazionali d’intervento umanitario (che hanno già dimostrato d’essere disumane). Formula più facile per il pubblico che la complessa definizione  “responsability to protect” usata in sede Onu (ved. Bush&Blair alla sbarra per l’attacco all’Iraq)

Si consideri almeno una circostanza: Bashar Assad non è un despota che si è impadronito a forza del potere.
Cito Thierry Meyssan di Voltairnet, da altrocampo  

 Bashar al Assad ha accettato la carica alla morte di suo padre, perché anche il fratello era morto e solo la sua legittimità familiare poteva evitare una guerra di successione tra i generali di suo padre.
Se l’esercito è andato a cercarlo a Londra — dove esercitava la professione di oculista — è il popolo che l’ha insediato.
E’ senza dubbio il leader politico più popolare in Medio Oriente. Fino a due mesi fa, è stato anche l’unico che viaggiava senza scorta, e non era riluttante a fare dei bagni di folla.

Militari che agiscono in modo etico, anziché agire in base alle loro rivalità ripercuotendo le conseguenze sulla popolazione. Un caso insolito, perlomeno!

Perché tutto è cambiato all’improvviso?

Il progetto di spezzare questi due Stati è stato impostato il 6 Maggio 2002 da John Bolton, quando era sottosegretario di stato nell’amministrazione Bush, la sua attuazione avviene da parte dell’amministrazione Obama, nove anni dopo, nel contesto del risveglio arabo.

 L’idea principale era causare problemi in una zona ben definita e proclamare un emirato islamico che servisse da base per lo smantellamento del paese. La scelta del distretto Daraa si spiega col fatto che si trova sul confine con la Giordania e le alture del Golan occupate da Israele. Sarebbe stato così possibile rifornire i secessionisti.

Un incidente è stato creato artificialmente, chiedendo agli studenti di impegnarsi nelle provocazioni. Ha funzionato al di là di ogni aspettativa a causa della brutalità e della stupidità del governatore e del capo della polizia locale. Quando le manifestazioni iniziarono, dei cecchini furono posizionati sui tetti per uccidere a caso, sia tra la folla che tra la polizia, uno scenario identico a quello utilizzato a Bengasi per provocare la ribellione.

Altri scontri sono stati pianificati, di volta in volta, nei distretti di confine, per assicurarsi una base di supporto, prima al confine col Libano settentrionale, e poi al confine con la Turchia.

I combattimenti sono stati condotti da piccole unità, spesso composte di quaranta uomini, unendo individui reclutati sul posto e un inquadramento di mercenari stranieri delle reti del principe saudita Bandar bin Sultan. Bandar stesso è giunto in Giordania, dove ha supervisionato l’inizio delle operazioni in collaborazione con funzionari della CIA e del Mossad.

Ma la Siria non è la Libia e il risultato è stato ribaltato. Infatti, mentre la Libia è uno stato creato dalle potenze coloniali, combinando con la forza Tripolitania, Cirenaica e Fezzan, la Siria è una nazione storica che è stata ridotta alla sua forma più semplice dalle stesse potenze coloniali. La Libia è spontaneamente in preda a delle forze centrifughe, mentre al contrario la Siria attrae forze centripete, che sperano di ricostruire la Grande Siria (che comprende Giordania, Palestina occupata, Libano, Cipro, e parte dell’Iraq). La popolazione della Siria di oggi non può che opporsi al progetto di partizione.

La campagna di propaganda parla quotidianamente di vittime, tacendo quelle fra le forze di polizia, non spiegando chi sono gli insorti –  sunniti integralisti che ritengono Bashar un eretico – sovrappone indebitamente le bande di  armati con le proteste degli intellettuali Damasco – usa menzogne e icone inventate ad uso dell’occidente, come la bella blogger lesbica che affascinò la rete e poi si scoprì essere un blogger americano.

Oggi il pressing sul governo siriano sta crescendo come quello su Gheddafi; sistemata la Libia con un governo fantoccio, il pendolo sembra, a noi osservatori esterni, oscillare fra Iran e Siria.
Gli Usa affermano che è in atto una guerra civile, i media ripetono, la Lega araba è sul piede di guerra, i disertori dell’esercito beneficiano di aiuti dalla Turchia.
Nel nostro paese l’informazione ha la qualità “illuminante” di questa analisi del  Corrriere della Sera, preso ad esempio fra tanti: “Le notizie fanno pensare che il Paese abbia ormai raggiunto il punto di non ritorno” .

Oggi il Commissione per i Diritti umani dell’Onu ha condannato il governo siriano, votanti contro solo 13 paesi, fra i quali  Iran, Corea del Nord, Belarus, Nicaragua, Venezuela e Vietnam, in altre parole quelli che potrebbero provare o hanno già provato l’intervento distruttivo degli Usa.
Il ministro degli esteri britannico ha commentato “Più dura la crisi, più la pressione internazionale su Assad s’intensificherà”.  Solo Cina e Russia con il loro voto contrario hanno finora bloccato una risoluzione in consiglio di sicurezza, ma oggi in Commissione si sono soltanto astenuti.

La politica non è morale, dovrebbero esserlo i cittadini e non consentire ai loro governi questo gioco del domino su altri popoli…ma ci sono troppi  ” infallibili in un mondo fallibile” :
Allora anche l’emergente realismo su quelle che erano definite le primavere arabe può essere “opinione” volatile che sostituisce  l’entusiasmo con il cinismo. Favorirà, allora, proprio  lo smembramento dei paesi, gli interventi militari sul territorio,  un nuovo disegno  del M. O. da parte delle  potenze occidentali  e dei loro alleati tradizionali.
. Dal Dailymail

La narrazione occidentale  di moda è quella di coraggiosi combattenti per la libertà che stanno combattendo contro il regime Barbaro del Presidente Assad è pericolosamente  con i paraocchi. In verità, l’opposizione al Assad è dominata dai musulmani radicali nostalgia per una teocrazia totalitaria.

ma poi, ambiguo grido di allarme:

L’Occidente ha a svegliarsi alle realtà di ciò che sta accadendo nella regione. Nel fingere che le rivoluzioni sono una forza di liberazione, i nostri leader politici  indulgono  in velleitarismo o arretrano  in codardia.Entro un decennio, l’intero Medio Oriente, dalla Tunisia in Palestina, potrebbe essere nelle mani di islamisti antioccidentale.

§§§§

L’immane fallimento in Libia presentato come un successo, la montante medesima tattica in Siria: nessun senso di colpa, nessuna possibilità di trovare vie alternative per promuovere l’aspirazione alla democrazia.

Davvero è possibile continuare così a suon di complotti per rovesciare regimi e insediare fantocci?
Si smetterà soltanto quando le nostre economie saranno troppo stremate per sopportare i costi delle missioni?

  E QUESTI NON CONTANO

PROPRIO NIENTE?


Marzo: con Assad

Novembre: non hanno cambiato idea

gli articoli per questo post sono nella raccolta Siria http://www.searcheeze.com/p/mcc43/siria

Annunci
4 commenti leave one →
  1. 24 novembre 2011 1:23 am

    Bello, illuminante questo articolo. Non ho seguito molto le vicende siriane, anche perché in quel cuneo di medioriente ci sono mille strategie ed interessi (meglio fare un passo indietro e andarsi a leggere il trattato di Balfour e seguenti sulla spartizione dell’impero ottomano).
    Per contro una delle cose che ho potuto leggere è che sembra che questo genere di “incidenti” abbiano la mira di escludere completamente la Russia dal mediterraneo cosa che ovviamente alla Russia non garba. Ma la domanda più importante è perché e chi ha interesse ad eliminare la presenza russa dal mare nostrum? Alcuni parlano di una ristrutturazione del continente africano da parte degli Usa/Francia e la sempre presente laida Albione, altri invece optano per un controllo più ampio che determini strutturalmente l’isolamento energetico della Cina.
    Quale che siano le mire, dal mio punto di vista, credo che oggi come non mai, ci sia la necessità di fare uno sforzo congiunto per coinvolgere più persone ad una presa di coscienza, abbattendo quei paradigmi inutili di est/ovest o sud/nord. I popoli nella loro essenza non hanno mai cambiato nulla, sono solo utili per fare da cassa di risonanza, ma, seppur con molto scetticismo, posso anche pensare che un pensiero comune possa essere travasato anche nelle persone di cultura diversa nel rispetto delle loro tradizioni e usanze. Un piccolo esempio sono quei gruppi ebraici contrari alla politica sionista che vengono a loro volta ghettizzati e trattati come i palestinesi. Vengono chiamati SHIT (Self-Hating and/or Israel-Threatening) JEWS : http://masada2000.org/list-A.html
    Questa è una lista di ebrei israeliani e non che vengono considerati la minaccia del sionismo e sono nella lista nera, una delle tante che israele e vari amici loro hanno compilato. Chissà perché mai il corriere della sera o il foglio di Ferrara non ne parlano mai, eh?

    Mi piace

    • 24 novembre 2011 2:34 am

      Neh, chissà come mai!!! Sugli ebrei stufi d’essere governati da sionisti, trovi qui nell’elenco dei Feed Jews sans Frontiers, certi articoli … fanno davvero respirare dopo tutta la proparaganda che si legge.
      I progetti a cui alludi non sono necessariamente alternativi, ma graduali, credo che ora siamo nella fase: “sconvolgi il MO, e insedia Israele come capoarea”. Sparsi nei post, ci sono il video dello shayk che spiega la teoria che ho sintezzato, e l’intervista del colonnelo russo consigliere di Khamis (in Prove tecniche di quarta guerra mondiale) che racconta di come le armi rubate a Gheddafi hanno già preso la via dove serviranno per accerchiare la Russia di paesi ostili.
      A proposito dell’Africa, leggere l’informazione e i commenti che vengono da quel continente a volte illuminano davvero su quello che noi, abituati a sminuzzare gli eventi, non vediamo più come grande disegno.

      Ti ringrazio per l’apprezzamento che ho molto gradito perchè è stato un post impegnativo, per le ragioni che sono simili alle tue, presa dalla Libia – perhè un pò la conosco – non sono stata sempre al passo sulla Siria; ho dovuto recuperare. Così si comprende anche la diversa tecnica degli psyop di guerra. In Siria, hai visto, non si può attaccare e ridicolizzare il leader che sembra un borghese di Milano, si può solo insistere sul sangue, sangue, anche di bambini. oggi la Francia ha riconosciuto il CNT siriano, Sarkozy ci riprova –
      ciao.
      ps. per chi non legge l’inglese qui con traduttore l’ultimo articolo di Jews san frontiere su Netanhyau profeta dell’occidente http://www.microsofttranslator.com/bv.aspx?from=&to=it&a=http://jewssansfrontieres.blogspot.com/2011/11/netanyahu-new-occidentalist-prophet.html

      Mi piace

Trackbacks

  1. Il confine Siria-Libano e la stoltezza Occidentale « MAKTUB
  2. Il confine Siria-Libano e la stoltezza Occidentale | Informare per Resistere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: