Skip to content

NOI, DONNE

26 novembre 2011

Hilary e il Presidente

mcc43

Affrontare i problemi mettendo in campo il genere è cosa da fare raramente,  mi sembra antiquata ora che è sfumata la rigidità dei ruoli sociali. L’emergere di persone di sesso femminile nei ruoli di grande responsabilità  non ha portato al fiorire di modi nuovi di comprendere e affrontare i problemi.  Ho  il sospetto che, a grandi linee,  dall’opposizione al mondo maschile del femminismo storico ci sia stato  uno slittamento all’identificazione: negli atteggiamenti, nelle priorità, nella gestione delle responsabilità.
Salendo la scala delle gerarchie aziendali e politiche s’incontrano barriere che impongono di pensare e agire in modo conforme ai voleri dell’autorità superiore, che al suo massimo livello perde connotati umani e diventa astratta.
Metto in dubbio che ciò si colleghi alla residua cultura maschilista. Ritengo che gli schemi costrittivi appartengano alla natura stessa del potere – che occorre distinguere dalla “forza”.
I progressi conseguiti dalla condizione femminile non sono stati ottenuti, come si ritiene, misurandosi con il potere, ma con la forza che lo rappresentava: gli uomini nella famiglia, nella società, nel lavoro, ma si trattava di un finto avversario,  altrettanto in balia del potere, che nella sua essenza altro non è se non la volontà di decidere della vita degli altri.
Diventa difficile riconoscerlo quando agisce senza mostrare la forza, quando attrae, coinvolge, concede, anziché ordinare, minacciare, imporre.

Aung San Su Ky e la difesa dei diritti umani

Questa metamorfosi esteriore fa apparire ampia la libertà individuale, ma instilla interiormente barriere, freni, limiti sugli individui di entrambi i generi. Non fa differenza se il decidere della vita degli altri avviene attraverso l’agire di una persona di genere femminile o maschile,  la civiltà di un paese non si misura sul premier  in quanto uomo o donna,  (lo stesso ragionamento vale per l’etnia, come si è visto negli Stati Uniti).
Donne e uomini non staranno meglio nel quotidiano, le nazioni non progrediranno più in fretta, le relazioni internazionali non saranno più agevoli se non è modificato il modo di concepire il potere, se il “decidere della vita degli altri”, singolo o nazione, non si trasforma in “organizzare perché altri possano decidere della loro vita”.

 

§§§

Nel 2011 il potere di decidere per gli altri ha assunto una travolgente velocità nel raggiungere e nell’afferrare.  Non voglio qui entrare nel merito delle rivolte arabe e del dilagante movimento degli indignatos, se il loro sorgere sia stato spontaneo o etero diretto, perché quello che colpisce prima di tutto è la subitaneità con la quale la decisione sulla vita degli altri si è realizzata travolgendo governi, creando condizioni di sopraffazione e violenza – anche contro gli indignatos ve ne sono state e molto gravi – rinfocolato odi religiosi e razzismo, consentito i genocidi.

Di fronte a tutto questo nell’opinione pubblica la spina del potere si è conficcata allo stesso modo nelle donne come negli uomini come piacere di condannare.
Indicato il “reo”, aizzata la massa, ciascuno a modo suo ha partecipato alla caccia, ciascuno ha affondato lo stiletto del proprio giudizio e si è sentito parte del potere di decidere della vita altrui.

Nella stragrande maggioranza dei casi,  i “cacciatori” del target da colpire non conoscevano che il nome e la giustapposizione sotto dettatura di attributi atti a suscitare lo sdegno e giustificarne la caccia. Tragico ed esilarante, il caso della tv americana che in un servizio su Gheddafi e Tripoli ha proiettato la mappa del Libano, evidenziando l’omonima città a nord di Beirut, o della folla giubilante nella “piazza Verde” sventolante bandiere dell’India.

Tawakkul Karman, attivista per la democrazia in Yemen

E le donne? In questa travolgente corsa a decidere della vita degli altri si sono rammentate delle loro battaglie contro la “forza” del maschilismo che le opprimeva un tempo?
Non c’è stato, no, un rifiuto del genere femminile per la guerra in Libia, non c’è stato un pensiero analitico capace di distinguere tra guerra e politica, innanzitutto, e applicare nel giudizio la competenza femminile sulla realtà della persona , contro lo strapotere dei concetti astratti e della manipolazione delle informazioni.
E’ mancato, e manca tuttora che una seconda, forse una terza,  invasione e conseguente guerra civile è paurosamente all’orizzonte, il ricorso alle emozioni e al sentimento “personali” come strumenti per conoscere ciò di cui si dibatte e per percepire l’umanità nelle silhouette che si agitano sugli schermi.

A parole nessuno ama la guerra, in pratica la maggioranza accetta il concetto e non serve a nulla aggiungere “quando è necessario” perché il potere che la decide la farà sempre apparire necessaria.

C’è l’illusione della libertà ora che la donna non obbedisce più ciecamente come un tempo al proprio padre o compagno, ma obbedisce ancora più di un tempo ad altre autorità, rinunciando a delle competenze che le erano proprie anche per tradizione, come nell’aver cura della propria salute per esempio. La “benevolenza” con cui la coinvolge il potere, anche accogliendola negli eserciti, la distoglie dall’esperienza della sua individualità, sostituendo all’immagine di sé quella di un modello suggerito dall’esterno.

Leymah Gbowee, movimento "Donne in Bianco" contro la guerra civile in Liberia

Se la democrazia è il sistema che vogliamo, occorre dare un contenuto al potere che essa conferisce nelle decisioni che riguardano la collettività e il ruolo che il paese riveste in dimensione internazionale. Deve avvenire la presa di coscienza della responsabilità morale in quanto cittadini, in caso contrario il sistema è una delega in bianco che lo rende una dittatura di “eletti”.  Partecipare o meno alle missioni della Nato che comportano l’uccisione di altri esseri umani è una delle più grandi responsabilità, come può l’assenso o il rifiuto essere reale se viene  formato frettolosamente su qualche articolo dei quotidiani o servizi dei telegiornali? Questa è solo illusione di sapere.
Le teoriche del “pensiero femminile” hanno scritto testi interessanti a proposito delle guerre, della pace, della democrazia ma anche questo resta nei libri, e malauguratamente non vanno a ruba.
Lo specifico dell’elaborazione autenticamente femminile precede il momento teorico: è partire da sé, dall’esperienza di sé, col rifiuto a priori di tutto ciò che si configura come possibilità “unica”, come un dato intellettuale obbligante o una prassi ineludibile, mantenendo viva la percezione che quanto più sono complesse le situazioni, tanto più varie sono le alternative nascoste da indagare.
Ridurre ogni questione al pro o contro è a parer mio umiliante per la donna oggi,  credo anche sia stato un errore ai tempi del movimento femminista. Si potrebbe dire che  la più sottile e basilare fregatura che dà il potere è  consentire una contestazione perdente di un’unica opzione. Ho la convinzione che sia una migliore premessa:

Plurale, non violento

Advertisements
3 commenti leave one →
  1. Erica permalink
    28 novembre 2011 12:57 am

    Ho letto il tuo post a due amiche che sono venute da me oggi. Quello che proviamo interrogandoci è una specie di nostalgia e non sappiamo di che cosa, le nostre madri forse capirebbero di più, noi siamo sempre andate di corsa, credo di capire quando dici che le donne per tradizione di prendevano cura della salute. provo la voglia di ribellarmi alle paure che ci mettono addosso: controlla questo, quell’altro, fai il pap test, non mangiar quello non far quell’altro. Invece una delle mie amiche si è infuriata, siamo fortunate secondo lei. Non dico di no, ma siamo anche all’oscuro di tutto quello che ci fanno, dobbiamo solo obbedire per paura. Forse in altri paesi non è ancora così, e le donne hanno una sapienza istintiva su quello che può accadere, ma almeno su questa tragedia della Libia e quella che si profila se attaccano l’Iran o la Siria, lo sento bene che è uno sbaglio, che ci sono altri modi ma non si vogliono cercare. Non sono completamente beota, anche se mi devo comportare al lavoro un pò come la capitana Nemo della canzone di Vecchioni. Grazie mcc43, oggi mi hai fatto parlare di donne con delle donne (… invece che di uomini)

    Mi piace

  2. Nina permalink
    29 novembre 2011 10:18 pm

    Ciao, io ho cominciato a non farmi più influenzare da quello che sta sulla bocca di tutti, ma non è facile, troppe discussioni da fare. Ho un messaggio dal mio ragazzo che guarda spesso il tuo blog. Ti ringrazia per le raccolte di documenti dentro searcheeze, ha appena finito una tesina e ha preso delle dritte da Confronto delle civiltà. 🙂 buona continuazione

    Mi piace

  3. 29 novembre 2011 11:35 pm

    Grazie Nina e Erica, per questo riscontro. E’ proprio vero che abbiamo smesso di parlare di noi, donne sempre indaffarate e di corsa. 🙂 Mille auguri!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

editoriaraba

Libri, autori ed eventi letterari da Maghreb, Medio Oriente e Golfo

Ella Gadda

"Oh, santo Dio, la vita ci raggiunge dovunque!"

Aletho News

ΑΛΗΘΩΣ

Tom Rollins

Middle East politics: Egypt, Israel-Palestine and foreign policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: