Skip to content

La nuova Tripoli e la libertà di sbornia

30 novembre 2011

 mcc43

Ieri sera la Rai ha funzionato da  servizio pubblico. Superando chissà quali difficoltà il canale di Giovanni Minoli, La  Storia siamo noi, ha trasmesso il bellissimo reportage di Amedeo Ricucci  su Muhammar Gheddafi. Fuori da ogni propaganda, si è parlato di lui per ciò che è stato, controverso ma personaggio  chiave del dopoguerra,  che ha fatto emergere la Libia come “nazione” per la prima volta nella storia. Mi ha colpito, nell’efficace brevità, il  giudizio espresso dal giornalista libico Youcef Shakir sul sistema politico gheddafiano
La Jahamairiya era un sistema all’avanguardia applicato a un paese all’antica”.

***

  6 milioni di libici e un governo evanescente

 

Non mi è chiaro come possano coesistere  due autorità: Consiglio di Transizione e nuovo Governo, tanto più che i loro membri non sembrano rispettare ruoli precisi  nè passano dalle dichiarazioni ai fatti.

Sul  TripoliPost  compare una dichiarazione sull’uccisione, avvenuta in luglio, del generale Abdel Fatah Younis. Un fatto di questa portata presuppone un’indagine, seguita da atti della Magistratura dai quali emerga il nome dell’accusato da inviare a processo. Invece, un non identificato membro del CNT si sostituisce agli organi competenti e indica in Ali Abdelaziz Saad Al-Essawi, che all’epoca era ministro, il colpevole.
Considerando lo stato attuale del paese, questo assume la caratteristica di un altro dei numerosi regolamenti di conti.

Saif al Islam, che tanto hanno desiderato di processare in casa propria? Nessun magistrato è andato ad interrogarlo, nessun provvedimento per trasportarlo in ospedale, mentre la cancrena procede e il pericolo è che si estenda al braccio.


Oggi una sola notizia con il suo nome: l’indagine sulla London School of Ecomomics per aver accettato donazioni dal suo studente! 
Tutto ciò è inqualificabile: si attende che muoia perchè non possa parlare più.

Permane irrisolta la situazione dell’ordine pubblico, al quale dovrebbe provvedere il Ministro degli Interni in collaborazione con quello della Difesa. Secondo USAToday

La capitale è disseminata di checkpoint di brigate di combattenti con camion equipaggiati di cannoni anti-aerei (!?) e nessuno riesce a convincerli a disarmarsi o entrare nel costituendo esercito. “ Molti hanno paura che la rivoluzione gli venga scippata e fino a che il Governo accetta che lavorano per il loro interesse, non deporranno le armi”.

Bisognerebbe metterli fuori legge? E chi osa?

Non si sa quanti uomini presero le armi, le stime vanno da 125 a 150.000, Il Ministero dell’interno ha in programma 20.000 posti nelle nuove forze di sicurezza, altri 20.000 per il pattugliamento dei confini, il che lascia molti altri senza lavoro. Molte delle milizie sono gruppi di civili che presero le armi localmente – denominando le brigate secondo la città di provenienza –  e il numero eccede di molto quello dei disertori . Per molti sciogliersi significherebbe perdere lo status ottenuto sul campo e consegnare il controllo ai politici: un Governo non eletto di tecnocrati.

Ma il premier AlQeeb vantava precisamente il contrario: farò un governo di tecnocrati!
Allora si va a cercar fortuna come mercenari, antico mestiere cirenaico.

Fonti libiche parlano di 600 combattenti già in Siria. La fonte ha aggiunto che Il leader ad interim Mustafa Abdul Jalil ha espresso la volontà del paese di dare aiuto ai ribelli siriani.

Qualcuno, invece, ha reazioni umanamente più comprensibili.

Non ci sono programmi per reintegrare i combattenti nella vita normale. “Essi sono ora in uno stato di shock, una volta che emergono, saranno molto difficile da accontentare,” .
In tutta la capitale, ci sono giovani combattenti in preda al disorientamento quando cercano di adattarsi alla vita normale dopo mesi in prima linea.
“Ho visto cose che mai posso cancellare dalla mia vita,” ha detto Mouad Beitru, 20, uno studente di architettura che si unì a una brigata all’inizio della rivoluzione. “Un giorno sei felice, un giorno sei triste, un giorno sei matto e il giorno dopo sei folle. Guardiamo i film adesso, ma li  abbiamo visti dal vivo”.

Alcuni, combattenti o meno,  trovano la soluzione: fare qualsiasi cosa abbia il sapore della trasgressione dopo l’austerità della Jamahiriya. Dal NYTimes:

Rivenditori di hashish adescano apertamente con la loro mercanzia nel centro della città, altri vendono liquori fatti in casa…. Venditori di frutta e verdura nelle strade e ai cavalcavia creano ingorghi.  Dice un infermiere: almeno 15 vittime al giorno, braccia o costole rotte, ferite alla testa o  tre volte il numero normale,  e ogni giorno un paio di persone  con ferite da arma da fuoco..

“La gente pensa la libertà come fare quello che si vuole, ma la libertà deve significare che ognuno rispetta anche i bisogni delle altre persone. Libertà significa non attraversare la linea” dice Sara, studentessa di giurisprudenza.


Ma un altro:  “Libia è diversa al 100 %”, dice mostrando le bottiglie di Scotch, vodka, vino rosso tunisino e sottili barre di hashish. “Tutto ciò che è buono. Siamo liberi.”

Nel lungo articolo non c’è una sola voce discorde,  nè uno che rimpianga l’era di Gheddafi o si rammarichi dei disastri e dei genocidi, forse li ignorano, che  nutra timore per il futuro.

Significa che non sono liberi di parlare. Un ribelle con il fucile potrebbe scegliere i dissidenti per le proprie scorrerie notturne.
Significa che  anche in America la libertà di parlare  non è completa: non arriverebbe in casa l’ FBI, ma basta l’autocensura. L’importante è rassicurare i lettori: abbiamo fatto la cosa giusta. 

Anche le dischiarazioni di quelli che non hanno combattuto rivelano uno stato di shock, ma abbastanza presto la realtà si rivelerà in tutta la sua crudezza, quando noi – diceva ieri uno degli ospiti del programma di Ricucci – parleremo ancora convenzionalmente della Libia, ma saranno tante Libia.
E’ arduo sperare che  nel frattempo
questi pezzi di Libia riescano a fare amicizia fra loro.

 

 

Advertisements
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

editoriaraba

Libri, autori ed eventi letterari da Maghreb, Medio Oriente e Golfo

Ella Gadda

"Oh, santo Dio, la vita ci raggiunge dovunque!"

Aletho News

ΑΛΗΘΩΣ

Tom Rollins

Middle East politics: Egypt, Israel-Palestine and foreign policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: