Skip to content

Giulietto Chiesa: non c’è liberazione se non la si guadagna

5 dicembre 2011
tags:

mcc43

Il Governo dei proprietari universali

di Giulietto Chiesa – «La Voce delle Voci», dicembre 2011.


Vorrei dire qualche cosa su di noi, o meglio su di voi, cari concittadini dell’Italia antiberlusconiana, che avete passato gli ultimi 17 anni della vostra esistenza a guardarvi nello specchio mentre esprimevate sdegno e ribollivate di disgusto.

Quegli stessi voi che adesso applaudite, entusiasti, Mario Monti, perché presumete (si capisce, basta guardarlo) che non si occuperà di bunga bunga.


Qualche giornale, spiritoso, ha titolato “siamo tutti più liberi”, o qualcosa del genere, scivolando sulla buccia di banana che fece capitombolare la democrazia italiana con l’avvento del centro- sinistra.

Cari concittadini antiberlusconiani, mi viene in mente un altro piccolo fatto, accaduto tre anni fa, quando foste quasi tutti affascinati e entusiasti per l’elezione, finalmente, di un presidente nero e democratico, e già dalla nascita Premio Nobel per la pace. Contenti.

Anche in quel caso eravate convinti che fosse finito un incubo, quello dell’Impero dominato da un mentecatto.

Il fatto è che questi entusiasmi sono il frutto della vostra illusione. Ma di una illusione della quale voi siete colpevoli, direttamente responsabili, e che quindi non ha scuse.

E l’altro fatto è che non tenete conto che non c’è liberazione se non la si guadagna.

Partiamo da questo secondo fatto. Chi vi ha liberato da Berlusconi? Non siete stati voi, questo è certo. È arrivato un misso dominico inviato da “coloro che tutto possono”, il cui scopo è “rieducarvi”. Siete entrati in un riformatorio e non ve ne siete accorti.

Vi ha detto che lui i poteri forti non sa che cosa siano e si è perfino offeso quando lo si è detto, da qualche parte, sommessamente. E subito la stessa coorte di servi che fino a ieri teneva bordone a Berlusconi si è messa a strepitare che chi osa dire cose del genere è un complottista.

Cari concittadini, state assistendo a uno spettacolo senza precedenti, che racconta l’arrivo al potere della nuova classe dei “proprietari universali”, e voi vi siete distratti guardando da un’altra parte. Infatti non avete pagato il biglietto, per ora.

Ma scoprirete presto che il teatro del riformatorio è freddo, le sedie sono di ferro, e la campana che suona in continuazione non sarà più quella della ricreazione. Ecco, vorrei mettervi in guardia: i “proprietari universali” non sono dei mecenati. Se sono arrivati a prendere il governo di Grecia, d’Italia; se hanno occupato la Banca Centrale Europea, c’è un motivo. Quale, secondo voi?

Io penso che sia perché non possono più fidarsi dei “posseduti” ai quali, fino ad ora, hanno assegnato il compito di delimitare le vostre libertà.

E sapete perché non si fidano più dei loro maggiordomi? Perché arrivano (anzi sono già arrivati) tempi duri per tutti, anche per loro.

Quando si porta al macello la mandria, infatti, occorre essere sicuri che nessuno esca dai ranghi. Siete stati cresciuti nel mantra del consumo e della concorrenza, ma adesso non ce ne sarà per tutti, come prima. E allora bisogna sfoltire le fila, in fretta.

Bisogna organizzare una società opposta a quella dell’abbondanza e, per farlo, ci vuole la mano dura. Ecco perché state entrando in riformatorio. Ed ecco perché non lo sapete: perché lo spettacolo che è stato allestito per voi da Berlusconi continua a funzionare anche adesso, quando vi si racconterà l’opposto di ciò che vi si raccontava prima.

I “proprietari universali” hanno solo cambiato il copione. E anche la troupe. Hanno solo chiesto a Giorgio Napolitano di spegnere un momento la luce, cioè la Costituzione, perché non si vedesse il gioco di prestigio. E infatti voi non vi siete accorti, per ora, che sul palco ci sono adesso tutti i maggiordomi, tutti insieme. C’è Bersano che abbraccia Alfano, c’è Casino che abbraccia Fino, c’è Di Pietro che abbraccia Letta, c’è La Russa che abbraccia Pannella, c’è Letta che abbraccia Letta. E c’è anche lui, Berlusconi. Proprio lui! Non ve ne siete accorti, vero?

Ma si spiega: le luci della scena erano puntate altrove. Quale parte giocherà ancora non risulta. Sul libretto dell’opera c’è solo il nome, mica scrivono la parte! La parte se la scrive lui. A voi toccherà solo assistere. E ben vi sta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: