Skip to content

Tawakkul Karman, “Nobeldonna” in Yemen

16 dicembre 2011
tags: ,

Tawakkul Karman ha ricevuto un premio Nobel. Questo non garantisce molto, pensando che l’hanno avuto anche Kissinger e Obama, ma a lei questo premio ha dato una notorietà che può riflettersi positivamente sul suo paese.

Dello Yemen, al di fuori delle bellezze turistiche, sappiamo tutti assai poco, forse appena un po’ di più di quanto sappiamo della Basilicata che è in Italia, ma di cui non parla nessuno, quasi fosse un territorio disabitato.

Questa intervista di Juan Cole, Università Michigan, titolare del sito Informed Comment dà l’occasione di sapere dalla viva voce (parla in arabo con traduzione simultanea in inglese) qual è la sua battaglia contro il regime di Ali Abdullah Saleh.

L’intervista precede l’accettazione da parte di Saleh del Piano GCC, Consiglio di cooperazione del Golfo, in forza del quale ha trasferito il potere al suo vice in previsione di elezioni da tenersi a febbraio. C’è un nuovo governo di unità nazionale, nel quale stanno tutti, supporter e opposizione, ma resta intatta l’immunità di Saleh sui crimini perpetrati.

Una formale abdicazione quindi è avvenuta, come richiedeva Tawakkul Karman dalla sua tenda in “Piazza del Cambiamento” a Sanaa, una protesta ampiamente sostenuta dalle donne ma Karman (più facile chiamarla con il cognome) chiede anche “il congelamento dei beni e un processo alla ICC, per le 25000 vittime della sua repressione”.

Di lei parla un articolo dal sito Araba Fenice e forse non tutto è esatto dal momento che parla di un rifiuto del “velo”, o forse intende il rifiuto di un velo integrale, ma è importante sapere che è figlia di  Abdul-Salam Karman, ex ministro degli Affari legali ed in un certo modo la sua rivolta nasce da “dentro” il regime.

§§§

L’intervistatore la presenta come esempio di punta del femminismo arabo e lei tiene a sottolineare che non vi è nella cultura yemenita un atteggiamento antifemminista, ma una segregazione politica che costringe le donne all’apartheid sociale, pur non escludendole dagli studi e dalle attività.

Risponde alla provocazione di Cole, sul fatto che gli Usa non hanno mai fatto pressioni contro Saleh in quanto hanno forti interessi nel Golfo e temono che una destabilizzazione dell’area porti acqua al mulino di AlQaeda, accusando proprio il governo di Saleh di assecondare l’alqaedismo.

  • Questo dialogo sembra avvenire inconsapevole di ciò che da molto tempo è indubitabile: che AlQaeda è funzionale, se non sempre operativa, agli interessi americani.

  • Inoltre mi colpisce non favorevolmente, pur nell’ammirazione che Karman merita, la raffigurazione del suo paese, del regime e della lotta, una descrizione che potrebbe essere sottoscritta da qualunque opinion maker occidentale schierato con Obama. Appiattisce le varie  e a volte antitetiche situazioni delle rivolte nella definizione  politico-mediatica di “rivoluzioni arabe” richiedenti libertà e diritti; e chiede l’aiuto della comunità internazionale per riuscirvi, in particolare sollecita Obama.

<

p><

p style=”text-align:center;”>§§§

Forse ciò che si intende con libertà e diritti andrebbe spiegato caso per caso, dopo che “rivoluzioni” avvenute hanno dato luogo a  massacri di cristiani in Egitto e  avidi ricatti sul petrolio e rivalità regionali in Libia, per esempio. O nell’insieme , approfondire quanti furti e vendette private sono avvenute nei vari paesi sotto l’etichetta pseudo – rivoluzionaria di lotta perla libertà.

Una cosa è certa e Karman è dubbio che la ignori: l’aiuto dell’Occidente non è  gratis, pertanto la parola libertà come motivo delle rivolte ha puramente il valore di un’etichetta. Chiedere agli Usa di esautorare coloro che hanno tollerato o sostenuto per proprio interesse ha in sé l’inevitabile conseguenza di riottenere la stessa situazione  con altre facce, l’Egitto insegna, slogan diversi e formali consultazioni.

Non sfugge Karman all’affabulazione: un popolo unito, con le tribù che dialogano, pacifico ecc. come sempre si autorappresentano i ribelli di ogni paese. Perle di popoli, un po’ come l’Occidente rappresenta se stesso.

Questo non toglie valore a questa bella intervista,  che ha il merito di esser in un inglese americano privo di slang e chiaramente pronunciato. Karman è appassionata e composta. Attira simpatia alla sua causa e non è, a differenza di altre icone, né un caimano di regime riciclato né un malato di divismo mediatico.  La seguiremo, spero, in molti nel proseguire della sua lotta.

Advertisements
One Comment leave one →
  1. 17 ottobre 2012 10:11 am

    Thanks for a marvelous posting! I genuinely enjoyed reading it, you will be a great author.
    I will be sure to bookmark your blog and will often come back in the future.
    I want to encourage you continue your great work, have a nice afternoon!

    Marie

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

editoriaraba

Libri, autori ed eventi letterari da Maghreb, Medio Oriente e Golfo

Ella Gadda

"Oh, santo Dio, la vita ci raggiunge dovunque!"

Aletho News

ΑΛΗΘΩΣ

Tom Rollins

Middle East politics: Egypt, Israel-Palestine and foreign policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: