Skip to content

Crimini razzisti e sdegno intermittente

17 dicembre 2011

DICEMBRE 2011 FIRENZE, Italia

Da il manifesto.it

“Che non siano morti invano”.
Oggi la manifestazione antirazzista

 Nel pomeriggio da piazza Dalmazia il corteo silenzioso «per Mor e per Modou». Una «risposta forte» alla strage razzista contro i senegalesi, oggi attesi a migliaia. Una miriade le adesioni, dalle Istituzioni alla Fiom.
I fatti sono noti a tutti, i media hanno abbondantemente e tempestivamente raccontato i dettagli. Lo sdegno è generale.

 *****

Ma l’Italia non sa guardare a quello che avviene di là dal mare e che ha la valenza di un vero e proprio genocidio.

-.

 

AGOSTO 2011, TAWARGA, Libia

da nsncb

Pulizia etnica, genocidio e la gente di Tawergha.

Human Rights Investigations  ( che non è l’embedded  Human Rights Watch) sta seguendo da vicino la situazione di Tawerga e riferisce informazioni  basate su report di testimoni, giornalisti e attivisti diritti umani da cui si rileva che non è solo pulizia etnica ma, secondo la definizione legale: genocidio.

**** Tawarga era una città abitata in massima parte da gente di colore; durante la battaglia della vicina Misurata era diventata base operativa dell’esercito; subiva i bombardamenti e l’attacco finale avviene il 10  agosto quando viene rasa al suolo. L’esercito si ritira, dal 12 la popolazione fugge, se può, avventurandosi nel deserto, alcuni riuscirono a raggiungere Tripoli e un centinaio di famiglie vivono in un campo profughi in cui avvengono incursioni di squadre ribelli. Incalcolabile in modo esatto il numero degli uccisi dalle squadracce del CNT. La popolazione di Misurata tuttora dichiara che Tawarga non esisterà più e il sito diventerà un parco pubblico.
 

§§§

I fatti non sono noti al grande pubblico  perché i media non  hanno raccontato dei bombardamenti Nato sulla popolazione civile, seguiti dalla ferocia delle bande criminali del CNT, ed in particolare a Tawarga della sanguinaria Brigata Misurata.
Ma le Istituzioni sapevano.
I sindacati, in prima fila nelle manifestazioni di condanna oggi, avevano strumenti per sapere.
Il popolo multicolore dei socialmedia  e tutti i navigatori del web avevano a disposizione siti di organizzazioni non embedded, report di giornalisti indipendenti, agenzie notizie dei paesi che erano rimasti fuori dalla coalizione. Grazie alla rete si poteva sapere.

Era il nostro momento,il momento di chi ha una sensibilità democratica e di sinistra. 
Una manifestazione contro il genocidio della popolazione nera di Tawarga, e in tutta la Libia, sarebbe stata (sarebbe ancora adesso) contro un interlocutore preciso: il nostro governo partecipe della coalizione che effettuava i bombardamenti e sosteneva la sanguinaria brutalità delle gang.

Era il momento  per chi aveva approvato la
No Fly Zone di dire
“non era questo che intendevamo!”

“No alla violenza razzista” detto a Firenze è detto alle nuvole. O forse detto a Casa Pound? Non è un pò poco prendersela con un’organizzazione quando avevamo a disposizione le nostre massime cariche dello stato indubbiamente  compartecipi della responsabilità? E’ stata Casa Pund a sparare? Il nostro governo sì: aveva  sparato, e menandone vanto.
E’ riprovevole la destra se rappresentata da Casa Pound, non lo è se dall’allora ministro della difesa la Russa?

Sdegno a comando. Sta avvenendo questo. Sono i media che modulano lo sdegno degli attivisti e dei loro seguaci  e sembra che il sentire democratico generale, e a sinistra in particolare, sia ormai  antifascismo d’accatto, una scusa per non sapere non vedere non soffrire di essere complici di un razzismo di stato.
Oggi chi si piange: due esseri umani uccisi, e altri feriti, o delle braccia che lavoravano per noi? Si spiegherebbe allora perchè il silenzio su un genocidio di circa 10.000  black people ininfluenti per la nostra economia. 

 

aggiornamento: il 20 ottobre i profughi di Tawarga hanno tenuto una manifestazione nella ex Piazza Verde di Tripoli – per il DIRITTO AL RITORNO nella loro città – Lo stesso diritto che reclamano giustamente i palestinesi della diaspora. La Piazza Verde di Tripoli ora si chiama Piazza Martiri, e ciò è esatto se si aggiunge che i “martiri” sono prima di tutti  la popolazione libica o straniera di colore

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: