Skip to content

La Principessa, gli oroscopi e … le sardine

31 dicembre 2011

mcc43

Margaret, la Principessa che ha rivoluzionato l'Astrologia

Succede come per la pesca: di sardine ce n’è tutto l’anno, ma il picco della riproduzione è in inverno,  il pescato diventa abbondante, si fanno buoni affari. Di oroscopi i giornali ne pubblicano tutto l’anno, ma in dicembre gli “astrologi” producono di più ,  il pubblico vuole gli “speciali” per l’anno nuovo,  i giornali provvedono. Va detto che si fanno un punto d’onore di accompagnarli con qualche articolo che li qualifica come sciocchezze; come dire “qui lo dico, qui lo nego, siete tutti serviti e io incasso”

∞ ∞ ∞ ∞

21 marzo- Sole al punto vernale, o gamma

Non c’è diatriba più inconsistente di quella sugli oroscopi di fine anno perché, proprio secondo l’Astrologia, è una data priva di significato particolare.
Il 21 marzo, caso mai, avrebbe più senso, quando il Sole si trova nel punto in cui la sua orbita apparente (eclittica)  incrocia il piano orbitale della Terra.

Anche sui dodici  “segni”  c’è  gran confusione.
Essi sono la suddivisione in dodici parti uguali dell’eclittica, ma la vulgata vuole che un tempo corrispondessero alle costellazioni, le quali  sono in realtà solo una romantica fantasia. Sono stelle, visibili a occhio nudo, convenzionalmente raggruppate allo scopo di mappare il cielo, ma hanno  varia estensione,  nessun confine, e sono in numero maggiore di dodici.  Ciascuno può legittimamente crearsi la “sua” costellazione e chiamarla come l’ispirazione gli suggerisce.

∞ ∞ ∞ ∞

Non c’è disciplina antica peggio compresa, incensata o disprezzata, sempre stravolta: da metodo di conoscenza è passata ad essere metodo di “previsione”. La più madornale delle errate convinzioni è che  l’Astrologia racchiuda in dodici segni l’intera gamma delle caratteristiche personali.

Di che segno sei?
Questa comunissima domanda ha mutato significato nel secolo scorso a seguito di una vicenda … mediatica.

In tempi precedenti  la  corretta risposta era “Ho l’ascendente in…” . 
“Essere “di un segno significava che quel segno sorgeva nel momento della nascita e costituiva il tratto distintivo  dipendente dall’ora, perché ogni giorno l’intero zodiaco scorre all’orizzonte est,  (solo)mediamente ogni due ore; la data occorre, certo, ma in funzione del calcolo che individua con precisione il segno Ascendente.

Oggi, invece, la risposta che ognuno istintivamente dà è legata esclusivamente alla data del compleanno. Al ritmo di un grado al giorno, ogni trenta giorni all’incirca il Sole cambia segno, da Ariete a Toro, da Toro a Gemelli e così via. Dodici mesi, dodici segni.

Cosa ha determinato questo improvviso, si può ben dire così, scambio di significato da “ora” a “giorno” natale? Qui entra in scena l’innocente principessa Margaret
 

Nel 1930 il Regno Unito fu allietato dalla nascita della Principessa Margaret e il quotidiano Sunday Express ebbe l’idea di commissionarne il profilo all’astrologo a Richard Harold Naylor il quale,  evidentemente, fu pari al compito perché l’articolo ebbe uno straordinario successo.
Un filone da sfruttare. Ben presto i lettori si stancarono di discorsi su personaggi famosi o eventi mondiali e cominciarono ad essere curiosi circa se stessi.  Naylor dovette ingegnarsi. Abituato a calcolare oroscopi individuali, come scrivere per/di  migliaia di persone prese in blocco?
Ebbe la pensata geniale, che ancor oggi ci affligge, di  usare l’unico dato unificante: il giorno di nascita, grazie al quale poteva suddividere i  fans in dodici categorie, i segni zodiacali. Nacque così, insieme alla principessina,  l’astrologia “segno solare”.

Per quelle approssimative vie della pseudocultura, nacque la favola che “quella” fosse l’astrologia tout court, che  quelli fossero gli “oroscopi” (sorvolando sul significato della parola, che è  lettura dell’ora, non lettura del giorno!), che tale  metodo fosse quello degli astrologi dell’antichità.

Forse Naylor non prevedeva che il mezzo escogitato per far contento l’editore del Sunday Express avrebbe attecchito al punto da introdurre una  semplificazione  interpretativa dei simboli planetari e una  genericità descrittiva delle caratteristiche stagionali dei segni che ha trasformato l’Astrologia, da pensosa e colta disciplina, a passatempo per gli utenti dei media.

Non pensava di creare una tecnica cui è facile accedere e che, per la legge delle probabilità, talvolta anticipa il verificarsi di un evento anziché decrittare i meccanismi, psicologici e ambientali,  che quell’evento potrebbero, ma non necessariamente, provocare.
Non raro, prima del boom degli “astrologi”, che gli oroscopi fossero inventati dai redattori dei giornali, testi di fantasia eppure egualmente ambiti dagli ignari lettori, forse ancor più di un autentico oroscopo personale che comporta una analisi di sè e la presa d’atto della propria responsabilità nel condurre l’esistenza, anziché la deresponsabilizzante previsione “ti accadrà questo e quello” che, per fortuna, generalmente viene dimenticata poco dopo essere stata letta o ascoltata.
Quello che resta è business: maggiori vendite per i giornali,  maggiori richieste di oroscopi ai siti web o al telefono a “esperti” che senza l’ausilio del pc resterebbero muti come sardine.

Alessandro, il Grande

 

Annunci
3 commenti leave one →
  1. icittadiniprimaditutto permalink
    1 gennaio 2012 6:05 pm

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Mi piace

  2. Rosanna permalink
    1 gennaio 2012 8:09 pm

    interessante e soprattutto……chiarificatore!:-)

    Mi piace

  3. 1 gennaio 2012 8:41 pm

    Grazie Rosanna, di aver letto. Tengo molto a questo articolo perché ogni anno questo rimpallo tra maniaci e detrattori degli oroscopi mi irrita! Buon anno.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: