Skip to content

Petrolio e fregature, l’ Eni e i libici

7 gennaio 2012

mcc43

Abbiamo stracciato un trattato di amicizia e partecipato alla coalizione bombardiera perché “dovevamo proteggere i nostri interessi petroliferi in Libia”. anche se si sproloquiava su massacri del governo mai avvenuti . Lo spiegavano i pragmatici, quelli che dell’onore si fanno un baffo e trasudano realismo economico-politico.

-A metà dicembre Jalil viene  in Italia, abbracci con Monti, prima a Doha riunione mondiale dei petrolieri e  anche lì nessuna nuvola, ma intanto i rappresentanti del CNT vanno a Londra per parlare anche dei contratti per la ricostruzione.

-Dal 20,  la Libia inizia a fare storie e annuncia di voler rivedere i contratti.

-Come regalo di fine anno, il TripoliPost  parla diffusamente dell’Eni: 

Il  Primo Ministro ad interim, Abdurrahim Al-Qeeb ha informato amministratore delegato dell’azienda italiana, Paolo Scaroni in un incontro a Tripoli, della decisione del governo di rivedere i contratti stipulati tra ENI e il vecchio regime per soddisfare gli interessi della Libia”. 

ENI ha firmato un accordo con il Consiglio nazionale di transizione della Libia nel mese di agosto per riprendere la sua produzione di greggio, Scaroni  all’inizio di questo mese ha detto  che era “impensabile” che i contratti  ENI esistenti fossero modificati dalle nuove autorità libiche. Un portavoce dell’ENI ha detto alla AFP che i contratti di cui parlava l’ ufficio di Al-Qeeb sono  estranei all’ attività petrolifere della società italiana e che essi sono legati a iniziative sociali. “Non hanno nulla a che fare con il greggio” ha detto il portavoce. 

Il primo ministro libico AlQeeb ha inoltre affermato “Le società straniere che hanno lavorato in Libia devono dimostrare di libici che sono stati partner della Libia e non di Gheddafi e il suo regime. ENI deve dimostrare  un suo ruolo significativo nella ricostruzione delle città distrutte dalle forze di Gheddafi,”  [ …]

Al-Qeeb ha questa settimana deplorato la “posizione negativa della maggior parte delle compagnie petrolifere che lavorano in Libia verso la rivoluzione del popolo libico contro il regime del tiranno. “Queste aziende” ha aggiunto senza dire di più “hanno avuto grandi opportunità per aiutare i libici nella rivoluzione, ma non lo hanno fatto. ” 
Nel frattempo, in Italia il tecnocratico primo ministro, Mario Monti, ha annunciato che si recherà in visita in Libia il 21 gennaio per rilanciare un trattato bilaterale di amicizia firmato da Gheddafi e l’ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi, che è stato sospeso durante il conflitto.

Riassumendo: l’Eni stupisce e nega, allora Al-Qeeb si accoda   e il suo ufficio chiarifica: parlavamo di altri contratti non del petrolio, ma ciò non compare mai sul TripoliPost.

 §§§

-Ed ecco che arriva il regalo della Befana, ce lo consegna senza addolcire la pillola un articolo di  Bloomberg, , che è il “di tutto un pò”: informazione e finanza:

Italy Last Among Libya’s ‘Friends’ for New Oil Concessions

I nuovi leader si ricorderanno di chi ha fornito il maggior aiuto per rovesciare MuammarGheddafi, quando si tratteranno le nuove concessioni petrolifere. Italia, il più grande investitore del paese, può trovarsi in svantaggio. La Libia ha riserve mondiali comprovate stimata a più di 46 miliardi di barili, secondo il World Factbook della CIA. Gran parte del petrolio è apprezzato per il basso tasso di zolfo. France e gli USA non sono venuti come “qualcuno che vuole soprattutto arraffare” e “giocano in modo giusto”  ha detto l’ex ministro del petrolio libico Ali Tarhouni, in un’intervista ieri a Washington.”L’talia ci metterà tempo per capirlo”.
E’ in gioco è la posizione in Italia come massimo investitore per l’energia, e i suoi più vicini concorrenti sono Total SA (FP) di Francia, primo paese a riconoscere l’opposizione libica, e Russia’sGazprom OAO. (GAZP) Gli Stati Uniti e  il Regno Unito si unirono agli sforzi della Francia per approvare alle Nazioni Unite i raid aerei contro le forze di Gheddafi.

§§§

Ecco qui: non siamo stati abbastanza solerti. A Silvio Berlusconi ripugnava fare quello che poi ha effettivamente fatto: partecipare all’aggressione. Ma l’Italia non è stata nel backstage. L’Italia ha dato aerei e basi.
Tutto è ben chiaro in questo post  I segreti dell’Aereonautica sulle bombe in Libia dove ho ripubblicato l’articolo di Ennio Remondino, nel quale  il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica definisce l’operazione Libia la più imponente dopo la seconda guerra mondiale.

Probabilmente Berlusconi sapeva perfettamente che non sarebbe bastato, visto che il gruppo dirigente dei ribelli era una consorteria di fiduciari degli Usa e che la spartizione sarebbe stata fatta in modo strategico. Obama in un discorso a “fine” operazione ha ringraziato tutti, tranne l’Italia. Una dimenticanza?

Che non si riceva la paga del traditore può far  piacere a chi rifiuta l’idea che in politica e nei rapporti internazionali si possa fare del tutto a meno delle considerazioni morali.

Per questo motivo riescono sgradevoli i membri del CNT , emersi con i tradimenti, a galla con i  ricatti contrattuali, in prosecuzione con l’atteggiamento dei ribelli: non vi daremo il petrolio, e nonché  il tirare in ballo accordi al di fuori del settore petrolifero, riguardanti ambiti civili, per  la mazzetta .

Che dire? Usate i mezzi pubblici, andate a piedi o state in poltrona
… non di sola benzina vive l’uomo!

8 commenti leave one →
  1. Nina permalink
    7 gennaio 2012 1:32 pm

    ,,,macho 😉

    ciao.

    Mi piace

  2. 7 gennaio 2012 1:38 pm

    BRAVA!!!!!!!!… Gli itaGliani, delinquenziali, felloni e traditori, han quel che meritano.
    W la resistenza della Giamahiria!

    Joe Fallisi

    Mi piace

    • 7 gennaio 2012 3:22 pm

      Joooooooe! ma dov’eri finito! 🙂

      Mi piace

  3. 7 gennaio 2012 5:22 pm

    Hanno perso gran parte della documentazione,dei rapporti con le varie aziende in tutti i settori,adesso vogliono uno stile autodenuncia,che provi,che quella determinata ditta lavorava in libia,cioe’ con il “regime”,cosicche’ non possa lavorarci PIU’.

    Mi piace

    • 8 gennaio 2012 12:14 pm

      …. PIU
      a meno che …. mazzette! I classici scivoli in entrata 🙂

      Mi piace

  4. icittadiniprimaditutto permalink
    7 gennaio 2012 10:55 pm

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Mi piace

  5. 8 gennaio 2012 11:41 am

    Complimenti vivissimi ai francesi, molto bravi a fregarci. Vedremo se il frutto del massacro varrà la spesa.

    Mi piace

    • 8 gennaio 2012 12:20 pm

      Credo che il tuo post Pensieri sulla guerra http://fardiconto.wordpress.com/2012/01/03/pensieri-sulla-guerra/

      che relaziona su noi, petrolio e avventura Iraq
      sia pertinente qui per dire che lo si poteva già immaginare.

      Forse dobbiamo capire che il petrolio è sono la facciata della guerra, quello che motiva tutto sono le armi: usarle perché si possano ricomprare,.testarne di nuove ecc ecc
      grazie

      Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: