Skip to content

E’ già guerra con l’IRAN ?

8 gennaio 2012

mcc43

Rimando a un articolo del blog ephemeris360°   (e pubblicato originalmente da Washington’s blog) dal titolo ” Americani, Britannici, Israeliani e Iraniani verso il confronto”.

Questo è  l’ indirizzo in lingua originale, questo è l’ indirizzo con il traduttore in italiano,

E’  fitto di collegamenti ad altri articoli e video che compongono una panoramica del passato (e dei  pretesti o falsità con le quali sono iniziate varie guerre aventi gli Usa come protagonisti) e della reale situazione presente nel “caso Iran”.

 Lo stato dei fatti evidenti:

 The U.S. and Israel are conducting their largest-ever joint warfare exercises near Iran. And see this.
England is sending its most advanced ship – the HMS Daring – to the region.
Only days after finishing its last wargames in the Strait of Hormuz, Iran has announced another set of wargames in February.

Ovvero:
Gli Usa e Israele stanno conducendo la più massiccia esercitazione congiunta mai avvenuta primavicino all’Iran. L’Inghilterra sta mandando la più moderna delle sue navi nella regione. Poco dopo la fine della sua ultima esercitazione nello Stretto di Hormuz, l’Iran ne ha annunciata un’altra serie per Febbraio.

Induce a credere a un’escalation dallo sbocco ancora incerto, ma tutto ciò non nasce dal nulla e forse dove andrà a parare incerto non è.

E’ possibile affermare che la guerra è già in corso perché in territorio iraniano sono presenti da tempo agenti americani con lo scopo di procurarsi dati sui siti nucleari e creare i gruppi dissidenti che saranno usati nella fase due, quella del conflitto evidente. Alcuni agenti americani sono catturati e le interpellanze alla Difesa sono rimaste senza risposta. Lo stato d’allerta della Marina militare americana è stato comunicato alla Casa Bianca, il che significa che non si tratta di attività normale. Queste e altre motivazioni nel video CNN

 Scrive sull’Independent Paul Valleley (scrittore, attivista diritti umani, noto come esperto dell’Africa)

 Non cascateci: la guerra è cominciata. Un virus potentissimo ha provocato guasti l’anno scorso alle centrifughe nucleari dell’Iran.  Due dei principali fisici nucleari iraniani sono stati assassinati, un terzo ferito da sicari in moto. La Gran Bretagna ha congelato 1,6 miliardi di $ di proprietà iraniane, da qui l’attacco all’ambasciata britannica, dopo altri round di sanzioni. In America si parla di lanciare un attacco con droni per provocare una sollevazione popolare contro il governo di Teheran e in Europa si strilla contro “le intimidazioni iraniane”. Ovviamente a tutto questo l’Iran risponde con un atteggiamento sempre più nazionalista!

Ci sono state in questi anni organizzazioni che, sotto la veste di servizi informativi per professionisti o altro, hanno diffuso la loro versione della situazione interna iraniana contribuendo a plasmare l’opinione pubblica internazionale.
Vedere questo articolo e relativi commenti in GilGuySpark .
E’ poi così stupefacente che il Governo di Teheran ponga restrizioni a internet, perfino a siti specifici come quello fotografico di Panoramio?   

C’è da chiedersi, dunque, se i dubbi sullo sbocco della situazione attuale nascano soltanto dalla nostra abitudine di guardare i fatti in modo slegato e concentrarci su quelli che i media riportano con enfasi. Ciò che più conta è detto sussurrando, disponibile agli attenti, non ai distratti.
C’è anche da chiedersi se è ancora giusto, oggi, identificare come “guerra” solamente quella che è la fase più spettacolare dei conflitti.

Il caso Libia non era iniziato il 17 febbraio del 2011, ma da quando La Libia, internazionalmente ricattata, ha abbandonato i programmi nucleari e il massiccio riarmo, consegnandosi inerme –  convinta di essere “amica”  dell’occidente avendo fatto tutto ciò che le era stato richiesto – alle iniziative dell’occidente.
Anche più del richiesto era stato fatto, come il programma di “riconciliazione” nazionale, che aveva scarcerato noti terroristi confessi ma non pentiti come Belhadj, in omaggio ai “diritti umani”. Strada sulla quale era spinta dall’Onu.

Gli stati del Consiglio di Sicurezza ONU  non  hanno per i diritti umani lo stesso rigore che esigono da altri paesi. E’ platealmente chiaro dalla firma di  Obama alla Defense Bill (link)  che stende la sua ombra minacciosa, ricordiamolo, ben al di fuori dei confini americani.
Poichè non espressamente vietato, può applicarsi a 
chiunque   diventi “sospetto” di terrorismo, senza che sia stabilito ciò che si intende come sospetto e come esso debba giungere alle autorità preposte. Per esempio, i software che controllano posta, blog, social network , siti aziendali attraverso le “parole chiave” sono compresi?

Coloro che hanno osannato il principe degli spioni (targato Rothschilds)  

non dovranno indignarsi qualora scoprissero d’essere essi stessi…


Tag Iran per altri articoli, a cominciare da questo

su prove tecniche di “IV ” guerra mondiale

Annunci
3 commenti leave one →
  1. icittadiniprimaditutto permalink
    9 gennaio 2012 9:17 am

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Mi piace

  2. 23 gennaio 2014 9:41 pm

    I take pleasure in, cause I found just what I was taking a look for.

    You have ended my 4 day lengthy hunt! God Bless you man. Have a great day.
    Bye

    Mi piace

Trackbacks

  1. E’ già guerra con l’IRAN ? | Tutto Ciò Che Si Immagina è Reale……..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: