Skip to content

Pietre e carri armati: il Coraggio e la Paura

13 gennaio 2012
mcc43
Mustafa Tamimi,  palestinese, 28 anni,
a Nabi Saleh, Territori Palestinesi Occupati,   il  nove dicembre nella  24ma ricorrenza della prima Intifada ,
manifestava contro  il Muro e l’occupazione.
Un soldato israeliano, dentro un carro armato,  ha sparato  un lacrimogeno  ad altezza d’uomo.
Mustafa è caduto colpito alla testa, è spirato il mattino il seguente. 

______nota. foto diffuse successivamente mostrano trattarsi di un mezzo militare chiuso, non un carro armato_______ved. In memoria di Mustafa Tamimi, ucciso “secondo le regole” afferma Israele _____

di Jonathan Pollak
attivista israeliano, del gruppo Anarchists against the Wall.  Qui l’articolo da  Osservatorioiraq.it    di Un Ponte per..

Mustafa Tamimi

Mustafa Tamimi tirava pietre. In modo impenitente, e a volte senza paura. Non solo quel giorno, ma quasi ogni venerdì. Nascondeva anche il viso. Non per paura della prigione, che aveva già imparato a conoscere da vicino. Ma per preservare la sua libertà, per poter continuare a tirare pietre e resistere al furto della sua terra. Ha continuato a farlo fino al momento della sua morte.

 […]Non è stato per paura per la sua vita che il soldato gli ha  sparato e lo ha colpito. Ha infilato la canna del fucile nella porta del veicolo blindato e ha sparato con un chiaro intento. Il tiratore è un soldato.
La sua identità rimane sconosciuta e probabilmente lo sarà sempre. Forse questa è la cosa migliore. Identificarlo e punirlo servirebbe solo a nascondere i crimini di un intero sistema.

[…] Centinaia di lanciatori di pietre hanno seguito il funerale. È stato calato nella tomba e le pietre hanno coperto il suo corpo. I soldati stavano fermi all’ingresso del villaggio. Persino l’angoscia della separazione è stata intollerabile per l’esercito che ha posizionato i suoi uomini e ordinato  di sparare lacrimogeni sui partecipanti al funerale che discendevano la valle seguendo il feretro. Mentre il soldato che ha sparato a Mustafa è in libertà, sei manifestanti sono dietro le sbarre.

*****

di Linah Alsaafin
laureta alla  Birzeit University, West Bank, nata a Cardiff, è cresciuta in Inghilterra,
USA e Palestina. Qui il suo blog.  Qui  larticolo   da
Electronic Intifada

Linah a sinistra con Ola ,sorella di Mustafa

I soldati ridevano. Sorridevano e ci scattavano foto. Zoomavano sulle nostre facce sogghignando. Gli ho urlato: “nazisti, terroristi, parassiti, robot assassini”. Ridevano di noi  che gli urlavamo di farci passare per andare da lui, svenuto, dentro un taxi vicino alla torre di guardia.

Ci hanno minacciato per farci andare indietro. Abbiamo sventolato la bandiera con il suo sangue.  Uno di loro ha avuto la sfrontatezza di colpirla.  Abbiamo gridato, “Il suo sangue è sulle vostre mani!” Hanno risposto: ” E allora?”
Tua sorella che grida. Il tuo sangue. Le loro risate….”

_______________________
Mi ero già chiesta Come addestra i soldati Israele per renderli così? 
Presidiano i posti di blocco vessando i Palestinesi costretti ad attraversarli,  ma sicuramente applicano procedure. Esito a credere, invece,  che venga loro dato ordine di sparare ad altezza d’uomo e rendere i  lacrimogeni un’arma letale.
Paura, rabbia, vergogna trasudavano da quel carro armato mentre Mustafa alzava il braccio.
I nervi cedono quando ogni giorno ci si deve rappresentare una finta realtà e negare  quella che si ha dinanzi agli occhi.
Occupare i territori e sentirsi nel diritto di farlo.
Difendere il proprio paese e negare ad altri di averne uno.
Stare nel guscio di un blindato con mitra e giubbotti di protezione e vedere

E QUANDO SONO DEI BAMBINI?

coetanei che vengono incontro a petto nudo,
senza paura.

Come non sentirsi inferiori?
Come riuscire a restare soldati invece di diventare killer?
__________________________
A cosa serve tutto questo se non a rendere la propria e l’altrui vita un inferno?
ISRAELE E LA PASSIONE PER I MURI
ISRAELE=ACQUA, PALESTINA=SETE
3 commenti leave one →
  1. 14 gennaio 2012 12:16 pm

    La guerra un tempo era il modo di sistemare i conflitti tra popoli, gruppi armati e clan familiari. Ma allora abitavano la Terra solo poche centinaia di migliaia di esseri umani, dotati solo in minima parte della ragione, che non avevano altri “hobbies” per passare il loro tempo.
    Oggi siamo sette miliardi, abbiamo dovuto sorbirci guerre a non finire e non abbiamo imparato ancora niente dallo studio del nostro passato.
    Comincio a credere che l’evoluzione altro non sia che una pia illusione.

    Mi piace

    • 14 gennaio 2012 12:20 pm

      Sono d’accordo con la tua ultima affermazione, il che mi porta a contestare la prima… Erano più intelligenti e razionali quelli che facevano guerre per motivi che li interessavano direttamente e potevano stabilire quando avavano ottenuto o … perso abbastanza. Ora si va in guerra per una bottiglietta di arma biologica che non esisteva nemmeno. Una bella involuzione direi

      Mi piace

Trackbacks

  1. Misteri di Israele: Mustafà Tamimi ucciso, il colpevole impunito, il blogger Aiston scomparso « MAKTUB

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Corriere di Sesto

Dal 1976 l'informazione a Sesto San Giovanni

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

Novorossia, Russia and Putin

The Twilight of Russian Federation     The Dawn of Novorossia

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

mariepaz

La investigación cultural y linguistica nunca se acaban

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

Beauty Break

La mia pausa di bellezza

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

sapevate(g)lo

Momenti di Gloria.

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

JIHADOLOGY: A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri - www.medium.com/carmine-aceto

+S gen (350)

Non torna mai niente.

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

pietervanostaeyen

Musings on Arabism, Islamicism, History and current affairs

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages. (un blog à venir)

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 969 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: