Skip to content

I Tuareg, il Presidente del Mali e … le mogli dei soldati

5 febbraio 2012

Dalla sera del  21 marzo la situazione politica del Mali è in evoluzione, militari hanno attaccato il palazzo presidenziale, dal governo si è definita la questione come una protesti di disertori.
Il 22, il sito ufficiale del governo è irraggiungibile, AllAfrica riporta una dichiarazione secondo la quale il presidente Touré preferisce farsi da parte piuttosto che rispondere agli insorti con le armi.

Non si comprende la ragione di tutto questo a poche settimane dalle elezioni . Seguirà un articolo

 

 

mcc43

I Tuareg sono due milioni di nomadi berberi sparsi tra Mali, Niger, Libia, Algeria and Chad.  Metà di loro vive nel nord del Mali- L’unico governo che non li ha discriminati fu  quello di Muhammar Gheddafi,  per il quale hanno combattuto fino alla fine della guerra con la Nato.
Quelli originari del Mali al ritorno, armati fino ai denti,  hanno formato il Movimento nazionale per la liberazione della regione dell’ Azawad (MNLA) e rispolverato la vecchia ruggine con il presidente  Amadou Toumani Toure che governa dal 1991 da Bamako, nel sud del paese. Lo accusano di trascurare lo sviluppo del loro territorio e da metà gennaio sono iniziati in varie città del nord scontri violenti  con l’esercito nazionale che hanno fatto numerose vittime.

La questione interessa anche i paesi confinanti, in considerazione della presenza sempre più forte e diffusa dell’Aqmi, AlQaeda nel Magheb  che dispone di immensi arsenali, per il  timore di un contagio della ribellione. L’Algeria si è offerta, come nel 2006, di essere  intermediario fra le parti.
I colloqui sono in corso- Gli Usa si dichiarano preoccupati, Toumani Toure ha provveduto a un rimpasto del governo, le discussioni in rete ruotano intorno al  “colonialismo”, poichè la frammentazione del popolo Tuareg è un’eredità della fine dell’epoca coloniale. Molti accusano della  medesima forma di sfruttamento e repressione i governi attuali e, considerando il Marocco e la questione Saharawi, non si può dire che abbiano completamente  torto.

Questo post nasce dall’attenzione che sempre ho per i Tuareg, ma la ragione ultima sta in un articolo di rfi.fr che descrive una situazione nella quale atteggiamenti  e rapporti con le istituzioni, pur nella situazione cruenta in corso, presentano un livello di umanità ed informalità del tutto singolare per noi.

Amadou Toumani Toure, il Presidente

L’esercito del Mali si sta affrontando con i ribelli Tuareg nel nord e  le mogli dei soldati sono preoccupate. Sono state ricevute dal presidente Amadou Toumani Toure giovedì,  poi venerdì mattino e, dopo la pausa pranzo, i colloqui sono continuati nel pomeriggio.
Un’altra delegazione era già stata ricevuta dalla First Lady, Lobbo Toure, nella notte tra giovedi e venerdì. L’obiettivo della coppia presidenziale è  calmare la rabbia delle mogli dei militari dando loro notizie dal fronte, aiutando materialmente e moralmente le vedove  a gestire il loro dolore.  Si vuole stabilire un quadro permanente di dialogo  perché le donne insistono di voler incontrare il presidente in caso di necessità, e questo per tutte le mogli dei soldati da tutte le regioni del Mali.

Immagino cosa succederebbe se una delegazione di mogli dei nostri soldati in Afghanistan chiedesse di incontrare Giorgio Napolitano tutte le volte che lo ritiene necessario, perfino di notte e con la sua consorte!

Lobbo, la First Lady

Troverei geniale mandare ad Algeri, invece di un politico del governo, una delegazione di queste donne,  soprattutto questa dalle idee semplici e chiare “si tratta di chiudere la pagina dell’incomprensione e aprirne una nuova nella quale tutti possano parlare, insieme a Lobbo, la first lady dai terribili cappellini ma in gamba nelle cause sociali. Le probabilità di concludere presto aumenterebbero di molto.
Già ricordo l’attivismo di Mariam, vedova di Thomas Sankara, contro il presidente del Burkina Faso Campaorè giunto al potere grazie al colpo di stato che le ha ucciso il marito, e sono sempre più convinta della validità dell’iniziativa per conferire il premio Nobel per la Pace alle donne dell’Africa.

Una proposta dettata dal ruolo  che le donne africane hanno acquisito nella vita quotidiana, protagoniste e trainanti anche nell’attività politica e sociale, oltre a reggere l’economia familiare e a permettere la sopravvivenza.

E quelle del Mali assediano i vertici del paese per difendere i loro soldatini…  senza nemmeno qualificarsi femministe. Ma diamoglielo il Nobel, anche per la simpatia!

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

UNA APPROFONDITA ANALISI STORICA E POLITICA DAL SITO TUAREG TAMOUDRE

Advertisements
2 commenti leave one →
  1. 6 febbraio 2012 11:02 am

    Come non darti torto, però quelle italiane cosa potrebbero fare sempre attente alla borsa anziché alla loro terra?

    Mi piace

Trackbacks

  1. INDIPENDENZA, sogno e lotta dei TUAREG del Mali « MAKTUB

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

editoriaraba

Libri, autori ed eventi letterari da Maghreb, Medio Oriente e Golfo

Ella Gadda

"Oh, santo Dio, la vita ci raggiunge dovunque!"

Aletho News

ΑΛΗΘΩΣ

Tom Rollins

Middle East politics: Egypt, Israel-Palestine and foreign policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: