Skip to content

PALESTINA: COLTIVARE AL DI LÀ DEL MURO (con Video)

23 febbraio 2012

da | NENA NEWS | NEAR EAST NEWS AGENCY

 di EMMA MANCINI E MARTA FORTUNATO

 Centinaia i contadini palestinesi le cui terre sono rimaste intrappolate
dall’altra parte del Muro di Separazione.
La storia di Abu Hazzam nel piccolo villaggio di Falamya,
nel distretto di Qalqiliya.

Beit Sahour (Cisgiordania), 23 febbraio 2012, Nena News –
Alle 5 del mattino l’alba si fa ancora attendere, ma nel piccolo villaggio di Falamya c’è già movimento. In trattore, in bicicletta o a piedi, i contadini palestinesi arrivano alla spicciolata di fronte al checkpoint che li divide dalle loro terre al di là del Muro di Separazione.

La barriera costruita dalle autorità israeliane qui è una rete elettrificata che imprigiona le coltivazioni di mandarini, avocado, olive. Il gate è controllato da giovanissimi soldati israeliani che attendono al varco le famiglie di contadini: una piccola costruzione racchiude la stanza con il metal detector dove ogni mattina i lavoratori sono costretti a passare. Fuori, i trattori vengono ispezionati dai militari.

A Falamya, villaggio del distretto di Qalqilyia, il passaggio agricolo viene aperto ogni mattina alle 5 e viene chiuso alle 17 del pomeriggio. Un villaggio quasi fortunato. Il checkpoint di accesso ai campi nella vicina Jaius è accessibile solo tre volte al giorno: dalle 5.30 alle 6.30, dalle 12 alle 13 e dalle 15 alle 16. Ingressi e uscite sono permessi solo in questi orari. Se un contadino volesse andarsene prima, se si sentisse male, non potrebbe farlo: imprigionato nella sua terra senza alcuna libertà di movimento.

Verso le sei del mattino, quando la luce ancora fioca del sole inizia ad illuminare le terre al di là del Muro, Abu Hazzam arriva al checkpoint. Con un berretto nero in testa e i suoi quasi 60 anni sulle spalle, attraversa ogni mattina il posto di blocco che lo divide dalle sue terre. Vive a Jaius, ma in questi giorni il passaggio dal suo villaggio è impossibile: alcuni ragazzi palestinesi hanno dato fuoco al checkpoint e l’esercito israeliano lo ha chiuso fino a nuovo ordine.

“Sono ormai otto giorni che è inaccessibile – racconta – e così vengo a quello di Falamya”. L’ironia con cui racconta la sua storia, che è la storia di migliaia di contadini le cui terre sono state intrappolate al di là del Muro di Separazione, si scontra con l’arroganza e lo scarso acume dei soldati che lo attendono per il controllo.

“Certo che li trattiamo bene – spiega uno dei soldati al checkpoint, riferendosi ai contadini palestinesi che ogni giorno attraversano il gate – Siamo costretti a controllarli perché, se nel 99% dei casi non sono pericolosi, c’è sempre un 1% che potrebbe creare problemi. Una volta una donna mi ha accoltellato”.

“E in ogni caso, dovrebbero esserci grati – continua stupito dalle domande – Gli abbiamo concesso terra ebrea da lavorare, quella al di là del Muro è la terra di Israele e abbiamo deciso di fargliela lavorare. Un regalo”.

Probabilmente, il giovane soldato è davvero convinto che sia così. Non sa che quelle terre sono di proprietà palestinese e che ora sono ostaggio dell’occupazione. Un’occupazione che sta tagliando risorse e forza-lavoro all’agricoltura palestinese, tradizionalmente il settore economico più forte nei Territori.

La costruzione del Muro ha portato alla confisca di migliaia di dunum (1 dunum = 1 km²) di terra palestinese. In alcuni casi, come nei villaggi del distretto di Qalqilyia, i contadini hanno mantenuto la loro proprietà, ma per poter lavorare la propria terra devono sopportare ostacoli e restrizioni.

Oltre alla libertà di movimento, c’è il regime dei permessi: ogni palestinese che voglia attraversare i checkpoint agricoli per coltivare i propri appezzamenti deve ottenere una speciale autorizzazione da parte delle autorità israeliane. Un permesso che può durare un mese, tre mesi o sei e che può essere richiesto solo dopo il decimo anno di età. Per chi è stato arrestato dall’esercito o detenuto in una prigione israeliana, non c’è alcuna possibilità di ottenere l’autorizzazione necessaria.

Proprio per questo, a preoccupare sempre di più è l’elevatissimo numero di minori che ogni anno vengono arrestati dai militari di Tel Aviv: una media di 700 all’anno. La prossima generazione avrà dunque difficoltà ancora maggiori nel lavorare le terre dall’altra parte del Muro di Separazione, e la già indebolita agricoltura palestinese verrà ulteriormente danneggiata, favorendo la dipendenza alimentare dall’importazione israeliana. Nena News

 VIDEO SOTTOTITOLATO IN ITALIANO
COLTIVARE AL DI LÀ DEL MURO | NENA NEWS | NEAR EAST NEWS AGENCY. 

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Chiara Zanone Translations

Italian translator and proofreader

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: