Skip to content

Fermare Sarkozy dal mandare in pezzi l’Africa Occidentale

31 marzo 2012
tags: ,

mcc43

Questo è un articolo da eburnienews.net
con la più esauriente analisi del golpe in Mali.

Perchè un colpo di stato militare
a poche settimane dalle elezioni?

Non riuscendo la Francia a disporre di una base francese in Mali, noi rischiamo (Algeria) di finire con le truppe di Alassane Ouattara, che è stato “eletto” da  Sarkozy al vertice della Costa d’Avorio,  alle nostre frontiere sud .

Perché, vedete, ECOWAS (Comunità economica Africa ovest) convocata  d’urgenza, ha deciso di agire per ripristinare l’ordine democratico in Mali. “Casualmente” l’ECOWAS, che è pilotato dalla  Francia, non richiede il ritorno al potere di ATT (Presidente destituito Amadou Toumani Touré) , ma solo delle elezioni il più presto possibile.

Perchè ATT nell’agenda  francese è un uomo politicamente morto.  Agli ingenui perplessi per l’accelerazione della sua uscita di scena attraverso l’alea di un colpo di stato, visto che stava per lasciare in potere entro qualche settimana, e per gli sforzi della Francia di apparire estranea al golpe, è il caso di ricordare che ATT rappresentava forze politiche e sociali che hanno avuto il loro peso nel rifiuto di una base francese sul territorio, nell’evoluzione dei rapporti con l’Algeria e nel modo di affrontare i problemi all’origine dell’instabilità nel nord del Mali.

ATT, AmadouToumaniTouré

E’ ormai chiaro – anche alla luce delle dichiarazioni ufficiali francesi – che dobbiamo rapidamente passare al post-ATT, perchè il golpe doveva estromettere dai centri decisionali queste forze, neutralizzarle e impedire  al presidente di influenzare le prossime elezioni, quindi far eleggere un ATT bis.

Che cosa rimprovera fondamentalmente la Francia  a Amadou Toumani Touré?

Di essersi allontanato dalle conclusioni della Conferenza contro il terrorismo del G8, tenutosi il 13 e il 14 ottobre 2010 a Bamako su iniziativa della Francia, e in assenza  dell’ Algeria ma con la presenza del Marocco (relazioni tesissime fra i due paesi a motivo dei Saarawi e del contrasto ad AlQaeda nel Magheb)
E’ evidente che i leader del Mali sono stati sedotti dalla potenza economica e militare  del G8  nell’ottobre 2010. La conferenza aveva promesso una pioggia di aiuti al Mali, che aveva deciso di accettare istruttori stranieri mettendoli nelle condizioni di influenzare gli ufficiali  più ‘ricettivi’; è stato altresì indotto ad accettare la supervisione politica ECOWAS in cambio di promesse sviluppo. In breve: vittoria totale della Francia che isolò l’Algeria,  introdusse il suo alleato Marocco, si assicurò una maggiore influenza anche militare in un paese che gli  si era sfilato dalle mani nel 1960.

I want you!

In meno di un anno i leader del Mali , ATT in testa, si rendono conto che le promesse del G8 sono aria fritta e adottano un atteggiamento nuovo verso l’Algeria, dal momento che l’unità del paese era in pericolo, visto  che i problemi socio-economici alimentavano i conflitti nel nord e introducevano rischi di secessione. Per la Francia è stato necessario contrastare nel più breve tempo possibile questa svolta ed evitare a ATT e ai suoi sostenitori di imporre una continuità. Il colpo di stato  ha avuto questo unico obiettivo.

Sarkozy&Ouattara

Chiedendo le elezioni in tempi rapidi, la Francia recupera per sé un paese in cui il potere è vacante nel periodo fra il golpe e le elezioni.
Come garantirsi in tal senso? Semplicemente usando:  ECOWAS che ha nelle sue mani, il suo “eletto”  ivoriano Ouattara, la MINURSO (Missione Onu per le — sempre rimandate – elezioni nel Sahara Occidentale,  nell’ambito del conflitto Marocco-Polisario) e la missione  Licorne (la “peacekeeping” francese in Costa d’Avorio che ha esautorato  il presidente Ggabo per sostituirgli Ouattara con la motivazione –falsa – di una sua vittoria elettorale) . Con Ouattara che recita la parte del bullo decisionista, la Francia arraffa, ma avrà forse sottostimato l’intelligenza e la determinazione delle forze patriottiche del Mali?

Algeri 26 marzo, 2012.

Lo spero per i Maliani!
L’unica affermazione che non mi trova concorde è quella secondo cui la Francia ha cercato di sembrare estranea al golpe. Non si è nascosta granché. Dopo la smaccata violazione del diritto internazionale in Libia, nulla sembra abbastanza vergognoso da dover essere tenuto nascosto all’opinione pubblica.


Seguendo la rivolta nel Nord del Mali (ved i post alla Tag: Tuareg) in queste settimane avevo evidenziato, pur nella mia inesistente preparazione in geopolitica, la strategia con la quale, giocando disinvoltamente con l’Aqmi e con i Tuareg, appoggiandosi sfacciatamente al Marocco,  la Francia sta letteralmente acquisendo un possesso imperiale sull’Africa nord-occidentale.


Solo gli Usa la possono fermare e lo faranno se la Francia eccede, ma fino a che resterà  nei limiti neutri per l’espansione americana (più spostata verso est)  ed entrambi si dividono d’amore e d’accordo la Libia, la SarkoFrancia incamererà risorse e gonfierà il suo peso internazionale.
Meglio non dimenticare, però, che gli Usa sono presenti in Mali con addestratori militari, perciò non sfuggiranno loro i dettagli dell’azione francese e già prima del golpe aiutavano con rifornimenti l’esercito regolare assediato al Nord dai combattenti del MLNA.


Non è mai stato applicato Liberté Egalité Fraternité nemmeno in Francia, figuriamoci in un continente traboccante di materie prime e di miseria dove sarà sempre possibile trovare  aspiranti lacchè disposti a offrire il loro paese agli artigli di Sarkozy, qualora un destino cinico e baro lo rivolesse all’Eliseo.


TUTTI GLI ARTICLI SUL MALI : https://mcc43.wordpress.com/tag/mali/

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: