Skip to content

Elezioni in Libia: durante e dopo l’era Gheddafi

7 luglio 2012

mcc43

I media internazionali ripetono che le elezioni  del 7 luglio 2012 sono le prime elezioni libiche. Sotto il governo di Muhammar Gheddafi, dunque non avvenivano consultazioni elettorali? Avvenivano, ma irriconoscibili per noi in quanto il principio di base era diverso da quello che vige negli stati occidentali.

 -Nelle nostre democrazie eleggiamo persone, nella stragrande maggioranza dei casi inquadrate dentro i partiti, alle quali deleghiamo poteri legislativi e amministrativi .
– Nel sistema ideato da Muhammar Gheddafi la democrazia era intesa, anziché come  processo di delega, come potere direttamente esercitato dal popolo.
Una democrazia diretta nella quale tutti i cittadini, come esposto nel Libro Verde (link it: gheddafi-il-libro-verde (1)   en: The Green Book FA649d01  e in questa dichiarazione di marzo1977 ) si riunivano  in Congressi popolari Di Base  e  sceglievano un Segretario locale,  equivalente a un portavoce.
L’insieme di questi  Segretari formava Congressi popolari NON di Base (l’insieme dei  portavoce delle decisioni) . Sempre dai Congressi Popolari di Base sortivano i Comitati popolari Amministrativi, aventi le stesse funzioni operative della nostra pubblica amministrazione, ma  con membri che non erano destinati a restare in carica come funzionari di carriera, bensì soggetti  a rimozione se tale era  la volontà dei Congressi popolari di base, ai quali soli competevano le decisioni e il controllo sull’operato dei  “portavoce”.
Era, per dirla in breve, un sistema di rappresentanze articolate, poichè vi erano anche Comitati  costituiti da appartenenti a  categorie professionali ; in cima  il Congresso Generale del Popolo, le cui funzioni erano ovviamente  meno  determinanti di  quelle dei nostri Parlamenti, ai quali deleghiamo la legislazione su ogni aspetto della vita nazionale.

Funzionava egregiamente questo sistema di democrazia diretta? Certamente no! Il suo buon funzionamento richiedeva che ogni cittadino si sentisse continuativamente impegnato e responsabile per l’andamento dello stato.
Il fatto che nel mondo si sia imposto il sistema della delega – concessa  in base a semplici promesse elettorali –  testimonia  che ogni cittadino ha scarsa tendenza a esercitare personalmente l’impegno democratico.
Si preferisce lasciare ad altri i compiti decisionali e limitarsi al rito della cabina elettorale  – che  conferma o punisce il politico in precedenza votato, se i meccanismi della legge elettorale vigente consentono la scelta dei candidati. Vi sono leggi elettorali come quella degli Usa dove l’esercizio del diritto di voto non è dato, ma è a richiesta di iscrizione nelle liste dei votanti e  dove l’elezione del Presidente è indiretta (link a sistema USA) 
Negli intervalli fra le consultazioni è il sistema dell’informazione a raccontare ciò che avviene nei Parlamenti eletti.  Naturalmente il racconto non è neutro, segue l’orientamento più o meno evidente della testata o del commentatore. Viene  suggerito il giudizio: se  l’operato è opportuno o meno, poichè il cittadino delegante si trova escluso dall’effettiva conoscenza e comprensione dei problemi, come pure dalla possibilità di individuare le conseguenze delle decisioni prese.

Quello che sta accadendo oggi in Libia, quindi, più che una conquista della democrazia è il riconoscimento della propria immaturità nell’esercizio di una democrazia diretta che pure  i libici avevano avuto l’opportunità di praticare.
In un servizio Rai, un giornalista libico intervistato aveva osservato “ Il sistema voluto da Gheddafi era un sistema avanzato applicato a una nazione troppo arretrata” .
Funzionerà il sistema rappresentativo in Libia oppure no? Se teniamo conto che, per quanto educati da decenni a questo meccanismo, in  Italia lo scontento è tale che l’astensione, ovvero l’indifferenza, è diventata il primo partito in ogni consultazione elettorale i dubbi sono leciti.

La legenda dice “” Alcuni hanno perso parti del loro corpo per consentire a te di votare…. Vota perché il prezzo è stato alto”

Guardando questo manifesto elettorale, la delusione sarebbe tragedia nella tragedia.  In realtà, quello che è costato caro ai libici è aver fallito con un sistema avanzato, aver lasciato che si formasse una classe di burocrati privilegiati invece di esercitare il dovere, il diritto e la funzione di controllo …

Uno dei principi del Libro Verde che dovrebbero riesumare è  “La democrazia è il controllo del popolo su stesso”.  Fino ad oggi la fierezza nazionale si  è manifestata sulla scena internazionale  nel braccio di ferro con la Corte Penale internazionale.
Proprio il contrario di ciò che avrebbe dovuto  essere per  l’avvio di una democrazia rappresentativa, perchè la riconciliazione nazionale è lontana, a causa  del  mancato disarmo delle milizie, e nemmeno  voluta dai leader attuali, vista l’esclusione dall’esercizio del voto dei cittadini leali verso Gheddafi fino alla sua morte.
Una sfida
grave alla riconciliazione , e che si protrarrà nel tempo, viene dalla  rivendicazione localistica delle risorse petrolifere. Si ammanta della richiesta federalismo ma in pratica causa sommosse, distruzione delle sedi dei comitati elettorali e schede andate a fuoco. Ieri un elicottero che portava materiale per la consultazione è stato abbattuto e l’incaricato, un volontario di 22 anni,  è morto.
Oggi a Brega si è iniziato a votare nel pomeriggio perchè l’automezzo con schede e urne è stato attaccato; a  Bengasi 
si vota in mezzo alle provocazioni e intimidazioni:  “Abbiamo il diritto di distruggere le sedi, dice un manifestante, abbiamo protestato per tre mesi e nessuno ci ha ascoltato, né il CNT né nessun altro!

Ma c’è anche chi festeggia in un modo assai strano; sgozzando due pecore davanti al seggio”
Lindsey Hilsum ‏@lindseyhilsum

Two men slaughtering a goat outside a #benghazi polling station. Time to celebrate #LYElect!

+++++

bibliografia nella raccolta http://www.searcheeze.com/p/mcc43/nuovo-governo-libico


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere la persuasione per non crederci e non cascarci nell'azzardo e nelle dipendenze, Addiction.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

JIHADOLOGY: A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri - www.medium.com/carmine-aceto

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

pietervanostaeyen

Musings on Arabism, Islamicism, History and current affairs

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages. (un blog à venir)

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

editoriaraba

Libri, autori ed eventi letterari da Nord Africa e Medio Oriente

Ella Gadda

"Oh, santo Dio, la vita ci raggiunge dovunque!"

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 1.024 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: