Skip to content

Italia-Libia, 100 anni di bombe: è il fascismo l’origine dimenticata degli interventi umanitari?

19 agosto 2012

mcc43    Google+

Libya – 100 Years of Bombing,
or Is Fascism the Forgotten Root of
Humanitarian Intervention?

by Mark Almond, 2011 Oxford 

**************************

Marc Almond è docente Storia Moderna all’ Oriel College, Oxford., attivista per i diritti umani, Presidente del British Helsinki Human Rights Group

In coincidenza con il compleanno dell’Italia, il governo di Silvio Berlusconi ha deciso di mettere a disposizione degli alleati della NATO sette basi aeree per i bombardamenti sulle forze del colonnello Gheddafi.

Per coincidenza, questo è  avvenuto  a cento anni da quando gli italiani inventarono i bombardamenti aerei e ne avviarono  la pratica con estrema precisione sulla Libia.
A un secolo di distanza della sua nascita sanguinaria il bombardiere torna in scena. Clio sembra provare un perverso godimento a far  sì che la storia si ripeta, prima in qualità di imperialismo poi come intervento umanitario, senza nemmeno modificare la scenografia.

Il 1 ° novembre 1911, il tenente Giulio Gavotti lanciò la prima bomba da un aereo. Secondo le autorità ottomane colpì  l’ospedale militare di Ayn Zara. Gli italiani fortemente negarono di aver mirato un impianto protetto dalla Convenzione di Ginevra. La moderna guerra aerea e la propaganda vanno di pari passo fin dall’inizio.

[…]

L’impatto della seconda guerra mondiale aveva lasciato in Italia  una profonda avversione a farsi coinvolgere in una guerra ma, guidato da ex-marxisti, il governo italiano accettò di dare il paese come  principale base di lancio per gli attacchi aerei sui Balcani [una parte dei quali era stata per breve tempo inglobata nell’ inglorioso nuovo Impero Romano di Mussolini (1941-43)]. I pescatori dell’Adriatico ancora tremano pensando ai rischi corsi, essere centrati dagli ordigni NATO scaricati in mare.
Nel 2011 un governo  con la partecipazione dei “post-fascisti” compete con i “post-marxisti”  per giustificare la rinnovata impresa bellica che, giusto in tempo per  celebrare l’anniversario,  ha fatto dell’Italia la “levatrice” della guerra aerea contro la Libia.

QUI LA  TRADUZIONE IN ITALIANO DELL’ARTICOLO COMPLETO

************************

ved. anche Gli anniversari disonorevoli:l’Italia e Tripoli

Annunci
One Comment leave one →
  1. barbara permalink
    26 agosto 2012 2:21 pm

    ma come? L’impero del bene non ci ha liberato dall’impero del male?
    Non è andata così? Ora siamo nel migliore dei mondi possibile, gioiamone no?
    Così racconta la propaganda

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: