Skip to content

Trent’anni fa: 16-18 settembre il massacro a Sabra & Chatila

15 settembre 2012

mcc43

Beirut e la sua lussuosa cosmopolita Downtown,  Beirut e i  quartieri ovest degli espatriati da ogni parte del mondo arabo. Due di questi quartieri periferici sono entrati nella storia perché teatro di un episodio di guerra, un episodio con disonore: il massacro dei profughi Palestinesi a  Sabra e Chatila. 

§§§

Era agosto, 1982 :   Usa Francia Italia e Israele  firmavano l’istituzione di una “Forza Multinazionale di interposizione” che avrebbe dovuto garantire  l’evacuazione ordinata delle forze dell’OLP.  Quella che Israele sarcasticamente aveva etichettato come operazione  Pace in Galilea, e che per tutti è la Seconda guerra del Libano iniziata nel mese di giugno, si chiudeva con la cacciata dell’Olp da Beirut.

Il presidente  libanese neo eletto, Beshir Gemayel , figlio del fondatore del partito nazionalista di estrema destra Falangi Libanesi, non ebbe tempo di insediarsi, vittima – il 14 settembre – di un attentato di marca palestinese. La sua morte sarà  l’innesco di un’esplosione vendicativa.
Ognuno, uomo donna, giovane vecchio o bambino, politicizzato o indifferente, combattente o meno, perchè profugo e palestinese divenne bersaglio di un odio di lunga data.

Dal pomeriggio del 16 settembre, con l’entrata nei campi delle milizie cristiano-falangiste di Elie Hobeika alleate di Israele, i Palestinesi dei quartieri contigui di Sabra e di Chatila verranno giustiziati nel modo più selvaggio in una due giorni di furia bestiale che induceva a torturare, impalare, smembrare, stuprare e saccheggiare. E rubare. Rubare a chi già era stato scacciato dalla sua casa in Palestina e lì viveva precariamente, strappare dal corpo ancora caldo della vittima del proprio odio una catenina o un anello. Infamie di cui è capace l’essere umano quando maneggia un’arma di fronte a un inerme.
I bulldozer spianano case e spostano masse di cadaveri, l’ospedale viene assalito,  i medici stranieri cacciati, quelli  palestinesi uccisi insieme ai feriti che là si erano rifugiati.
Al calar della notte non c’è sosta: i razzi sparati dalle truppe di occupazione di Israele illuminano la carneficina, i furti, il sadismo sui vivi e sui morti. Si seppe poi che molti dei miliziani erano sotto effetto di droghe.

Il bilancio certo delle vittime non si potrà fare. I resoconti di guerra sono, come ovvio,  inaffidabili. Molti sono scomparsi nel nulla. Non tutti i cadaveri si sono potuti ricomporre per dar loro un nome, molti sono stati sotterrati in fosse comuni nelle stesse ore in cui avveniva il massacro. Certamente non sono nell’ordine delle centinaia, ma delle migliaia. 1700?

Se per la storia i numeri contano, per la memoria collettiva conta l’orrore, lo spavento, il lutto di chi da quell’orgia di violenza è riuscito a scampare.
Camminavo per le strade di Chatila a fianco di una sopravvissuta. Ogni suo passo un ricordo: qui c’era una casa, qui c’era una piazza, qui hanno sterminato un’intera famiglia, qui ho visto con i miei occhi, qui mi hanno ordinato

Oggi Sabra e Chatila sono di nuovo densamente popolate, le case crescono in altezza nello stretto spazio concesso al campo e dai vicoli scompare la luce del sole. La vita è difficile, ma in questi campi profughi ho percepito una volontà di vivere che non ho trovato  altrove  e una certezza che, Insh’allah, si realizzerà il Diritto al Ritorno.

Comandante militare delle truppe israeliane era Ariel Sharon.  Dopo una lunga e potente carriera politica, nell’aprile del 2006, colpito da ictus è entrato in coma e da allora vive in stato vegetativo. Poiché infiniti sono i misteri della mente, non è possibile escludere completamente che, nonostante la lesione cerebrale, su uno schermo misterioso stiano scorrendo le scene di quelle notti illuminate dai suoi razzi mentre gli alleati gli trucidavano  il “nemico”, e quali sentimenti le accompagnano.

§§§§

Da sempre contigui i due quartieri, ora sono indistinguibili. Resta come confine simbolico uno stretto corridoio, largo quanto il corpo di un uomo robusto, fra due grandi caseggiati. Di qui Sabra, di là Shatila, come si vede nel brevissimo clip:

Nel  video sottostante c’è  la testimonianza diretta di due donne sopravvissute al massacro.
Raccontano l’orrore del sangue, il fetore dei cadaveri, la voragine piena di  corpi nei sacchi di plastica e la terra che scendeva a ricoprirli, l’incredulità  di ciò che i propri occhi constatavano,  le urla e le voci che gridavano ordini, oppure menzogne per favore il lavoro dei carnefici. E c’erano, sì c’erano,  anche  soldati israeliani.
Ci trovavamo nel sito che conserva la memoria dell’evento e c
’era il desiderio camminare leggeri, di sfiorare appena il suolo  perché sotto, a pochi metri, c’erano loro: le vittime, per le quali il termine “martiri”  è più appropriato. 
Dei ragazzini giocavano al pallone, del resto quel lembo di  prato  è l’unico spazio abbastanza esteso nella congestionata  Sabra-Chatila dove un bambino questo lo può fare.

 

*****
Chatila oggi …..

a proposito del comandante delle falangi assassine:

Proprio lui, Hobeika, nel Libano pacificato nel 1989 e occupato militarmente dalla Siria, è stato ministro gradito proprio ai siriani, dal 1990 fino al 2000. Hobeika infatti fu amnistiato e diventò, per paradosso, subito dopo la guerra ministro per i Profughi! Ancora più agghiacciante la scelta successiva: i siriani lo videro bene, dall’ottobre del 1992, ministro degli Affari Sociali e dei portatori di handicap.

da Globalist.it

vedere anche

Gli articoli di Robert Fisk, uno dei primi giornalisti a entrare nei campi.
“The forgotten massacre” articolo dell’Independent.   in inglese  in italiano pubblicato come
“Do you Remember Sabra e Chatila”  da Ferrivecchi

“Sabra e Shatila, ce lo dissero le mosche… ”  Globalist.it

L’articolo  ” 30 Years After Sabra and Shatila the Genocide Continues with Impunity”  nel sito nsnbc di  Christof Lehman

Annunci
3 commenti leave one →
  1. 20 settembre 2012 8:15 pm

    http://english.ruvr.ru/2012_09_20/The-killing-of-US-ambassador-to-Libya-who-is-to-blame/

    Mi piace

    • 20 settembre 2012 11:02 pm

      Grazie:)
      L’articolista ricorda che lo smacco, ovviamente tragico sul piano umano, dell’uccisione dell’Ambasciatore Stevens nasce dalla miope politica americana inaugurata da Bush-Cheney ma che Obama non ha saputo rendere lungimirante.
      Come le persone, gli stati soffrono di complessi. Gli americani hanno un evidente complesso di superiorità almeno dalla fine della seconda guerra mondiale, si sono sentiti investiti dal ruolo di liberatori e giustizieri e l’intero Occidente è entrato in questa raffigurazione, l’ha sorretta collaborando, mettendo a disposizione territorio, eserciti, ideologie e valori correnti.
      Non hanno intuito Obama e il suo staff che non tutte le vittorie sono definitive come fu quella contro Hitler. Il nemico che si sono costruiti per sostenere ancora il senso di superiorità è proteiforme. Il terrorismo islamico non ha una testa che si può decapitare, non è un regime dittatoriale, è una diffusa ripulsa del dominio degli Usa ed è condotta con le armi che essi stessi hanno fornito.
      Il caso libico, è evidente, non ha nulla a che fare con la rivolta religiosa dell’Egittto e di altri paesi, sarebbe accaduto egualmente in concomitanza dell’11 perchè una componente integralista della Libia preferisce accodarsi al Qatar o ai Saduti – si vedrà chi vincerà – che all’America.
      E’ il fallimento di Obama che con l’uccisione – probabilmente solo teatrale – di Bin Laden intndeva sigillare la sua Presidenza con la vittoria contro il nemico numero uno e farne la base, non solo della rielezione, ma di più palesi e agili legami politici con i nuovi governi arabi. Li sperava fantocci e lo sono forse ma non tirati da fili americani. Il PM libico Abushagur, vicino ai Fratelli Musulmani d’Egitto, ieri si è prenurato di comunciare in Twitter di aver incontrato vari leader delle milizie di Bengasi “perchè hanno sostenuto la rivoluzione”.
      Non è strano quindi, anzi molto significativo, che in certe piazze sventolassero le bandiere nere insieme alla foto di Bin Laden.

      traduttore in italiano dell’articolo da The Voice of Russia: Uccisione dell’Ambasciatore in Libia: di chi la colpa?
      http://www.microsofttranslator.com/bv.aspx?from=&to=it&a=http://english.ruvr.ru/2012_09_20/The-killing-of-US-ambassador-to-Libya-who-is-to-blame/

      Mi piace

Trackbacks

  1. Trent’anni fa: 16-18 settembre il massacro a Sabra & Chatila | Cori in tempesta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: