Skip to content

Italia2013-dal Blog ilsimplicissimus: Censura pro Monti sulla “libera” Wikipedia

1 gennaio 2013
tags:

Censura su Monti in Wikipedia: comincia bene il 2013.

La prima notizia che mi ha colpito in questo primo giorno dell’anno è quella che mentre noi tiravamo Natale qualcuno si dava da fare per far sparire da Wikipedia i dati sul disastro economico prodotto dal governo dei tecnici. Una vera e propria battaglia che si è svolta nelle viscere dell’enciclopedia “libera” (le virgolette ci vanno tutte) per minimizzare il ruolo del premier nei circoli reazionari e liberisti come Trilateral, Bildelberg e Bruegel ed evitare che si conoscano i pessimi risultati della cura Monti. Una incredibile storia di utenti che tentano di inserire informazioni e vengono regolarmente respinti dai curatori (vedi nota alla fine del post)*. Così se vogliamo conoscere un po’ più da vicino le imprese del professore bisogna rivolgersi alla voce di Wikipedia scritta in francese che paradossalmente è assai più ricca di notizie e informazioni. Vi lascio qui il link se volete controllare.

La storia è stata raccontata da un sito di sinistra, Buio.org ed è poi approdata in questo passaggio di anno sul Giornale di Berlusconi che ovviamente ha tutto l’interesse a sollevare veli sul premier ex e in pectore allo stesso tempo. Anche questo ha un suo  deprimente significato: che nel coro dei media addomesticati si debbano cercare le informazioni sull’ house organ del Cavaliere , è davvero il colmo del grottesco in cui è finito questo Paese.

Del resto le manomissioni di Wikipedia dimostrano non solo la lunghezza delle manine di Monti, ma anche l’urgenza del personaggio di costruirsi un’immagine lontana dalla realtà e spendibile presso l’elettorato moderato, soprattutto quello che non voterebbe per quella corte dei miracoli di Casini, Ichini e compagnia, ma magari per un Monti edulcorato ed estrapolato dal suo vero contesto, un Monti di fantasia, sì. Il tentativo è in sé paradossale perché è rivolto a crearsi una credibilità all’interno, persa nel corso di un anno di drammatici errori e non apparire solo come il fiduciario per quei poteri europei, tedeschi, finanziari da cui è stato portato a Palazzo Chigi. E in questo tentativo anche l’enciclopedia della rete può servire. Tanto più che l’adesione alla sua agenda del Pd oltreché di buona parte dei salotti e media che contano, rende difficile svelare gli altarini di una prorompente mediocrità, di uomo per tutte le stagioni e persino di tecnico che è all’origine del debito pubblico italiano.

Acquisire una credibilità propria e non legata a voleri altrui è imperativo, soprattutto ora che il suo principale sponsor, Napolitano, si è sentito tradito dalle improvvise ambizioni politiche del professore e proprio ieri sera, durante la predica di fine anno ha fatto mostra di essersi accorto della “questione sociale” e ha tirato un siluro diretto in plancia quando ha sostenuto che  ”l’Italia non può stare in Europa da passivo esecutore”. Un po’ tardi visto che il presunto prestigio di Monti era in relazione proprio alla sua figura di passivo esecutore, di succedaneo della troika ed è stato colpevolmente aiutato in questo suo ruolo da tutto il ceto politico. Certo si potevano trovare maggiordomi migliori, ma pochissimi più fedeli per mentalità, ideologia, personalità. Dopotutto nulla è più facile da gestire e da guidare della presunzione.

Proprio quella che lo spinge a smuovere amicizie per profumare d’ incenso persino Wikipedia. Ma dovrebbe sceglierne una varietà migliore, perché l’odore sembra non sembra proprio quello aromatico e resinoso cui siamo abituati. Non voglio nemmeno pensare a ciò che hanno messo nel turibolo.

* Un grazie a Frah Elopram che ha districato la matassa delle censure su Wikipedia

Versione delle 22:49, 24 dic 2012 
Riga 98:
È stato, tra il 2005 e il 2008, il primo presidente del [[Bruegel]] (di cui è stato co-fondatore ed è tuttora presidente onorario)<ref>[Versione delle 10:18, 25 dic 2012 

È stato, tra il 2005 e il 2008, il primo presidente del [[Bruegel]]<ref>[
Versione delle 22:49, 24 dic 2012 
Riga 149:
Il [[31 ottobre]] [[2012]] viene approvato un decreto legge volto a riordinare l’assetto territoriale dello Stato, in particolar modo coinvolgendo le [[Province d’Italia|province]], che vengono ridotte da 86 a 51 e mutate in ente di secondo livello<ref>{{cita web|url=http://www.corriere.it/politica/12_ottobre_31/province-approvato-riordino_af46c2a6-2353-11e2-b95f-a326fc4f655c.shtml|titolo=Sì al riordino: Province ridotte a 51|editore=corriere.it|accesso=19 novembre 2012}}</ref> e le [[Città metropolitana|Città metropolitane]], che vengono finalmente istituite, a più di dieci anni dalla loro introduzione in [[Costituzione]]<ref>{{cita web|url=http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-10-31/addio-province-regioni-ordinarie-063654.shtml?uuid=AbG8CbyG|titolo=Province, il Governo approva la riforma: gli enti diventano 51 (35 in meno). Abolite le giunte. Via dal 2014|editore=ilsole24ore.com|accesso=19 novembre 2012}}</ref>. La riforma sarà in vigore a decorrere dal [[1º gennaio]] [[2014]]<ref>[
====Risultati====
− 
Durante l’anno del [[Governo Monti|Governo Monti I]] il PIL italiano ha registrato una contrazione del 2,4%<ref>Cfr. [− − 
La contrazione del PIL non ha giovato alle politiche di rigore, che avevano tra i primi obiettivi la riduzione del debito pubblico. Il debito pubblico dell’Italia nel novembre 2011 ammontava a 1916 miliardi di euro, il 119% del PIL: un anno dopo aveva sfondato il tetto dei 2000 miliardi, e si era attestato al 126% del PIL.
− 
L’aumento del debito pubblico di sette punti percentuali rispetto al PIL è da addebitarsi anche e soprattutto alla pronunciata contrazione di quest’ultimo. Il deficit annuo dell’Italia è infatti leggermente diminuito per effetto dei tagli alla spesa sociale, dell’introduzione dell’IMU, del rincaro dell’IVA e delle accise. Questi provvedimenti hanno comportato un aumento della pressione fiscale esercitata dallo Stato sui cittadini dal 50,5% al 55,2%. Progressi significativi sono stati fatti sul fronte della lotta all’evasione fiscale, in linea di continuità con le politiche del precedente [[Governo Berlusconi IV|governo Berlusconi]].
− 
La disoccupazione è cresciuta dall’8,6% al 10,8%. I consumi degli italiani si sono contratti del 3,6%.
− 
Risultati positivi si sono avuti sul piano dello spread, sceso da 500 a 300 punti, grazie soprattutto all’energica difesa dell’euro da parte del presidente della BCE, [[Mario Draghi]]<ref>Cfr. [http://finanza.lastampa.it/notizie/1476,482844/FMI_peggiora_le_stime_sul_debito_PIL_dell_Italia.aspx FMI peggiora le stime], Lastampa.it, 9 ottobre 2012; [http://www.corriere.it/economia/12_luglio_19/confcommercio-nota-evasione-sommerso_26b41b1e-d178-11e1-aa2d-fec7547fb733.shtml| Pressione fiscale: in Italia è la più alta del mondo], Corriere.it, 19 luglio 2012</ref>.

Versione delle 10:18, 25 dic 2012 
Il [[31 ottobre]] [[2012]] viene approvato un decreto legge volto a riordinare l’assetto territoriale dello Stato, in particolar modo coinvolgendo le [[Province d’Italia|province]], che vengono ridotte da 86 a 51 e mutate in ente di secondo livello<ref>{{cita web|url=http://www.corriere.it/politica/12_ottobre_31/province-approvato-riordino_af46c2a6-2353-11e2-b95f-a326fc4f655c.shtml|titolo=Sì al riordino: Province ridotte a 51|editore=corriere.it|accesso=19 novembre 2012}}</ref> e le [[Città metropolitana|Città metropolitane]], che vengono finalmente istituite, a più di dieci anni dalla loro introduzione in [[Costituzione]]<ref>{{cita web|url=http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-10-31/addio-province-regioni-ordinarie-063654.shtml?uuid=AbG8CbyG|titolo=Province, il Governo approva la riforma: gli enti diventano 51 (35 in meno). Abolite le giunte. Via dal 2014|editore=ilsole24ore.com|accesso=19 novembre 2012}}</ref>. La riforma sarà in vigore a decorrere dal [[1º gennaio]] [[2014]]<ref>[
CENSURATI I RISULTATI.
http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Mario_Monti&diff=next&oldid=54869417

le parti censurate sono in grassetto

_____________________________________________________________________

mcc43 – Monti : l’uomo per tutte le stagioni: https://mcc43.wordpress.com/2011/11/11/mario-monti-e-mustafa-abduljalil-va-dove-ti-porta-il-surf/

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: