Skip to content

Francia: la sfacciata conquista del Mali

12 gennaio 2013

mcc43

L’antefatto

Le mosse jihadiste e la furia francese

L’ingenuità, la manipolazione, il razzismo

.

L’antefatto

dal post Il complotto dalle mille incognite  

Il 20 dicembre, come promesso:  la nuova risoluzione,  n. 2085  con la quale il Consiglio di Sicurezza approva l’intervento e  lo denomina African-led International Support Mission in Mali (AFISMA), la esplicita: Mission in Mali for Initial Year-Long Period,  richiede che il dispiegamento di truppe per l’offensiva sia preceduto sia dalla continuazione degli sforzi di mediazione, sia dalla ricostruzione dell’esercito maliano con il contestuale addestramento dei soldati.  La durata prevedibile di questa fase preparatoria è quantificabile in un anno, come precedentemente anticipato dal mediatore incaricato dall’Onu, Romano Prodi, in varie interviste.

Le mosse jihadiste e la furia francese

La galassia terrorista non  sta ferma. Il suo scopo è terrorizzare la popolazione  e creare vie per i suoi traffici, sebbene  i media preferiscano insistere sull’imposizione della “sharia”. In qualsiasi momento è possibile dire che essa pone in pericolo l’intero stato, ed è quello che a Hollande è piaciuto fare il giorno 11 gennaio, al riparo della richiesta d’aiuto del  suo uomo, il presidente Traore e di  una riunione urgente  del Consiglio di sicurezza per vedere  sancita la situazione “d’emergenza” . Tutto questo ricorda l’inizio pretestuoso dell’operazione Libia nel 2011.

Alle ortiche tutte le raccomandazioni dell’Onu: dialogo con le forze non jihadiste che operano nel nord e preventivo rafforzamento del disastrato esercito maliano.

Sebbene gli osservatori reputino   che le forze legate ad AlQaeda sovrastimino  se stesse, la ferocia delle loro azioni,  la direzione verso il sud, in direzione quindi della capitale di Bamako, delle ultime conquiste sono state il pretesto del momento per lanciare un’operazione militare francese che anticipa e snatura la decisione Onu dell’invio di truppe dei paesi vicini (Ecowass o Cedeao secondo la dizione per comunità economica Africa occidentale). Ora questi paesi,  nominalmente indipendenti e praticamente vassalli della Francia, si apprestano essi pure ad inviare truppe, ma il comando è ormai direttamente in mani francesi.

E’ cominciato male l’operazione: una carneficina di jihadisti (non vedo il motivo di esultare) e la morte di un pilota francese la cui vita vale assai di più  per l’opinione pubblica e per  Hollande, ciò a fronte della modesta rivendicazione di aver “liberato” la città di Kona. Bombe intelligenti che hanno colpito solo in fondamentalisti in armi o al popolazione civile?  Di ciò al momento nessuno parla.

Altrettanto poco si rileva che la Francia ha contestualmente lanciato nella notte tra venerdì e sabato un blitz in Somalia per liberare il suo agente segreto catturato dagli islamisti locali nel 2009 (!) . Il commando francese si è trovato  di fronte a una  resistenza sorprendentemente forte. Due soldati francesi sono morti, insieme a 17 terroristi , e sulla vita dell’ostaggio al momento le versioni sono discordanti.

Tutte queste operazioni sono state decise da Hollande senza consultarsi con il Parlamento, che sarà ufficialmente informato solamente lunedì 14 gennaio. Questo consente il sistema del presidenzialismo: la volontà di un sol uomo, sia pure eletto direttamente dai cittadini, può portare un paese in guerra, senza consultarsi con l’assemblea dei parlamentari, essi pure eletti. 

Hollande ha la sua guerra in Mali, una guerra che non era riuscito a far approvare, e che inizia curiosamente lo stesso giorno in cui si doveva aprire a Ouagadougou l’incontro  tra i rappresentanti del governo del Mali da un lato, e il MNLA  e Ansar Eddine dall’altro. E’ il  colpo di grazia al processo  politico.

L’ingenuità, la manipolazione, il razzismo

Vi è qualcosa di peggio di un  intervento imperialista, ed è quando  questo intervento è caldeggiato dalla nazione stessa.  Non solamente l’asservito presidente Traore chiedeva l’intervento,  la popolazione stessa era stata preparata a invocare aiuto immediato e molti sono i “Merci la France” che si leggono in rete. 

E’ facile indurre l’opinione pubblica in errore, la Libia insegna. Alcuni lo avevano compreso subito (ben pochi appartenenti alla classe politica) ma solo ora  Silvio Berlusconi lo ammette a chiare lettere  in un’intervista  a AdnKronos   

Roma, 11 gen. (Adnkronos) – In Libia ”non era primavera araba, non era una rivoluzione della gente, Gheddafi era amato dal suo popolo”, perche’ mancava la liberta’ ma il popolo aveva il pane e la casa gratis. E’ stata ”una decisione del governo francese di andare a intromettersi in una disputa interna, fatta passare come una rivoluzione”.

Ora il Mali è in guerra e il governo ha ordinato la chiusura delle scuole nella capitale, nella quale sono dispiegate le truppe francesi. Il razzismo della popolazione  trova alimento e anziché vedere che nei fatti l’avanzata islamista in Mali è avvenuta dopo il colpo di stato del capitano Amadou Sanogo, che ha impedito si tenessero le previste elezioni,  l’attribuisce ai Tuareg del MLNA che nel marzo scorso avevano dichiarato l’indipendenza della regione (tutti gli articoli che ricostruiscono gli eventi della destabilizzazione del Mali sono alle Tag: Mali, Tuareg). La popolazione maggioritaria del sud  sono i Mandinga, detengono le leve del paese e non hanno alcuna simpatia per i recidivi ribelli Tuareg che vivono al nord. Uno dei costi umanitari più alti di questa “invocata” aggressione francese saranno altre migliaia di profughi in fuga dal conflitto dilagante.

Advertisements
5 commenti leave one →
  1. 14 gennaio 2013 1:41 am

    Ogni giorno che passa mi fa sempre più schifo questa immonda civiltà.

    Mi piace

    • 14 gennaio 2013 12:06 pm

      Ci diranno forse che siamo dei retrogradi, che manchiamo di pragmatismo e chi sa che altro ancora, ma anche io dico così.
      Una civiltà che si rigira in barbarie, non quella istintiva dei barbari antichi, ma in una sofisticata architettura della violenza preparata dosando le menzogne come un cuoco usa il sale e le spezie. Ma c’è una responsabilità personale di fronte a chi manipola, basterebbe aver letto Pinocchio invece di crescere con i Puffi e i Manga

      Mi piace

      • 17 gennaio 2013 9:45 pm

        Carissima, grandi parole, ma come ben sai purtroppo le tue e quelle di molti altri possono incidere solo una piccola parte dell’infamia che pervade la società. Purtroppo, per una serie di problemi, ho dovuto tralasciare alcune cose, ma quelle volte che ti leggo e che seguono alcuni infami avvenimenti trovo sempre di più confermate le mie ipotesi. Gheddafi aveva visto giusto e il suo omicidio è stata la premessa per castigare tutti quegli stati che avevano appoggiato la sua idea pan-africana, ma è solo l’inizio.

        Mi piace

  2. 4 febbraio 2013 10:30 am

    I am truly grateful to the owner of this site who has shared this impressive post at here.

    Mi piace

    • 4 febbraio 2013 6:30 pm

      Thanks… et compliments pour votre blog. Tres interessant cet article LE CIEL D’ATHÈNES SE VOILE SOUS LES FUMÉES DE LA CRISE Italie aussi sous les fumees … 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

editoriaraba

Libri, autori ed eventi letterari da Maghreb, Medio Oriente e Golfo

Ella Gadda

"Oh, santo Dio, la vita ci raggiunge dovunque!"

Aletho News

ΑΛΗΘΩΣ

Tom Rollins

Middle East politics: Egypt, Israel-Palestine and foreign policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: