Skip to content

Tuareg del Sahara: sopravvivere senza patria

14 gennaio 2013
tags: ,

mcc43

Il blog   CAFE’ AFRICA è

Un luogo d’incontro e di discussione per raccontare l’Africa e per cercare di conoscerla più profondamente, superando i luoghi comuni di cui spesso è vittima e indagando su aspetti poco noti.”

                                                                              ***

Tratto da questa preziosa fonte,  pubblico un estratto dell’articolo:

I Padroni del Sahara – La lotta Tuareg per sopravvivere in mezzo al tumulto del Nord Africa.

di Peter Gwin – settembre 2011 

Il comandante ribelle, il suo volto nascosto dietro un turbante scuro, apre la strada sulla sabbia morbida, nera bruciata in alcuni punti da colpi di mortaio esplosi e cosparsa di detriti di una serie di battaglie combattute qui, sul campo di calcio per bambini.

Ad ogni passo, i nostri piedi spesso sfiorano cartucce di fucile.

“Passa sui miei passi”, avverte, sottolineando che l’esercito del Niger aveva minato l’area, dove c’era stata una scuola per i Tuareg. I suoi uomini hanno rimosso alcuni dei dispositivi, altri sono rimasti perso nelle sabbie mobili. “Forse sono sepolti troppo in profondità per esplodere se ci si cammina sopra.”

È un tardo pomeriggio della stagione secca e la temperatura finalmente è scivolata sotto i 38° C. Le dune beige che si estendono a nord iniziano ad assumere una tonalità rosa e le ombre dai ripidi crinali a sud-ovest si stanno diffondendo in tutto il fondovalle. In questa valle solitaria chiamata Tazerzaït, dove il massiccio dellAïr incontra il grande mare di sabbia del Sahara, gli uomini del comandante hanno vinto la più grande battaglia della loro biennale ribellione contro il governo del Niger.

I ribelli, tutti Tuareg, discendono dai fieri nomadi che per secoli hanno dominato il lucroso commercio carovaniero dell’oro, delle spezie e degli schiavi che s’incrociavano questa regione desolata del Nord Africa. Lottando sotto la bandiera del Movimento dei Nigerini per la Giustizia (MNJ), in parte sostenuta dal leader libico Muammar Gheddafi, avevano catturato 72 soldati governativi a Tazerzaït e rinnovato le loro richieste affinché le entrate derivanti dall’uranio estratto in Tuareg fossero divise. Per una dimostrazione di buona volontà, i Tuareg rilasciarono tutti i prigionieri, tranne uno. “è un criminale di guerra”, dice il comandante.

Mentre camminiamo il comandante spiega che i Tuareg locali hanno costruito la scuola a Tazerzaït perché è vicino ad un pozzo centrale alla aree di pascolo, che permette alle famiglie di visitare i loro figli quando si muovevano le loro mandrie. In precedenza, i locali che volevano offrire un’istruzione ai propri figli dovevano mandarli in villaggi lontani e raramente li vedevano.

“Mio padre conosceva solo come vivere nel deserto”, dice il comandante. “Sapeva come organizzare la carovana di sale a Bilma, come trovare pascolo nel deserto, come cacciare antilopi nei canyon e le pecore selvatiche di montagna. E questo è quello che so anch’io, ma la vita del deserto sta finendo. I nostri figli hanno bisogno della scuola.”

Arriviamo in cima ad una scogliera dove si trovano tre aule di mattoni di fango, le pareti scavate con fori di proiettile, i loro tetti mancanti. Le lavagne sono coperte di graffiti lasciati dai soldati francesi con bestemmie nigerine e vignette raffiguranti i Tuareg che fanno sesso con gli animali.

[…]L’esercito del Niger sta contrastato la sua sconfitta sul terreno con l’acquisizione di elicotteri, e i ribelli di recente sono stati sorpresi da un assalto dall’aria che ha ucciso diversi uomini, tra cui uno dei loro leader. […] “Comprano elicotteri per combatterci, non per costruire scuole o pozzi per noi”, dice il comandante. […]

Per raggiungere questo angolo remoto del deserto più grande del mondo è necessario attraversare un paesaggio – un vasto primordiale luogo costellato da saline che richiede la gran parte di un giorno di viaggio per percorrerlo, le distese di dune che salgono e scendono come mari violenti, e affioramenti colossali di marmo vetroso e ossidiana che fuoriescono dalla sabbia come creature marine estinte. Innumerevoli generazioni di guerrieri Tuareg hanno governato questo regno, chiedendo tributi dai commercianti che solcavano le vie carovaniere e razziando tribù sedentarie lungo il fiume Niger per gli animali e schiavi.

Alla fine del 20° secolo, i Tuareg sono stati l’ultimo popolo dell’Africa occidentale ad essere pacificato dai francesi, e le loro terre sono state assorbite in parti del Niger, Mali, Algeria e Libia. Quei governi hanno generalmente ignorato la loro minoranza lasciandoli vagare per il deserto con le loro greggi di cammelli e capre. Ma negli ultimi decenni, a causa della minor quantità di pioggia durante le stagioni umide, le famiglie Tuareg hanno incominciato a dover lottare per mantenere gli allevamenti di considerevoli dimensioni. “Gli animali sono tutto per un Tuareg”, un anziano nomade, una volta mi spiegò. “Beviamo il latte, mangiamo la loro carne, usiamo la loro pelle, li commerciamo. Quando gli animali muoiono, i Tuareg muoiono.”

Con le loro mandrie in declino, i Tuareg del Niger hanno cominciato a chiedersi perché il governo non abbia condiviso con loro la ricchezza derivante dai ricchi giacimenti di uranio, che per decenni è stato estratto dalle loro terre da pascolo. Negli anni ‘90 una milizia Tuareg, molti dei suoi membri addestrati e armati da Gheddafi, ha combattuto l’esercito del Niger. In seguito fu firmato un accordo di pace, ma poco è cambiato. Nel 2007 il governo stava negoziando contratti con la Francia per rendere Niger il secondo produttore mondiale di uranio e altri accordi con compagnie straniere per esplorare il deserto per altre risorse. Con la nazione affogata nella povertà ed il governo che rifiutava di effettuare investimenti significativi in aree dominate dai Tuareg, i nomadi si sono nuovamente ribellati. Nel frattempo, trafficanti di droga e un ramo nordafricano di Al Qaeda si sono stabiliti nella regione e il governo del Niger ha accusato i Tuareg di essere coinvolti con loro.

 


L’articolo, illustrato da suggestive immagini,  prosegue a questo link

http://cafeafrica.wordpress.com/2012/06/15/i-tuareg-del-sahara-come-sopravvivono-nei-tumulti-del-nord-africa/#

english version from National Geographic 

Annunci
2 commenti leave one →
  1. 28 gennaio 2013 3:28 am

    Sono i discendenti dei Garamanti, che hanno abitato fin dal primo millennio a.C. il Fezzan libico, l’Hoggar, parte del Mali e del Niger. La loro patria è il deserto, ma il deserto senza frontiere, scrive Gaudio nella presentazione dell’edizione italiana del libro di Mano Dayak (Tuareg, la tragedia – 1°ediz. 1995, 2°ediz. 2006, EMI, Bologna), uno dei principali responsabili della rivolta tuareg degli anni 1990 contro la politica di emarginazione o di assimilazione forzata dei governi nigerino e maliano, contro le frontiere imposte dai colonizzatori, contro il pericolo di genocidio. Ne segue un’ondata di repressioni, l’organizzazione della lotta armata, con quattro movimenti partigiani in Mali e tre in Niger. Infine tutte le frange politico-militari tuareg proclamano Mano Dayak presidente del Coordinamento della Resistenza Armata (CRA), che nel gennaio 1995 concorda con il governo di Niamey la creazione di una commissione di riflessione in vista di una ripartizione amministrativa del paese.

    Mi piace

    • 28 gennaio 2013 10:14 am

      Il servizio controllo spam aveva dato una qualifica inesatta al tuo commento, che è pertinente. Ho visitato il tuo sito, naturalmente grazie al traduttore di Google dal russo, molto interessante l’articolo sulla formazione di un tink-tank. Buon lavoro

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: