mcc43

translator

Chi perde è comunque l’elettore

http://www.modenatoday.it/~media/base/15960919689645/la-solitudine-dell-elettore-alla-pol-gino-nasi.jpg

di

Massimo Fini

  • 12/02/2013

Fonte:

Che agonia. Non si puo’ aprire la Tv senza vedere le solite facce di palta che pontificano. Non si puo’ accendere la radio senza sentire le loro voci odiose. Non si puo’ sfogliare un giornale senza essere sommersi da un profluvio di dichiarazioni, contradditorie, immotivate, irrealistiche, iperboliche. E sono tutti nati ieri. Sono tutti vergini. Non c’è nessuno, che pur essendo in politica da vent’anni e magari anche da trenta, abbia l’onestà intellettuale di assumersi, almeno pro quota, qualche responsabilità del disastro, economico e morale, in cui è caduto il nostro Paese. La rigetta sull’avversario o presunto tale. Dovrebbe bastare questo spettacolino indecente per convincere il cittadino che abbia un minimo di discernimento a dire: sapete qual’è la novità ? Io non voto, non vengo a legittimarvi, per l’ennesima volta, a comandarmi per altri cinque anni dovendovi anche pagare profumatamente.

La democrazia rappresentativa è una finzione il cui rito culminante sono le elezioni. Lo è tanto più oggi che, dopo la caduta del comunismo, tutti i partiti, a parte qualche eccezione senza rilievo, hanno accettato quel libero mercato che, insieme al modello industriale, è il meccanismo reale che detta le condizioni della nostra esistanza, i nostri stili e ritmi di vita e di cui le democrazia è solo l’involucro legittimante, la carta più o meno luccicante che avvolge la polpetta avvelenata. Le antiche categorie di destra e sinistra non hanno più senso (ammesso che lo abbiano mai avuto perchè il marxismo non è che l’altra faccia della stessa medaglia: l’industrialismo). Non esistono più le classi, ma un enorme ceto medio indifferenziato che ha, più o meno, gli stessi interessi. Tuttavia questo ceto medio, per abitudine, per il martellante lavaggio del cervello da parte dei media legati alla classe politica (l’unica rimasta su piazza) si divide fra destra e sinistra con la stessa razionalità con cui si tifa Roma invece che Lazio, Milan o Inter. E quando il cosiddetto ‘popolo della sinistra’ (o della destra) scende in piazza per celebrare qualche vittoria elettorale, ballando, cantando, saltando, agitandosi, è particolarmente patetico perchè i vantaggi che trae da quella vittoria sono puramente immaginari o, nella migliore delle ipotesi, sentimentali, mentre i ricavi reali vanno non a questi spettatori illusi ma a chi sta giocando la partita del potere (la ‘casta’ per dirla con Gian Antonio Stella). Ad ogni tornata elettorale c’è un solo sconfitto sicuro, che non è la fazione che l’ha perduta (che verrà ripagata nel sottogoverno in attesa, al prossimo giro, di restituire il favore) ma proprio quel popolo festante insieme a quell’altro che è rimasto a casa a masticare amaro per le stesse irragionevoli ragioni per cui l’altro è sceso in piazza. Vincano i giocatori dell’Inter o del Milan è sempre lo spettatore a pagare lo spettacolo.

Annunci