Skip to content

Libertà? Soltanto uno spicchio per volta.

3 marzo 2013
tags:

mcc43

da History Channel 

L’EMANCIPAZIONE DEI SERVI DELLA GLEBA IN RUSSIA

    Il 3 marzo 1861 lo zar di Russia Alessandro II firma il più importante di una serie di decreti che aboliscono la servitù della gleba nell’Impero russo. Nel 1850 in Russia. più del 90% della popolazione era impegnata nell’agricoltura, e oltre 20 milioni di contadini erano soggetti alla servitù della gleba, erano cioè legati alla terra che coltivavano, dunque comprati e venduti assieme ad essa, ed erano inoltre subordinati personalmente ai proprietari, spesso parte di un’aristocrazia terriera assenteista, propensa a consumare le proprie rendite in spese di prestigio più che ad investirle in impieghi produttivi. Divenuto zar nel 1855, Alessandro II inaugura una politica riformistica, con lo scopo di introdurre elementi di modernizzazione nella burocrazia, nella scuola, nel sistema giudiziario e nell’esercito. La riforma più importante è il decreto di abolizione della servitù della gleba, con il quale i contadini-servi acquistano la libertà personale e la parità giuridica con gli altri cittadini, e contemporaneamente la possibilità di riscattare le terre che coltivano e trasformarsi in piccoli proprietari.

L’800 ha cancellato legalmente  la pratica della schiavitù di cui la servitù della gleba era una forma. Erroneamente si è creduto che la libertà di movimento e di decisione per la propria vita fosse il punto di arrivo della civiltà. In realtà era l’inizio di una necessaria liberazione interiore, affinché “catene”  manifeste  non si trasformassero in catene interiori, più difficili da rompere proprio per l’invisibilità.  

La libertà, pur  tanto desiderata, ispira un segreto timore sul quale prosperano altri “padroni”:  mode, movimenti culturali artistici politici, dilaganti campagne pro/contro, appelli alla mobilitazione. Anche quando gli slogan sono improntati a una qualche “libertà con una parola che la qualifica”   sono una forma di conformismo.
Il movente, ignorato o meno, è sconfiggere il senso di solitudine che accompagna la “libertà senza aggiunta di specificazioni” alla quale non si arriva sommando solo  libertà parziali dall’ obiettivo di volta in volta suggerito dall’esterno. Solamente la piena libertà interiore consente di scegliere da sé obiettivi concreti e specifici senza , o prima, 
che si muova l’onda collettiva. 

Occupy“Occupy WS” per liberarsi dello strapotere della finanza oppure votare per la libertà dalla casta politica sono un surrogato dell’autentico movente libertario, come pure le primavere arabe.
In tutte queste mobilitazioni di diversa natura c’è un dato in comune “Basta!”. Allora, perché non “prima”?  Perché prima si era intenti a qualche altra “urgenza” magari inventata?
In Italia, andando a ritroso, la priorità non era stata la vergogna (nazionale?) del bunga bunga , indietro ancora la liberazione dal fumo passivo. Improvvisamente i fumatori furono promossi a cinici avvelenatori sociali, via via cacciati dai treni, dagli uffici e , a Milano almeno, anche da determinati parchi pubblici. Ci si chieda come mai per decenni vi sia stato per il parassitismo dei politici solo un malcontento individuale, poi sia emerso oggi come l’unico Male. Liberiamocene e tutto andrà bene è la convinzione talmente ingenua da stupire.

“La memoria generale funziona come i bit: uno-zero, vuoto-pieno. Oggi ricordo quello che mi sublimi, domani lo dimentico. E il ciclo riprende.”  leggo nel blog di unlucano.

Queste improvvise euforie collettive innescate con il concorso dei media – indipendenti! – monopolizzano temporaneamente il dialogo delle società, ostacolando la consapevolezza dell’esistenza di nuove forme della servitù o perfino dello schiavismo. Non è forse  rinato  con il traffico di esseri umani? Donne, bambini non vengono  rapiti, violati, sfruttati per la “libertà sessuale” di altri? Non esiste il traffico d’organi dai paesi poveri a quelli ricchi conseguente alle “luminose” conquiste della scienza? La tecnologia che si è sviluppata, in Occidente, utilizzando materie prime da predare, in Africa, non ha favorito la brutalizzazione d’intere popolazioni, legando indissolubilmente la sorte dell’individuo a quella della terra in cui è nato?

Assurdità! Scrivo contro la schiavizzazione avendo in mente il  Congo, il Niger, il Mali. Lo faccio su un notebook, non su una innocua macchina da scrivere. Scrivo, cioè,  su uno strumento che esiste proprio grazie a quei materiali depredati agli africani e usufruisco, così, della “libertà di pubblicare in rete“.

Scienza e tecnologia non sono sviluppate da menti libere, al contrario:  fortemente condizionate dalla competitività imposta e dall’obiettivo dei futuri profitti. Sviluppano scoperte in questa direzione, alienate dal concetto di  libertà collettiva che nei fatti le loro invenzioni andranno a violare, trascinando gli utilizzatori finali nel condizionamento ad una identica cecità.
La servitù interiore, di persone che la nostra epoca celebra come geniali,  provoca l’effettiva servitù per intere popolazioni, creando e questo è veramente paradossale, le condizioni per cui queste stesse popolazioni ambiscano  alla “libertà di possedere”  quegli  strumenti creati con la rovina del loro paese e, per mezzo di essi, assaggiare uno spicchio della libertà illusoria. 

Blood in the mobile

Vedere “Coltan e schiavitù
e la raccolta articoli (ita-fr-en) Blood in the mobile, cliccando sulla foto

Advertisements
7 commenti leave one →
  1. Marc permalink
    3 marzo 2013 4:16 pm

    e la libertà di fare le ferie tutti a ferragosto dove la metti? people or sheeple? Intraducibile in italiano, così faremo sempre più fatica ad accorgercene.
    è un pò che non commentavo, ma in quanto a leggere non perdo un colpo, ciao Palestina 🙂

    Mi piace

  2. gino permalink
    3 marzo 2013 5:54 pm

    è tutto giusto. alternativa? proletari di tutto il mondo unitevi! incominciamo come la campagna antifumo, conquistiamo le coscienze. occorre organizzazione vera, le rivoluzioni non sbocciano da sole. se c’è qualche Marx moderno si faccia avanti. dato che io posso immaginare cosa occorre, ma non so come!

    Mi piace

    • 3 marzo 2013 6:11 pm

      … perchè un Marx moderno dovrebbe ridefinire la categoria “proletario” su base planetaria e al di fuori del sistema industriale, probabilmente. E se la sua rivoluzione si basasse sulla menzogna, come quella contro il fumo passivo, è sicuro che starei all’opposizione.

      Mi piace

  3. 3 marzo 2013 7:14 pm

    Mi aiuti a crescere, e di questo ti sono riconoscente. Hai detto tutto in poche quanto intensissime righe. Grazie Habibi, grazie…della libertà!

    Mi piace

    • 3 marzo 2013 7:22 pm

      shukran… Contraccambio l’apprezzamento.

      Mi piace

  4. 7 marzo 2013 2:33 am

    My dear friend, I have nominated you for The Sunshine Award! Congratulations! Please visit this link:
    http://moorbey.wordpress.com/2013/03/06/sunshine-award/

    Mi piace

    • 7 marzo 2013 11:34 am

      As I answered on Moorbey, I thank you of the nomination to Sunshine Award, I feel honored as your blog is growing from your wider activity, deserves.
      I try to remind my country, that is becoming multiracial, the beauty of this development, and the injustices that white arrogance caused in the world (posts are to tagged Color). All the best, panther
      Come ti ho risposto in Moorbey, ti ringrazio di avermi nominato al Sunshine Award, sono onorata perchè il tuo blog, che nasce da una più ampia attività, lo merita.
      Faccio quello che posso per ricordare al mio paese che sta diventando multirazziale, la bellezza di questo evento e le ingiustizie che che la bianca arroganza ha causato nel mondo (post alla tag Colore)- Ti auguro il meglio, pantera!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

editoriaraba

Libri, autori ed eventi letterari da Maghreb, Medio Oriente e Golfo

Ella Gadda

"Oh, santo Dio, la vita ci raggiunge dovunque!"

Aletho News

ΑΛΗΘΩΣ

Tom Rollins

Middle East politics: Egypt, Israel-Palestine and foreign policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: