Skip to content

L’ora dei demagoghi: dai poveri al “poverello”

17 marzo 2013

mcc43

 Ogni demagogo fa leva sull’irrazionalità;  parte da bisogni latenti e alimenta indignazione, paura, rabbia e soprattutto odio. Scelto un responsabile dei mali sociali ne fa il capro espiatorio, sacrificato il quale, giustizia sarà fatta.
L’atteggiamento spavaldo e insultante è tipico del demagogo che cavalca le insoddisfazioni diffuse.
Insinuante e ipocrita è l’atteggiamento del demagogo  paladino di ambizioni di nicchia che si esprime “come se” il suo obiettivo fosse una pressante esigenza collettiva delle persone evolute progressiste colte; l’avversario non è un mostro, come è  l’avversario del populista,  ma un cretino, un oscurantista e  un ”fobico” .
In queste settimane il demagogo del primo tipo cavalca la “povertà”, il secondo  la “sessualità”.  C’è una  differenza di velocità nel far danno: il demagogo dei bisogni settoriali  procede forzatamente con lentezza, tranne temporanei exploit , il secondo con velocità devastante ed è al presente in azione senza  che sia messo in atto un contrasto efficace.

§§§

Non dimenticare i poveri” è in varie formulazioni il concetto più ribadito  in queste settimane.  Noi lo sappiamo che esistono i poveri. Li incontriamo per strada e nelle denunce di coloro che dei poveri costantemente si occupano. La reiterazione mediatica è strumentale, segnala lo scivolamento demagogico che contagia le Istituzioni,  dove alla denuncia dei mali si accompagna il silenzio sulle modalità con cui verranno esercitate le  funzioni pubbliche .

Signori, cosa intendete fare praticamente
esercitando il vostro ruolo?

 

**_**-Grillo  —- Otteneva ovazioni della piazza narrando  i  suoi incontri con persone disperate che  “non ce la fanno più”.  Problema tragicamente reale, il reddito di cittadinanza  una misura opportuna e urgente che mette l’Italia alla pari con altri paesi europei.  Ma quale azione  del Movimento 5  Stelle dentro le Istituzioni segue alla declamazione?

Può realizzarsi questo obiettivo – che ha procurato più di otto milioni di voti – se il parlamento è  “una scatola di tonno” ? Non occorre costruire le premesse per una linea d’azione concreta partendo dalla scelta delle forze politiche che possono favorirne la realizzazione?
Ha cavalcato, Grillo, la soppressione delle erogazioni di fondi pubblici ai partiti, ponendo come esempio il suo Movimento costruito in rete. E’ possibile contare sul fatto che ininterrottamente la totalità dei cittadini devolva il proprio tempo, denaro ed energie per sostenere i partiti politici? Si userà il portafoglio anziché il voto per segnalare consenso o dissenso?
Il PD fu criticato per la richiesta di un contributo per le spese delle primarie nell’importo di due euro. Allora, d
i quali italiani fantasticano  coloro che ora cavalcano  la soppressione dei  contributi dello stato per l’esercizio della democrazia?

 **_** Boldrini   —- Ottiene una standing ovation con “Dovremo dare strumenti  a chi ha perso il lavoro, a chi rischia di smarrire perfino l’ultimo sollievo della cassa integrazione, ai cosiddetti esodati, ai tanti imprenditori  …. schiacciati dal peso della crisi, alle vittime del terremoto e a chi subisce ogni giorno gli effetti della scarsa cura …”  Questa enunciazione esercita effetti concreti?

Non ho dubbi che corrisponda all’autentico sentire di Boldrini, ma assumendo la funzione di Presidente della Camera le compete un atteggiamento  diverso da quello tenuto come  “portavoce” Onu. Il suo discorso non ha esplicitato il modo con cui intende condurre e vigilare sul lavoro parlamentare. Continueremo ad avere una Camera che procede a rilento, via via costretta a semplice notaio dei provvedimenti emanati dal Governo, che non aiuterebbe la sollecita legislazione a favore degli “ultimi”?

 

**_** Grasso

 “Mai come oggi il paese ha bisogno di risposte rapide ed efficaci” Certamente! L’enunciazione è inappuntabile, ma “come” intende Grasso condurre e vigilare sul lavoro del Senato? Non l’ha detto.

 

**_** Neo-parlamentari.

Scroscianti applausi allorché viene nominato Giorgio Napolitano. Perché?
La situazione politica ed economica in cui si trova l’Italia oggi è la diretta conseguenza del fallimento di Mario Monti, l’uomo che Napolitano ha personalmente scelto, promosso senatore a vita, incaricato di formare il Governo. Un Governo  lacrime e sangue che ha legiferato  eludendo una regola economica, confermata dal buon senso, per  sacrificare i redditi in una fase di recessione. Il Governo voluto dal Presidente Napolitano ha agito in modo da aggravare la recessione stessa. Che cosa significa, dunque, l’applauso tributatogli  da parte dei neo-parlamentari che hanno ricevuto una delega di rappresentanza dagli italiani “che non ce la fanno più”?

 

**_** Papa Francesco.

Sono  piaciuti ai giornalisti demagoghi  la sua modesta croce di ferro, l’abitudine di viaggiare sui mezzi pubblici, la passione per il calcio, l’assunzione del nome di Francesco, il poverello di Assisi.  Ed è piaciuto soprattutto lo scivolamento – sorprendente  in un gesuita –  nella demagogica e populista dichiarazione “Voglio una Chiesa povera”. Cosa significa, Santo Padre,  una Chiesa povera?

Preti che vanno alla questua sgomitando con i Rom questuanti in metropolitana?

Significa che una Chiesa senza mezzi finanziari è più libera di esercitare il suo magistero nelle varie nazioni  con le  più disparate situazioni sociali e politiche?
Significa che senza mezzi finanziari si potranno condurre meglio le opere di assistenza nel Terzo Mondo?
La parola alta da pronunciare non era forse  Onestà? Onestà nella gestione delle risorse finanziarie, onestà che smantella le lobby che dall’interno della Chiesa intrallazzano con il mondo politico e finanziario, onestà per una promessa esplicita: lo IOR diverrà una Banca Etica.

Donarsi alla folla per le strade di Roma non è probabilmente un’intenzione demagogica personale di Bergoglio, ma è una conseguenza del clima demagogico che trattiene dalla prudenza.
E’ possibile escludere il verificarsi del gesto di un folle? E’  prudente far correre questo rischio  all’Italia in questo momento? Erano “eccessivamente” “regali” i papi precedenti nell’usare la “papa mobile”? Se Francesco d’Assisi aveva “sete di martirio”, è auspicabile che il gesuita Bergoglio non provi la medesima (orgogliosa) aspirazione.

Sarebbe altresì opportuno che la Chiesa non lasciasse soli i Francescani nella sapiente sospensione del giudizio storico sul Santo.

Fu San Francesco un fervente crociato o un apostolo del dialogo?
Incontrò davvero il Sultano a Damietta nel 1209 o è un mito cresciuto fra il popolo? L’episodio ha per origine una cronaca del vescovo di San Giovanni d’Acri che mai nominò Francesco d’Assisi. Successivamente l’episodio è stato raccontato in modi contrastanti sia nell’atteggiamento del Santo sia nella descrizione del Sultano. [questo testo Alfonso Marini , storico e francescani sta, docente di storia medievale : SAN FRANCESCO D’ASSISI, LE CROCIATE E L’ISLAM 1. UN PROBLEMA DA DISCUTERE vale tutto il tempo necessario per la lettura delle 10 pagine che lo compongono.] Servono fondi per la ricerca storica che elimini dalla Chiesa la bassa propaganda agiografica, e una Chiesa povera non lo potrebbe fare. Ma suona tanto bene  il dirlo.

§§§§

Annunci
7 commenti leave one →
  1. salgino permalink
    17 marzo 2013 6:39 pm

    sono abbastanza d’accordo. Sono tutte domande da porre, però sono meglio dichiarazioni generiche di questo tipo che altre puramente formali. C’è demagogia e demagogia. Anche il “buona sera”, pur pronunciato da un gesuita, devo riconoscere che mi è piaciuto.
    cordiali saluti

    Mi piace

    • 17 marzo 2013 6:43 pm

      così come anni fa tanto piacque “un milione di posti di lavoro”. E’ penoso vedere la folla che grida insulti a Berlusconi oggi , avendo votato magari il partito di Grillo.

      Mi piace

  2. 18 marzo 2013 9:32 am

    Su tutte: ““Non dimenticare i poveri” è in varie formulazioni il concetto più ribadito in queste settimane. Noi lo sappiamo che esistono i poveri. Li incontriamo per strada e nelle denunce di coloro che dei poveri costantemente si occupano. La reiterazione mediatica è strumentale, segnala lo scivolamento demagogico che contagia le Istituzioni, dove alla denuncia dei mali si accompagna il silenzio sulle modalità con cui verranno esercitate le funzioni pubbliche”. Non saprei da dove partire. E’ irrituale per uno come me, rimanere ammutolito, perchè trovo chi ha espresso un concetto nella massima forma e senso compiuti. E’ da ieri che penso a volerti commentare, ma non ci riesco: dovrei citare tutto il post e ne sfibrerei la composizione molecolare intrinseca. Sei perfetta! Demagogia? Ormai la realtà ha superato di parecchio ogni forma e contenuto della fiction, letteraria I mean! Le tue domande e le asserzioni sono un momento così semplice da essere incredibilmente monumentali. Hai disegnato uno Stonehenge attorno al momento angolare dela nostra società: schemi e parole per lasciare tutto com’era, dando una parvenza di una diversità di fondo impossibile, proprio perchè applicata con strumenti della retorica demogogica? Bellissimo: da stampare e affiggere dovunque. Soprattutto ai destinatari dei semplici suggerimenti o delle doverose domande. Buon inizio di settimana Maktub!!

    Mi piace

    • 18 marzo 2013 1:13 pm

      Il tuo apprezzamento mi tocca profondamente, poiché è grande quello che ho per il tuo blog. Anche io ho pensato a lungo sul tuo post che ricorda agli italiani immemori… no inconsapevoli del sangue che è costata l'”unità amministrativa” dell’Italia. Che altro non è stata ed è una ferita aperta per la gente del Sud. Non so per te, ma per me non sono tanto le offese che si ricevono ma il silenzio sulle medesime quello che ferisce di più. Il maledetto fare “come se ” le cose fossero come vengono raccontate da chi ha maggior voce in capitolo. Metto qui il link al tuo post 17 marzo: anniversario delle stragi del Sud! .
      Buona continuazione, come gocce di pioggia insistente 🙂

      Mi piace

  3. 18 marzo 2013 4:46 pm

    E allora che pioggia sia, battente e insistente a irrigare la fertilità dei nostri animi, quelli sì, volti e rivolti all’essere umano e non alle categorie in cui lo si vuole per forza di cose confinare e dominare!..e infinitamente ringrazio la tua attenzione: non credo proprio di meritare tanto, ma l’accetto serenamente come stimolo a crescere. E che il battente della pioggia annulli il silenzio che ci ferisce. Ibtissam per te, Safia!

    Mi piace

  4. Barbara permalink
    18 marzo 2013 5:10 pm

    la Boldrini è una sostenitrice delle guerre umanitarie Nato
    http://aurorasito.wordpress.com/2013/03/16/laura-boldrini-lingua-biforcuta-e-volto-umano-della-nato/

    http://aurorasito.wordpress.com/2013/03/18/uccidere-la-speranza-laura-boldrini-eritrea-e-libia/

    Mi piace

    • 18 marzo 2013 5:19 pm

      Sì, non ne ho parlato perchè mi sono concentrata sull’oggi. Ho l’impressione che questi cantastorie di Monna Laura, fino all’altro ieri non sapessero chi era. Ma è donna, carina, targata nientemeno che Onu … una vera icona. Come faccia a contenere in sè “Sel” e Alto commissariato per i Rifugiati che produce più numeri di campi che campi attrezzati – o Fao – che talvolta manda cibo o medicine scadute nel terzo mondo è un mistero. O forse no, inutile dirlo chi vuole comprende . Ciao, grz di essere passata qui

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: