mcc43

I nomi di 16.175 vittime dei processi economici globali, morte nel tentativo di raggiungere l’Europa dalle coste dell’Africa, accolgono come una scia di dolore ormai muto i partecipanti  al WSF2013  a Tunisi

I migranti morti in Mare Lista dei nomi

Dopo la “primavera araba”  è stato possibile e  opportuno  convocare in un paese del Nord Africa  il World Social Forum 2013, dal 26 al 30 marzo.  E’ la prima volta dall’esordio del Forum nel 2001 a Porto Alegre. Il paese ospitante è la Tunisia.
Nel discorso d’apertura   il coordinatore Abdel-Rahman Al-Hazeely ha dichiarato:
“Siamo qui affinché la gente resti unita contro le politiche neoliberali.

La decennale  lotta sociale e politica del WSF capita nel bel mezzo delle trattative della Tunisia stessa e dell’ Egitto con il Fondo Monetario Internazionale. Le loro economie devastate necessitano di prestiti  ingenti ,per i quali il FMI pone le abituali misure capestro. La richiesta del Fondo è “ineludibile”: misure economiche per il pareggio del bilancio, decisioni  che incidono sulla vita della popolazione colpendo i ceti più poveri.  
A questa politica il WSF si è sempre opposto e, poiché i governi  nati dopo le rivoluzioni persistono nell’ assecondarle, questo Forum riflette la delusione e lo scontento che si diffonde nel mondo arabo. 

***

Le lista si allunga:

 

§§§

foto Twitter, via Claudio Riccio ‏@claudioriccio

Tematiche WSF2013 su ahramonline

Live del Forum in It. da ilcorsaro.info

Sito ufficiale fsm2013.org

Annunci