Skip to content

La vita e il “potere d’acquisto”

8 aprile 2013

mcc43

  • Crisi e suicidio

  • Consumismo e significato della vita

In questi giorni il paese è stato scosso dal triplice suicidio di Macerata; le condizioni economiche della famiglia hanno immediatamente indotto a inquadrare la tragedia nel novero dei “suicidi da crisi”.

Due suicidi al giorno per la crisi
E’ un vero e proprio allarme sociale
Drammatici i dati dello studio Eures: fenomeno in crescita, nel 2010 si sono tolte la vita 336 persone, tra imprenditori e lavoratori autonomi. Ventitrè i casi dall’inizio del 2012.
Da un’intervista, sembra che nel 2013 siano già ottantanove, in massima parte nel Nord-Est.

Naturalmente vi sono opinioni opposte, anche alla data dell’articolo precedente:

I suicidi non sono aumentati per la crisi
Le persone che si tolgono la vita a causa di difficoltà economiche sembrano solamente in aumento. Andiamoci piano: i dati statistici raccontano un’altra verità

Opinioni contrastanti solo in apparenza, poiché accettano piattamente l’idea del suicidio come una reazione non illogica alle ristrettezze economiche.

Perchè di questo si parla, non di “povertà”. I poveri sono nelle file alle mense delle organizzazioni religiose e alla distribuzione del Banco Alimentare.  Sono i senzatetto nelle stazioni e nelle metropolitane, che muoiono per il freddo e qualche volta per la violenza di bande criminali .

Quelli che attirano gli esperti di statistica, i giornalisti, le personalità delle Istituzioni al loro funerale sono persone che hanno perso lo status economico di cui avevano goduto, che si è improvvisamente dimostrato non più sostenibile.

In qualche modo è entrato nell’ immaginario collettivo che la perdita del potere d’acquisto possa togliere valore alla vita.
Le creazioni della pubblicità, dei film, della televisione che rappresentano un’umanità felice nell’agiatezza hanno una gran parte in quest’aspettativa di aver diritto al superfluo, perlomeno se guadagnato con il proprio impegno.
Su questo mondo inventato s’innesta la comunicazione politica con i suoi non-eventi. Lo abbiamo visto nel “governo di salvataggio” dallo spread. Ben pochi sanno esattamente cos’ è e non dubitano della più semplice definizione ” misura dell’affidabilità di un paese attraverso la differenza nei tassi d’interesse, a identica scadenza, pagati da uno stato, Italia, in rapporto a un altro, Germania.”
Che in realtà nel paese costretto a pagare di più i cittadini non siano largamente indebitati e che lo Stato italiano possegga parte della proprietà di aziende molto importanti e in perfetto stato di salute non interessa a chi calcola lo spread, perché esso è determinato da considerazioni di tipo politico ben più che economico.
Lo spread è finta logica, è  un indicatore ad effetto emozionale nell’ambito di un mondo irreale le cui le dinamiche effettive restano accuratamente nascoste.
Un disvelamento da quest’allucinazione lo si trova in un post del blog unlucano: ogni nostra azione quotidiana, che crediamo libera, inifluente a livello generale, è a nostra insaputa indotta,  e mirata a farci pagare più volte i danni e i guasti reali … che siamo stati indotti a provocare con i comportamenti quotidiani.
Immagini, statistiche, scoop sul nulla, notizie che ci fanno ragionare su ipotesi false, pericoli ansiogeni, spazi dedicati al “di là tua” come i social media agiscono come l’assunzione di una droga, dando  l’illusione di ampliare la propria potenza nel momento stesso in cui ci rendono più schiavi.

Discutere sui “suicidi per colpa della crisi “ è una delle peggiori allucinazioni strumentali al nascondimento dell’incantamento generale: vali se puoi comprare. E’ questo il motivo per cui viviamo? Il battito del cuore è lecito se il conto corrente non è in rosso? Scivolare giù dalla scala sociale equivale alla discesa nella tomba? 

Da quando è iniziata quest’allucinazione?

La logica e  sana volontà di star meglio trasformata in unico significato dell’esistenza umana. La visione prospettica dei nostri due occhi trasformata nell’occhio di Polifemo: si difende la solvibilità per la rata del mutuo nella completa ignoranza del vasto mondo nel quale contemporaneamente muoiono – non per suicidio ma per inedia – migliaia di persone cui è negato il diritto fondamentale di medicine e cibo. Queste persone esistono oggi, esistevano nel 2011 quando questo nostro paese faceva il tifo per l’intervento in Libia contro il fellone che , veniva detto, stava “bombardando” il suo popolo. In questo mondo irreale c’è posto per  un “cattivo” alla volta, mentre i disperati  continuano a esistere e a crescere, e ora il cattivo è la “crisi”.

E’ possibile, allora, essendosi convinti di vivere in un mondo in cui “basta rimboccarsi le maniche” per aver diritto all’agiatezza, diventare così disperati da uccidersi per la cartella delle imposte, la rata del prestito, l’insolvenza di un creditore? Epilogo di una vita falsata dentro un mondo irreale.

Le parole della Presidente della Camera ai funerali delle vittime della crisi di Macerata e le contestazioni che ha ricevuto in risposta sono un non-evento: solidarietà data e richiesta dentro un tragico errore di valutazione. Si piangano i morti da disperazione, riconoscendo che l’esistenza di tutti è da riscattare da un tragico equivoco. Perfino nelle parole del papa che invita alla speranza c’è traccia dell’equivoco. La speranza rimanda al futuro, un futuro che le persone dentro questo sistema che dà valore al potere d’acquisto non intravedono più. E’ nell’ oggi, nel qui e ora, l’urgente mutamento indispensabile, dentro l’animo. Un po’ meno credulità, un po’ più d’intuito personale sarebbe un buon inizio, perfino negli affari.

5 commenti leave one →
  1. 8 aprile 2013 5:54 pm

    Grazie per la citazione, innanzitutto! E intervengo solo su un punto di questo magnifico – sebbene amarissimo – sunto della leggerezza del nostro non-essere sociale. Oggi, Rai3 regionale Marche, interviene il sindaco di Civitanova (Scotto) a voler “placare” le polemiche delle urla levatisi contro la Boldrini durante i funerali di Romeo Dionisi, sua moglie Anna Maria Sopranzi e il fratello di lei Giuseppe Sopranzi. E sai che dice questo gentiluomo? Che bisogna superare questo momento e abbassare i toni! Evito di aggiungere altro, perchè tu e il tuo blog non meritate il mio attuale stato d’animo che va oltre ogni legalità universale. Rimango un selvaggio (non buono) che cerca di capire l’esprit des lois…e faccio fatica, credimi tanta fatica! Un caro saluto

    Mi piace

    • 8 aprile 2013 6:43 pm

      eh mio caro, il post me lo sono tenuto in un angolo della mente per un bel pò proprio per evitare esplosioni selvagge.
      Teniamo conto che abbiamo anche i giornalisti rapiti/fermati/sequestrati oh la là stanno bene e fanno colazione... Che vuoi che sia tacere che armiamo i ribelli in Siria, che quegli stessi rapiscono dei giornalisti che da un anno si adoprano per santificarli, che si dovrà con il cappello in mano chiedere ad Assad di rilasciare dei ribelli dalla prigione per riportare a casa i nostri. Basta chiedere il riserbo, e tutti feisbukisti rivoluzionari tacciono pur loro pudicamente. Ci vorrebbero i Monthy Piton ( e una clava! )

      Mi piace

  2. 10 aprile 2013 12:43 am

    un altro spunto….molto doloroso e vergognoso
    http://ilcorrosivo.blogspot.it/2013/04/gli-italiani-emigrano-nellaldila.html

    Mi piace

    • 10 aprile 2013 1:46 am

      L’elenco è impressionante, forse incompleto come dice l’autore.
      Un altro elenco si può fare per gli adolescenti che si uccidono e la spiegazione non si può trovare nelle difficoltà economiche.
      Allora? Andiamo fuori strada se cerchiamo in un fatto preciso la causa per la disperazione che sfocia nella morte auto-procurata. E’ tempo di ammettere che tutto questo “progresso” ci ha privato di qualcosa fondamentale dentro l’animo.
      Questi nostri politici hanno certo molte colpe e si devono vergognare per l’indegnità con cui affrontano il loro ruolo, ma per le persone che si suicidano il problema-soldi o lavoro è solo la goccia che fa traboccare una vaso che si sta riempiendo di smarrimento in tutti, a partire da metà del secolo scorso.

      Mi piace

  3. 19 aprile 2013 2:17 am

    Esatto, la speranza rimanda al futuro, ma questo è un vizioso argomento agnostico che presuppone una visione della propria vita direttamente dall’azione umana, dalla ragione e dalla sua conoscenza (in senso greco). Ma quando questa manca? E se viene meno per un fortuito caso che succede? E’ possibile sperare? O comunque è deleterio anteporre una “speranza” ad un presente invivibile?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Chiara Zanone Translations

Italian translator and proofreader

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: