Skip to content

Il buon giornalismo che ricerca e spiega. Ennio Remondino su: i Droni, assassini volanti

12 aprile 2013
7500 droni Usa e non bastano. Anche l’Italia ne vuole 5. Centinaia di attacchi e migliaia di morti. Sigonella capitale mondiale dei droni.

giovedì 11 aprile 2013 20:24
Robot assassini,
La strategia di Obama,
Sigonella capitale

La morte vola a caso. Il 6 aprile nella valle di Shultan, a 30 km da Asadabad, vicino al confine tra Afghanstan e Pakistan, le Forze Speciali afghane, che stanno scontrandosi con un forte gruppo di talebani, chiedono l’intervento delle Forze aeree. Il bombardamento causa la morte di una decina di talebani e le consuete “vittime collaterali”. Questa volta è toccato a 11 bambini tra 1 e 12 anni, oltre a 6 donne rimaste ferite. Ma era solo un orrendo bis. Sempre nello stesso distretto di Shingal, un mese prima, il 13 febbraio, altro intervento aereo della Nato che causa la morte di 10 civili fra i quali 5 bambini. Fu l’ennesimo episodio di vittime civili che spinse il Presidente Amid Karzai a emettere un decreto per vietare i raid nelle aree abitate. Ovviamente il decreto è rimasto lettera morta. Come restano da anni inconcludenti le inchieste dei Comandi Militari e impunite le stragi. Applicazione della “Opzione Zero”, zero morti in casa anche a costo di terribili “effetti collaterali”.

Robot assassini. Errori umani e killer meccanico-digitali, i Droni. Velivoli senza pilota a bordo controllati a distanza da un navigatore o pilota, sul terreno o in un altro veicolo. A gennaio Ben Emmerson, responsabile Onu per i diritti umani e il controterrorismo, ha annunciato l’avvio di un’inchiesta sull’uso dei droni e degli “omicidi mirati”. L’inchiesta, la cui conclusione è prevista nell’autunno di quest’anno, sta analizzando ora l’attività degli Stati Uniti, uno dei 51 Paesi -tra cui Cina, Francia, Israele, Pakistan e Russia- in possesso di droni e delle relative tecnologie. Gli Stati Uniti affidano la gestione del  programma Droni alla Cia. Alcune cifre d’assaggio. Nel solo Pakistan, dal 2004 al 2013, droni americani hanno eseguito 362 raid che hanno ucciso fra 2.629 e 3.461 persone. Versioni diverse ci dicono di 475 o 891 vittime civili, tra cui ben 170 bambini. Ma l’epicentro dei raid resta l’Afghanistan con 333 attacchi nel solo 2012, cui segue il Pakistan con pochi di meno.

La strategia di Obama. Il presidente, come primo sostenitore, e John Brennan, nominato a capo della Cia come esecutore del programma dei droni, tanto da rivendicarne pubblicamente i successi in Libia, Yemen e Pakistan. Effetti collaterali a parte. E polemiche interne. La Rete televisiva Nbc mostra un documento in cui l’Amministrazione Usa legittima gli omicidi selettivi con droni “dei principali leader operativi di Al Qaida o di una forza associata. anche se non esiste prova che abbiano pianificato l’esecuzione di un attacco contro il Paese”. 50 pagine Top Secret del Dipartimento di Giustizia per giustificare il progetto dell’uccisione del cittadino statunitense Anwar al Awlaki, capo di “Al Qaida in the Arabian Peninsula”, l’Aquap, accusato del tentato dirottamento di un aereo e assassinato nello Yemen nel settembre 2011 con un missile esploso da un drone. L’Osservatorio “Drone’s Watch” denuncia 385 raid in Pakistan e Yemen con la morte di 132 minori.

Sigonella capitale. I droni della Cia vengono fatti decollare da basi in Medio Oriente e Corno d’Africa. Un’altra base è stata realizzata nel giugno 2011 in un sito segreto dell’Arabia Saudita sotto la supervisione di Brennan, in attesa di quella che Usa e Nato stanno progettando a Sigonella nell’intento di farne “la capitale mondiale dei droni”. Per questa “guerra non convenzionale” con i killer volanti, il Pentagono aveva già deciso di aumentare del 30% la sua attuale flotta di 7.500 velivoli, con una spesa di 32 miliardi di dollari. L’Italia della crisi, oltre che fornire la base nella collocazione strategica siciliana, partecipa di suo per far sentire anche le nostre forze armate all’altezza dei soci Nato. L’Italia parteciperebbe con 4 milioni per 5 droni costruiti negli Usa, che verrebbero dislocati dalla Nato ovviamente a Sigonella, e per l’acquisto di missili e bombe di precisione anch’essi di fabbricazione statunitense. Uno spunto di polemica in più oltre al contestato acquisto degli F-35.

“Kill list” settimanale. Ci racconta il New York Times” che “più di 100 membri dell’apparato di Sicurezza Nazionale spremono le loro intelligenze “per raccomandare al Presidente chi sarà il prossimo a morire”. Una incredibile “Kill list”. Comunque, ci spiega l’autorevole quotidiano, l’ultima parola e firma spettano al Presidente. Bella consolazione. Di fatto i droni possono essere considerati un’evoluzione di quelle “Forze Speciali” per le quali nel 1987, presidenza di Ronald Reagan, venne costituito un “Comando delle Operazioni Speciali”, poi utilizzato nella “guerra globale al terrorismo” post 11 settembre 2001. Secondo un’inchiesta del Washington Post, queste formazioni militari sono presenti in 75 Paesi e, ad esempio in Afghanistan, destinate a restare ben oltre il 2014, fine della missione Nato a guida statunitense, per “dare la caccia ai leader degli insorti, catturali o ucciderli e addestrare truppe locali”. Direttiva segreta 2009 sulle Operazioni speciali.

Licenza d’uccidere. Sempre dal Washington Post. Il Comando delle Operazioni Speciali dispone di 54 mila specialisti delle 4 Forze Arnate, organizzati “in piccole unità d’élite con il compito di eliminare o catturare nemici e distruggere obiettivi; guerra non convenzionale condotta da forze esterne, addestrate e organizzate dall’UssCom; contro-insurrezioni per aiutare Governi alleati e reprimere una ribellione; operazioni psicologiche per influenzare l’opinione pubblica straniera così che appoggi le azioni militari Usa”. Negli Emirati Arabi sta nascendo una forza militare condivisa da Pentagono e Cia per potenziare le monarchie della regione da utilizzare anche in Africa. Esempio la partecipazione di Qatar ed Emirati nella guerra in Libia, modello per dimostrare come senza inviare truppe e subire perdite “leader di alcune potenze di media grandezza possono essere rovesciati a distanza” usando armi aeree e navali e facendo assumere il peso maggiore agli alleati. Chiaro.

fonte Globalist.ch – articolo

Voglia di droni: i segreti degli assassini volanti

§§§

Se Remondino si concentra sull’uso dei droni contro i “nemici”, occorre ricordare che negli Usa è con sentito usarli anche sul patrio suolo nei confronti dei cittadini . Il neo capo della CIA John Brennan bersagliato di proteste il giorno della sua recente nomina, ha specificato che essi vengono usati solo in caso di “imminente pericolo”.
Questo Tweet di Guido Olimpio è illuminante sulla mancanza del senso del diritto in senso generale, recuperato qua e là  attraverso  il richiamo a un diritto  specifico e parziale.

Advertisements
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

editoriaraba

Libri, autori ed eventi letterari da Maghreb, Medio Oriente e Golfo

Ella Gadda

"Oh, santo Dio, la vita ci raggiunge dovunque!"

Aletho News

ΑΛΗΘΩΣ

Tom Rollins

Middle East politics: Egypt, Israel-Palestine and foreign policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: