Skip to content

Susan Dabbous e la misteriosa prigionia dei giornalisti in Siria

19 aprile 2013
tags:

Amedeo Ricucci è laconico “Non ci sono le condizioni di sicurezza per tornare in Siria” , ma ci aveva assicurato di essere stato trattato con i guanti. Non c’era da dubitare che l’incolumità fosse per principio a rischio, poiché, preceduti da euforici annunci via Facebook della missione giornalistica, la loro vita era diventata per le bande criminali infiltratesi nella rivolta siriana un capitale da far fruttare.

Non sappiamo quanto, in denaro o in armi, poiché – se non sono in errore –  il governo italiano non ha risposto all’interpellanza del Movimento 5 Stelle; pertanto pur vantando tutti  l’intervento della Farnesina non è dato sapere in che cosa sia consistito questo lavoro sul quale si era chiesto uno stretto riserbo. Si può solo notare che la liberazione è avvenuta dopo il G8 di Londra dove Mario Monti ha avuto la possibilità di parlare con i rappresentanti del Consiglio siriano che, sebbene il sequestro non fosse opera dell’esercito libero siriano, hanno certamente modo di intervenire selettivamente sulle bande di AlQaeda, ormai presenza ampia e accertata nel paese. Si sa altresì che era opportuno far  avvenire la liberazione prima del 20 aprile,  data della riunione, ennesima, dei Ministri dei paesi  “amici della Siria” per evitare imbarazzo al Consiglio siriano, che chiaramente non ha il controllo della regione nord pur dichiarata “liberata”.  

****

Susan Dabbous, il volto femminile della spedizione giornalistica,  è più espressiva delle emozioni di quei giorni drammatici e più limpida circa le circostanze concrete, ma non nell’immediatezza della sua liberazione.
Nell’intervista video del 14 aprile il suo racconto è disteso, sorridente, ringrazia la Farnesina, ricorda il rapporto complice con una donna degli jihadisti: la preghiera islamica condivisa e  il cucinare insieme, ma l’intervista si conclude con la domanda “Ti senti al sicuro adesso?” “No, non mi sento proprio, è come se stessi ancora in una sorta di astrazione da me”.


Il coraggio con cui si affrontano le situazioni di pericolo ha un prezzo che si paga poi con il lento riaffiorare delle emozioni bloccate e del ricordo dei fatti che assumono la loro autentica carica drammatica, come si comprende dall’intervista rilasciata a quattro giorni di distanza.

(AGENPARL) – Roma, 18 apr – “Temevo saremmo rimasti nelle loroSusan Dabbous mani per mesi, così gli ho chiesto di insegnarmi a pregare. Volevo integrarmi il più possibile. E alla fine mi hanno liberata insieme agli altri”. A raccontarlo al settimanale Il Punto è Susan Dabbous, la giornalista freelance italo-siriana rapita in Siria e liberata, insieme ai colleghi Amedeo Ricucci, Elio Colavolpe e Andrea Vignali, il 13 aprile scorso. “Ci hanno fermato alle 14 e fino alle 19 siamo rimasti nel nostro van, del quale si sono fatti dare le chiavi, guardati a vista”. Racconta Dabbous al settimanale. “Eravamo in un villaggio ormai disabitato a causa dei bombardamenti del regime. Attendevano l’arrivo del loro capo. A sera, lo sheikh è finalmente arrivato e siamo stati portati in quella che sembrava una scuola. Non c’era elettricità, la luce era quella delle candele. Verso mezzanotte il primo spostamento. Ci hanno fatto incappucciare e salire sui veicoli. All’alba siamo finalmente arrivati nel nuovo covo, freddo e già più simile a una prigione. Il clima era brutto, molto pesante, sentivo le urla di altre persone torturate”. La giornalista italo-siriana racconta, poi, di aver ricevuto un trattamento differenziato: “Già durante il trasporto ero in un veicolo diverso. Ma dal quel momento in poi, il mio destino si è completamente diviso da quello dei colleghi e mi hanno tenuto in isolamento. Loro erano tre maschi, italiani. Io una donna, sola e italo-siriana. A causa delle mie origini, della doppia nazionalità e dei tanti timbri libanesi sul mio passaporto mi hanno preso per una spia. La prima domanda del capo è stata: ‘per quale intelligence lavori’?”. “Diverse volte – ha aggiunto Dabbous – ci hanno detto che ci avrebbero liberati. Sembrava dovessero rilasciarci da un momento all’altro. Giusto il tempo di controllare le immagini girate e controllare chi fossimo, e l’equivoco si sarebbe risolto rapidamente. Il controllo, invece, si è trasformato in qualcosa di diverso, piú lungo e angosciante”.

***

La conclusione di questa dis-avventura  non è solo personale.

– Riguarda  il ruolo dei media nelle zone di conflitto – un argomento per il quel rimando al post  Una leggenda del giorno d’oggi: l’obiettività dei reporter di guerra, considerando che i nostri reporter erano dichiaratamente attestati dal lato dei ribelli anti-Assad. 

– Riguarda le Istituzioni del nostro paese e i segreti di stato, che lasciano intravedere trattative che liberano (Rossella Urru e tanti altri italiani tornati a casa)  e altre che si concludono tragicamente, come per l’ingegner Silvano Trevisan ucciso in Nigeria.

– Riguarda in questo caso anche i ragazzi della scuola di Bologna coinvolti da Amedeo Ricucci nell’esperimento di “giornalismo partecipativo”

Si può supporre – senza un particolare accanimento critico – che vi sia stata alla base una leggerezza organizzativa e una carenza di valutazione dei pericoli.

Uno dei posti visitati dai giornalisti italiani, Jabal Turkmen, è la località dove è stanziato il campo d’addestramento dei ceceni, una delle fazioni più estremiste all’interno della Siria, che combattono a fianco dei ribelli contro il governo siriano. I quattro giornalisti non consideravano il loro itinerario come un viaggio ad alto rischio: erano previsti collegamenti via Skype con una scuola, e quotidianamente attraversavano il confine con la Turchia, tanto che Amedeo Ricucci dalle pagine del suo blog aveva dato notizia del suo imminente ingresso in Siria.

Se un gruppo viene rapito da islamisti, non da FSA, in zona dichiarata “liberata” chi ha effettivamente “liberato” la zona e la controlla? Ovvero: c’è differenza palpabile fra FSA e jihadisti? Oppure: Jihadisti hanno scacciato FSA e sono padroni del nord della Siria? Oppure… ecc ecc I nostri giornalisti hanno aperto più quesiti di quanti abbiano trovato risposta dal loro lavoro.

questo post è la conclusione del precedente Quattro giornalisti rapiti in Siria e l’italica logorrea

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

editoriaraba

Libri, autori ed eventi letterari da Maghreb, Medio Oriente e Golfo

Ella Gadda

"Oh, santo Dio, la vita ci raggiunge dovunque!"

Aletho News

ΑΛΗΘΩΣ

Tom Rollins

Middle East politics: Egypt, Israel-Palestine and foreign policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: