Skip to content

L’EGITTO e i nuovi Faraoni

5 luglio 2013

mcc43
Google+

Tanks del golpe

Con questi argomenti 

il capo delle forze armate e Ministro della Difesa generale Abdel Fattah Al-Sisi ha occupato il 3 luglio la sede della televisione, ha chiuso varie emittenti private, a sorpresa anche la  qatariota Aljazeera, ha deposto Mohammad Morsi, primo presidente eletto secondo i dettami delle democrazie rappresentative, sospeso la Costituzione, contemporaneamente designandone  il presidente Adly Mansour a nuovo capo dello stato, in attesa delle elezioni da indire dopo la modifica della Costituzione stessa.

Golpisti

L’annuncio del nuovo corso è avvenuto in televisione; intorno al generale Al-Sisi un variegato parterre. Il papa Copto Tawadros II, l’Imam capo Ahmed El Tayed dei Sunniti e Mohammad Al Baradei, (autoproclamato?) portavoce delle opposizioni laiche. Sinergia  del voltafaccia dell’esercito, della rivalsa delle forze minoritarie e della novità: il movimento dei Tamarud  e della loro petizione on-line in quattro lingue (!?) per chiedere le dimissioni di Morsi che ha raccolto, secondo le fonti, 17 o 20 milioni di firme (porta a porta? in rete? dove sono conservate e da chi?).

Ecco i  Tamarud: 

Tamarod team !

A prima vista il gruppo di punta   rammenta il cast di un serial televisivo.  I Soros’s Boys? Dalla rivoluzione “nata in Facebook” del 2011 alla “petizione on-line” del 2013,  il destino dell’Egitto corre nell’internet.

§§§

Poche voci osano definire l’operazione ciò che è: golpe militare, messo in atto mentre migliaia di persone manifestavano per Morsi, ma gli occhi del mondo erano affascinati dalla spettacolare manifestazione degli oppositori del Cairo.
Nonostante  le oceaniche dimostrazioni in Piazza Tahrir e l’ultimatum di 48 ore dato dai militari a Morsi per dimettersi, ovviamente rifiutato contestualmente alla proposta di formare un nuovo governo di larghe intese con le opposizioni, altrettanto ovviamente rigettato, il golpe ha colto tutti di sorpresa.

Massimo imbarazzo per Obama, cui la legge americana vieta di fornire aiuti   economici e militari a governi nati con un golpe,  e infatti questa parola non l’ha pronunciata e la tiene sospesa sulla testa di Al Sisi. Presto il ritorno al sistema costituzionale o gli aiuti non verranno erogati.  Tuttavia non si dimentichi : Al Sisi ha studiato in America, esattamente come il golpista Sanogo del Mali, e l’esercito egiziano è una potenza economica che richiese di inserire nella Costituzione clausole di intangibilità delle sue proprietà e affari, nonchè esclusione dall’obbligo di un bilancio dettagliato. In sintesi: da sempre il miglior alleato USA.

L’Arabia Saudita, nota per la sua passione dei golpe in casa altrui, ha esultato, molto meno il Qatar che a Morsi aveva dato larghi appoggi; da vedere se questo tornerà a raffreddare i rapporti fra le due potenze petrolifere.
Morcef Marzuki, del partito Ennahda legato alla Fratellanza Musulmana, e presidente della Tunisia condanna il golpe, ma un settore dell’opposizione comunica di voler seguire le orme degli egiziani fondando un movimento Tamarud tunisino.  Parole di condanna  anche dalla Turchia.

Soddisfatto, molto inopportunamente, il presidente della Siria Bashar Al Assad; se finora il suo esercito gli è rimasto fedele, nulla garantisce che una parte almeno possa staccarsi rivelando ciò che l’occidente spera: l’uso di armi chimiche. Vero o no, in politica basta affermarlo per dar luogo all’ intervento militare che finora si è esitato a realizzare.

Gli inquieti sono, era prevedibile, gli Israeliani e i Palestinesi di Gaza. Morsi si era adoperato nella crisi del novembre 2012, portando Hamas e Israele al cessate il fuoco. Ora gli accordi, così come gli aiuti che Morsi erogava a Hamas, sono appesi a un filo che già inizia a spezzarsi. Già il giorno 4 i mezzi dell’esercito hanno iniziato la distruzione dei tunneldi Rafah dove transitano gli aiuti vitali   per   1.800.000 palestinesi della striscia.
Imbarazzante e sottaciuto dai media  l’applauso dei Salafiti di Nabil Naim appartenente all’organizzazione della Jihad Islamista Egiziana che nel 1981 aveva assassinato il presidente Sadat.

§§§

Come ha potuto in un anno Morsi scivolare dai boati esultanti della piazza il giorno dei risultati elettorali (giugno 2012, 51% contro il 48% dell’ avversario, ex primo ministro di Mubaraq) alle urla del più viscerale  rifiuto?

Gli osservatori obiettivi sapranno elencarne gli errori ed evidenziare le trame ostili, quelle che seguono sono solamente alcune impressioni.

—- Una parte almeno della società egiziana soffre di scarsa memoria. Coloro che ringraziano l’esercito e festeggiano hanno rimosso le loro stesse proteste, durante il periodo di transizione fra la caduta di Mubarak e le elezioni,  per gli atti di straordinaria brutalità. Centinaia di manifestanti civili sono stati processati in tribunali militari e condannati a lunghe detenzioni, donne sottoposte a una forma di violenza personale chiamata “test di verginità”, e il caso di una ragazza spogliata e picchiata in strada dalle forze di sicurezza.  Dimenticato il massacro di Maspero, nell’ottobre 2011 caddero più di venti persone, per il quale sono stati condannati due ragazzi copti anziché , come chiesto dalle organizzazioni civili, i vertici dell’esercito che diedero ordine di sparare sulla folla.

— Le sporadiche ma continue manifestazioni di protesta sono spesso sfociate in atti di violenza che hanno offerto pretesti al FMI per negare all’Egitto la concessione del prestito richiesto.L’approvazione era altresì soggetta a una serie di dure riforme economiche imposte dal Fondo Monetario e che questo avrebbe provocato ulteriori proteste era cosa nota. Uno nodo che stringerà ogni futuro governo, come ieri strinse Morsi.

—Morsi, forse inebriato dal successo in diplomazia internazionale, alla quale probabilmente non tutti attribuivano la stessa importanza, aveva commesso il grave errore di dichiarare – o così è stato interpretato il provvedimento legislativo – il Governo al di sopra della Corte Suprema. 

Lo sfidante atteggiamento di conquista di posizioni preminenti dei Fratelli Musulmani ha certo contribuito a esacerbare il clima, creare scontri di potere, causare dimissioni di membri del governo e suscitare ritorsioni della Corte Costituzionale, che rifiutò la ratifica della Costituzione. La stesura della Carta aveva una forte impronta islamista, tuttavia venne approvata dal referendum popolare del dicembre scorso, fra le proteste dei cristiani e della corrente ancora legata a Mubarak.

— Recentemente Morsi si era schierato contro Assad, e  alcuni scrivono abbia ipotizzato un intervento militare che l’esercito, invece, non vuole;  Morsi non aveva mosso un dito quando un’alta autorità egiziana aveva ingiuriato l’Islam Scita, cui appartengono gli Hezbollah libanesi e l’Iran.
L’Egitto ha un grande territorio alle spalle della metropoli alla quale tutti guardiamo, identificando Piazza Tahrir con l’intera popolazione. Morsi e gli altri leader dei Fratelli Musulmani provengono da zone rurali e sono privi, a causa di decenni di ostracismo, dell’esperienza politica per cogliere il complesso degli interessi e coinvolgere le forze di opposizione. Sono l’unico movimento politico in dimensione ormai storica, con una base elettorale negli strati più poveri del paese e una dirigenza emersa dalla borghesia, ma in un anno  sono riusciti a crearsi ogni sorta di nemici.

§§§

In ambito internazionale si confondono spesso gli islamisti con gli jihadisti, e i Fratelli Musulmani contemporanei non praticano jihad, non sono fondamentalisti ma tradizionalisti. Distinzioni non  fatte nella propaganda anti-islamica innegabilmente in atto da anni. Non è improbabile che l’effetto secondario ma non casuale sia allargare le fratture nella comunità musulmana, con il rischio di una guerra interreligiosa fra Sciti e Sunniti. Uno sguardo generale alle reazioni dei nostri media e di siti che si occupano di politica internazionale evidenzia uno scarso sdegno per  il colpo di stato militare, mentre traspare un evidente grado di soddisfazione per l’uscita di scena dei Fratelli Musulmani, l’unico “partito” d’ispirazione religiosa ad aver vinto delle elezioni democratiche.

Potrebbe avere sul piano dell’informazione un maggior gradimento Mohammed Al Baradei, e non è improbabile che venga incaricato di formare il governo. Nel suo passato un Nobel per la Pace ottenuto dall’International Atomic Energy Agency oltre a lunghe permanenze negli Stati Uniti e in Europa. Si potrebbe perfino supporre che un governo di Al Baradei sia la volontà  degli Stati Uniti per conferire alla situazione anormale una parvenza  “normalizzata” .Secondo il Manifesto del 4 luglio (articolo firmato da Giuseppe Acconcia) e RT , Martedì 2 luglio, prima che scadesse l’ultimatum dell’esercito a Morsi, Chuk Hagel, segretario della Difesa americano, ha avuto un colloquio telefonico con il generale Al Sisi.

§§§

Quale atteggiamento uscirà da queste “larghe intese”
militari, clericali, laici

verso i Fratelli Musulmani?

Adly Mansour  dopo il giuramento ha dichiarato diplomaticamente “i Fratelli Musulmani sono parte dell’Egitto, cittadini come gli altri”.  Occorrerà osservare il rapporto tra le parole e i fatti che gli saranno concessi dai militari, a partire da quella che dovrebbe essere una richiesta immediata: definire con precisione le violazioni della legge commessi dagli arrestati. Per ora tutto ricorda lo scenario libico delle incarcerazioni arbitrarie.

Per giustificare la detenzione di Morsi, in isolamento all’interno del Ministero della Difesa,  si va dal  dover rispondere di una fuga di detenuti durante le dimostrazioni anti-Mubarak all’aver insultato i giudici”. Per i trecento leader  dei F.M l’accusa è genericamente l’incitamento alla violenza.
Bene sottolineare che un messaggio dell’ex-presidente invitava a protestare pacificamente e che ciò è avvenuto in molte città, sebbene in qualche caso scontri e vittime vi siano stati . I report lacunosi, vista la chiusura di molte televisioni e il controllo militare su quella di stato, non ne spiegano la dinamica. 

A Nasr City,  nord del Cairo,  i sostenitori di Morsi sono dispiegati da giorni  – circondati  dai blindati delle forze dell’ordine –  e contano che alla preghiera del mezzogiorno vi siano mobilitazioni in tutte le città. Secondo una coalizione islamica dovrebbe essere il “Venerdì del Rifiuto”.

Il 5 luglio sarà un giorno  cruciale per intravedere le sorti immediate del paese,
e non sarà facile orientarsi nella superficialità  o voluta disinformazione.

Nel guardare al futuro non si dimentichi che l’Egitto, con i suoi 83 milioni di abitanti, esercita un traino culturale preminente nel mondo arabo ed è un paese che ospita varie comunità di  fuoriusciti e rifugiati da altre nazioni del Nord Africa . E’ indubbio che questo golpe qualche effetto in tutta l’area lo eserciterà; il ruolo geopolitico dell’Egitto è  ampio e al centro di due aspetti critici: l’esportazione di petrolio e gas e la questione di Israele. Aggravandosi, la sua crisi  non potrà non avere conseguenze dilaganti.

§§§

aggiornamenti

Presidente a interim scioglie la Camera Alta, che aveva maggioranza Fratelli Musulmani; nomina nuovo capo dei Servizi Segreti; la polizia spara sui manifestanti anti golpe  che sfilano al Cairo, 3 morti  

Video Sky News della grande manifestazione contro il colpo di stato militare
Video BBC, panoramica situazione con intervista a Al Baradei, very comfortable with the Army’s intervention

Video Wochtv –  (emittente New York – Tel Aviv )

Mohamad Elmasry (American University at #Cairo) 2: “have teamed up to create propaganda (…) to demonize Morsi and the Muslim Brotherhood.”

— Politica Italiana (@ItalianPolitics) July 5, 2013

And finally official media recognised that there are huge crowds in support of elected president #Morsi & bring shots from Nasr city sit in

— Islam Abdel-Rahman (@IslamRahman) July 5, 2013

Big forces against each other in #egypt. If can’t channel this into political action not street conflict it is a recipe for more bloodshed

— Jeremy Bowen (@BowenBBC) July 5, 2013

Pro e anti Morsi si scontrano dopo che l’esercito ha sparato e ucciso tre  manifestanti contro il colpo di stato 

“Questo paese tende a rispettare, perfino venerare, le forze armate. Ba il loro intervento in politica e la rimozione del Presidente Morsi gli hanno alienato ampi settori della comunità” Due Egitto, fianco a fianco 

L’Unione Africana sospende Egitto per violazione delle norme dell’Unione stessa contro gli illegali cambiamenti di governo 

Immagini delle proteste e degli scontri del 5 luglio

       Report esaustivo di tutti gli avvenimenti del 5 luglio da Haretz

6 luglio, com’era prevedibile … 

RT “@lacappon: Reuters: el baradei nominato primo ministro a interim #Egypt

Report del giorno 6 da Il Messaggero : El Baradei incaricato PM,
neo-gruppo egiziano sotto etichetta Ansar Al Sharia.
Secondo il Ministero della Salute: almeno 37 vittime e più di mille feriti nelle ultime 24 ore, Sinai nel caos.
Sorpresa serale: El Baradei non ha potuto giurare: “altre opzioni in esame” ha dichiarato il Presidente ad interim  Mansour 

A far catenaccio, pare, sarebbero stati i salafiti di al Nour, il partito islamista alleato dei Fratelli Musulmani che però, poco prima dello scadere dell’ultimatum militare con cui è stato deposto il presidente Morsi, si era defilato affrettandosi a salire sul carro del vincitore. Che i fanatici finanziati dall’Arabia Saudita avessero chiesto qualcosa in cambio per il loro distacco dai Fratelli è stato chiaro da subito, da quando cioè il neoincaricato Mansour ha parlato di revisione della Costituzione e non di riscrittura totale come invece si sarebbero aspettati i liberal.  

La testa di El Baradei, il beniamino di piazza Tahrir osteggiatissimo da quella islamista di Nasr City, sarebbe a questo punto il pegno da pagare per l’isolamento politico dei Fratelli Musulmani che i salafiti garantirebbero al momento. Ma fino a quando? Per quanto prema l’esercito la crisi egiziana è lungi dalla soluzione. E a farne le spese oggi è El Baradei che pure non aveva mai nascosto il desiderio di restare sullo sfondo [n.d.r.aspirava alla Presidenza].

§§§

 raccolta multilingue  articoli   su Egitto:

[View the story “EGYPT” on Storify]

Google+

Annunci
2 commenti leave one →
  1. 5 luglio 2013 7:36 pm

    Ma come scritto, in un piccolo commento nel mio blog, trovo un po’ di sorpresa che prima si inneggi al’esercito (epoca post Mubarak) e si usi il termine democrazia ed ora, messo da pare Morsi si usi il termine golpe. Se vogliamo essere onesti sono due tipi di golpe che prima hanno avantaggiato una fazione e poi un’altra. Però c’è anche da dire che nei piani strategici degli usa appare sempre più evidente la spaccatura all’i9nterno del Pentagono e non a caso, in questi ultimi mesi israele appare “tranquillo”. Il piano prevede una graduale uscita dallo scenario mediorientale lasciando eventualmente, ma non decisamente, il compito di “arbitro” ad altre nazioni, fra le quali anche Israele. Internamente all’amministrazione Obama è sempre più accesa la disputa e questo mina sino alla base qualsiasi scelta in campo.

    Mi piace

    • 5 luglio 2013 8:01 pm

      Non ho acora ancora letto il tuo post, che è di oggi, e ora lo farò. Non ho mai vito di buon occhio le rivoluzioni nate in FB, come veniva descritta la defenestrazione di Mubarak, tuttavia si potrebbe rispondere che una differenza formale c’è. Il controllo sulle elezioni in precedenza le rendeva una farsa, e Mubarak era in pratica inamovibile, in attesa di passar la mano al figlio probabilmente. Solo una grande coscienza politica collettiva potrebbe suggerire altro che la manifestazione di piazza, – per esempio il rifiuto di votare nelle elezioni ? – ma questa non c’è nè là nè altrove. In entrambi i casi però i militari hanno rovesciato forze che hanno una larga base di consenso, il che non promette niente di buono e li rende infatti entrambi dei golpe.
      Il piano Usa sarà certamente come sintetizzi, ma ogni piano ha delle fasi e questa egiziana, secondo me, non è slegata dal caso Siria. La conferenza Ginevra2 rimandata all’autunno lascia un bel pò di settimane, e non è detto che lo stato maggiore siriano persista unito nel sostenere il regime. Per come la vedo io, il disimpegno dal MO può avvenire solo se la Siria è spaccata e la Russia perde la sua base navale in territorio siriano, Tartus. Stiamo vivendo un anno davvero cruciale…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: