Skip to content

Game Over ….. Democrazia in Egitto!

20 agosto 2013

mcc43                      Google+

19 AGOSTO : HUMAN RIGHT WATCH ” L’uso improvviso e massiccio di armi letali da parte delle Forze di Sicurezza egiziane per disperdere il sit-in  del 14 Agosto ha causato il più grave e illegale eccidio di massa nella storia egiziana moderna.

.

Polveriera Egitto – 18 Agosto 2013

dal VIDEOBLOG DI LUCIA GORACCI DA IL CAIRO

Lucia GoracciAncora sangue in Egitto. La tregua armata e carica di tensione che ha segnato la giornata, dopo le stragi dei giorni scorsi, è stata rotta nel pomeriggio quando almeno 38 Fratelli musulmani sono stati uccisi nel blindato che li trasferiva da un carcere ad un altro nella zona del delta del Nilo, dopo che un commando di loro confratelli aveva assaltato il convoglio per cercare di liberarli.  Il blitz delle forze di sicurezza, ancora oscuro nella dinamica (si parla di una violenta sparatoria, ma anche di detenuti asfissiati dai gas nell’automezzo), è andato in scena poco dopo il monito lanciato dal nuovo uomo forte del Cairo, il generale Abdel Fatah al-Sissi: ”Non ci piegheremo agli islamisti”. Sissi si è spinto a evocare apertamente il rischio del baratro per il Paese, e un conflitto di natura ”religiosa” che ne sancirebbe la rovina.  ”C’e’ posto per tutti”, ha poi strizzato l’occhio ai Fratelli musulmani, ma invitandoli a ”rivedere” le loro posizioni, ovvero ad accantonare la richiesta d’un ritorno al potere di Mohamed Morsi e la persecuzione giudiziaria degli ”assassini”. Il generale ha parlato nel giorno in cui è stata ufficializzato l’addio non solo al governo ma all’Egitto di Mohamed El Baradei: l’ormai ex vicepresidente e premio Nobel per la pace che ha fatto le valigie alla volta di Vienna dopo essersi dissociato dalla linea dura del governo istituito dai militari, nel pieno di una crisi che da mercoledì conta quasi mille morti in tutto il Paese. […]

Le forze di sicurezza che hanno sgomberato Rabaa e Nahda mercoledì, con uno dei bilanci più drammatici di vittime da Tiananmen ad oggi, restano intanto in campo, a fronteggiare i pro-Morsi che oggi hanno marciato con le braccia alzate segnando il quattro con le mani: come per dire ”siamo tutti di Rabaa”. In migliaia hanno sfidato il coprifuoco al Cairo, a GizaFayyoum, e altri governatorati del Paese. […] Ieri la giornata si era chiusa al contrario in un’atmosfera relativamente tranquilla, con le conclusione

Moschea assediata Cairo di numerose manifestazioni in tutto il Paese senza scontri gravi e lo sgombero ”senza vittime” della moschea Al Fatah degli ‘irriducibili’, al Cairo. Ma a sorpresa oggi è arrivato un bilancio del ministero della Salute, che ha stimato in oltre 70 i morti delle scorse 24 ore, senza precisare altro. Forse una buona parte di vittime va ricondotta in realtà proprio allo sgombero della moschea, preceduto da un’intensa sparatoria.

E mentre da Bruxelles l’Europa paventa conseguenze “imprevedibili” e avverte di essere pronta a “rivedere le relazioni” con l’Egitto se non si fermerà il bagno di sangue, le ultime ore sono caratterizzate dall’offensiva del governo e dei militari contro la stampa occidentale, oltre che contro al Jazeera, accusata di offrire una copertura ”non professionale degli eventi”, favorevole ai Fratelli Musulmani patrocinati dal Qatar. Nelle strade basta che qualcuno gridi ”quelli sono di al Jazeera” per scatenare le ire della folla anti-Morsi, e le intimidazioni si moltiplicano ovunque. Sull’altro fronte è invece al Arabiya, voce dell’Arabia Saudita e vicina al governo provvisorio del Cairo, ad aizzare le recriminazioni dei pro-Morsi. Una guerra di propaganda che va avanti da settimane accanto a quella vera. E che sta sfornando i suoi frutti avvelenati, anche a danno del diritto di cronaca e della sicurezza dei reporter.  “””

http://storify.com/mcc43_/egypt

3 commenti leave one →
  1. Marc permalink
    18 settembre 2013 12:11 am

    Il generale si sta preparando un trono. Fra lo sterminio della fratellanza, l’arresto dei capi dei movimenti lai e le dimissioni dei tamarod, l’Egitto diventerà una gigantesca caserma perché si stanno salvando solo i militari

    Mi piace

    • 18 settembre 2013 12:14 am

      Dici bene. Mi chiedo quanto durerà questa passione per le stellette, forse fino a quando si accorgeranno che tutti i problemi del quotidiano di cui incolpavano Morsi continueranno a restare irrisolti. Ciao Marc, grazie 🙂

      Mi piace

Trackbacks

  1. Il Movimento dei Poveri in Egitto: l’11.11 di Haraket Ghalaba | MAKTUB

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Chiara Zanone Translations

Italian translator and proofreader

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: