Skip to content

Pierre Piccinin: con Quirico abbiamo cercato due volte di scappare

9 settembre 2013
tags:

mcc43   Google+

(con video interviste di  Domenico Quirico e Pierre Piccinin)

Piccinin Quirico Bonino

Enma Bonino accoglie Piccinin e Quirico

Domenica 8 settembre sono tornati in libertà, dopo una prigionia di 5 mesi nelle mani dei ribelli siriani l’insegnante belga Pierre Piccinin
e il giornalista italiano Domenico Quirico-

Questa è la traduzione in italiano dell’intervista (dessous l’original en français) rilasciata a Vincent Lorge lunedì’ 9 settembre,  nella quale  Pierre Piccinin racconta la loro odissea durata 5 mesi.

Vincent Lorge: Come sta?

Pierre Piccinin: “Fisicamente va, nonostante le torture che abbiamo sofferto Domenico ed io. Anche psicologicamente, credo che ci siamo sostenuti a vicenda, veramente uno senza l’altro non avrebbe potuto sostenere, ma in due in quelle circostanze ci siamo potuti incoraggiare. “.

Vincent Lorge: Lei parla di torture, vuol dire che la sua detenzione è stata particolarmente dolorosa?

Pierre Piccinin: “E ‘stata una detenzione molto speciale, un’odissea terrificante attraverso tutta la Siria, spostati varie volte in molti luoghi, in certi casi ci siamo trovati con dei gruppi. Non è stato sempre lo stesso gruppo che ci ha tenuti prigionieri, ci sono stati gruppi molto anti-occidentali, gruppi islamisti anti-cristiani. Talvolta c’è stata aspra violenza fisica “.

Vincent Lorge: Anche umiliazioni?

Pierre Piccinin: ” Umiliazione, teppismo, finte esecuzioni.  Domenico ha subito due finte esecuzioni con la pistola. Una volta abbiamo pensato che ci avrebbero ucciso perché ci hanno detto che eravamo diventati un problema e che si sarebbero liberati di noi .  A mia madre è sembrato di sentire il fantasma di suo figlio “.

Vincent Lorge: Credo sia stato difficile per lei e, per loro, aver ritrovato i famigliari. Praticamente siete stati privi ​​di contatto per tutta la custodia ad eccezione di una telefonata, penso?

Pierre Piccinin: “In realtà abbiamo fatto una telefonata perché sono riuscito a rubare un telefono cellulare a un certo momento.  Beh, non proprio rubarlo, ma procurarmelo grazie alla confusione di una battaglia e ho avuto qualche secondo per chiamare i miei genitori e dirgli che ero vivo, perché da due mesi, durante l’assedio di Al Qoussei, dove gli jiadisti ci avevano preso, non ci potevano vendere o usare in alcun modo perché erano essi stessi prigionieri per via dell’assedio. Non hanno dato alcun segno che eravamo vivi. E vi dico che quando ho chiamato mia madre, proprio mia madre ha risposto… sapevo a memoria il numero di casa dei miei genitori … quando ho sentito la sua voce … io penso che abbia creduto di sentire il fantasma di suo figlio di ritorno dall’inferno Siria dopo due mesi. I miei genitori  sono anziani, senza notizie di me giorno dopo giorno, settimana dopo settimana …. che ansia, doveva essere orribile per loro.  Noi abbiamo cercato di scappare due volte “.

Vincent Lorge: Avete tentato di fuggire?

Pierre Piccinin: “Abbiamo cercato di scappare due volte, una volta non si poteva andare abbastanza lontano.  Abbiamo approfittato della preghiera, preso due kalashnikov e lasciato l’ edificio per due giorni … abbiamo corso nella campagna prima di farci riprendere e riportare indietro, siamo stati gravemente puniti per il tentativo di fuga . “.

Vincent Lorge: Pensa che un giorno tornerà in Siria?

Pierre Piccinin: “Beh, il grosso problema è che la rivoluzione siriana da sette, otto mesi ha avuto una grossa evoluzione. L’esercito siriano libero è quasi evaporato. Ora ci sono ondate d’islamisti o banditi, gruppi che controllano il territorio e ricattano. Penso che è diventato molto pericoloso per gli occidentali arrischiarsi ancora in Siria nellle attuali condizioni di una rivoluzione completamente degradata in qualcosa di diverso “.

*****
Qui Video : DOMENICO QUIRICO racconta la prigionia

“Il rapimento  è iniziato con l’imboscata dell’8 aprile. Una banda di comuni banditi travestiti da Islamisti e rivoluzionari. E’ stato un quotidiano viaggio nell’umiliazione”
” Se li odiassi, sarei un uomo peggiore, sarei sequestrato ancora per sempre. Spero che non avverrà, lo saprò nei giorni a venire”

******

Piccinin e Quirico sono stati rapiti nel mese di aprile, come altri quattro giornalisti italiani, fra i quali Amedeo Ricucci. I loro sequesto era durato otto giorni. Il racconto è in questo articolo  e in Susan Dabbous e la misteriosa prigionia dei giornalisti in Siria

******

témoignage originale en français de Pierre Piccinin …
En savoir plus ……

  da rtl.be

Vincent Lorge: Comment allez-vous?

Pierre Piccinin:Physiquement ça va malgré les tortures que nous avons subies, Domenico et moi. Psychologiquement aussi, je pense qu’on a pu se soutenir l’un et l’autre. Véritablement, l’un sans l’autre on n’aurait pas pu tenir. Mais à deux dans des circonstances comme celles-là, on peut s’encourager.

Vincent Lorge: Vous parlez de torture, cela veut dire que votre détention a été particulièrement pénible?

Pierre Piccinin:
C’est une détention assez particulière. Cela  a été une odyssée terrifiante à travers toute la Syrie. On a été beaucoup déplacé à de nombreux moments dans de nombreux endroits. Et disons qu’à certains moments on s’est retrouvé avec des groupes. Ce n’était pas toujours le même groupe qui nous détenait, avec des groupes très violents, très anti-occidentaux et des islamistes anti-chrétiens. Cela a été parfois des violences physiques très dures.

Vincent Lorge:
Des humiliations aussi?

Pierre Piccinin:Des humiliations, des brimades, de fausses exécutions. Domenico a subi deux fausses exécutions au revolver. A un moment on a cru qu’ils allaient nous tuer parce qu’il nous ont dit que nous étions devenus un problème et qu’ils allaient se débarrasser de nous“.

“Ma mère a cru entendre le fantôme de son fils”

Vincent Lorge: J’imagine que cela a été dur pour vous et pour eux d’avoir retrouvé votre famille. Vous étiez pratiquement privé de contact pendant toute votre détention à part un coup de fil je pense?

Pierre Piccinin:Effectivement on a eu un seul coup de fil. J’avais pu voler un GSM à un certain moment. Enfin, pas vraiment le voler mais me le procurer grâce à une aide dans la confusion d’une bataille. Et déjà pendant quelques secondes téléphoner à mes parents pour leur dire que j’étais vivant parce que pendant deux mois, pendant ce siège d’Al Qousseir, où les djihadistes nous avaient pris, ne pouvaient pas nous vendre ou nous demander quoique ce soit puisqu’ils étaient eux-mêmes prisonniers du siège. Ils n’ont pas donné le moindre signe que nous étions vivants. Et je vous dis que quand j’ai téléphoné à ma mère, c’est ma mère qui a décroché. Je connaissais par cœur le numéro de la maison de mes parents. Quand j’ai entendu sa voix, je pense qu’elle a cru entendre le fantôme de son fils qui revenait de l’enfer syrien parce que pendant deux mois, mes vieux parents n’ont pas eu la moindre nouvelle de moi. Jour après jour, semaine après semaine cela a été l’angoisse, cela devait être horrible pour eux“.

“Nous avons essayé de nous échapper 2 fois”

Vincent Lorge: Vous avez essayé de vous échapper?

Pierre Piccinin:Nous avons essayé de nous échapper 2 fois. Une fois on n’a pu aller assez loin. On a profité de la prière, on s’est emparé de deux kalachnikovs et nous avons quitté le bâtiment. Pendant deux jours, on a couru la campagne avant de se faire reprendre et là de se faire très sérieusement punir pour cette tentative d’évasion“.

Vincent Lorge: Vous croyez qu’un jour vous retournerez en Syrie?

Pierre Piccinin:Alors le grand problème, c’est que la révolution syrienne depuis 7, 8 mois a connu une évolution très importante. L’armée syrienne s’est quasiment évaporée. Et actuellement on est face à des vagues islamistes ou du brigandage de certains groupes qui rançonnent les territoires, qui contrôlent. Je pense qu’il est devenu très dangereux pour les occidentaux d’encore se risquer en Syrie dans les conditions actuelles d’une révolution qui est en pleine déliquescence et qui tourne à autre chose“.

Annunci
3 commenti leave one →
  1. vale permalink
    9 settembre 2013 8:37 pm

    Pierre Piccinin testimonia che ha sentito una conversazione dei suoi rapitori, testimonia che non è stato il governo siriano a usare le armi chimiche ma gli invasori:

    http://www.rtl.be/videos/video/456856.aspx
    Ce n’est pas Bachar El-Assad qui a utilisé le gaz selon Pierre Piccinin

    Mi piace

    • 9 settembre 2013 8:56 pm

      Con molta saggezza, Quirico conferma la telrfonata dei rapitori sottolineando che non è possibile sapere chi fossero gli interlocuteori, nè se fosse una diceria raccolta o una convalida.
      Avec une grande sagesse, Quirico confirme la conversation des ravisseurs mais disant qu’il n’est pas possible de savoir qui était les gens en Skype et si c’était une rumeur ou une validation de collection.

      Mi piace

  2. Marc permalink
    9 settembre 2013 9:08 pm

    bene, se la sono cavata

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: