Skip to content

Gli “inventa guerre”: Media e governo degli Stati Uniti d’America.

19 settembre 2013

mcc43

Con Yellow Journalism, giornalismo giallo, si indica quel tipo d’ informazione che poco o nulla ha a che fare con gli eventi reali. Un giornalismo che architetta le notizie, utilizza titoli altisonanti e toni enfatici per suscitare emotività. All’inizio del ‘900, lo scopo era semplice: vendere un maggior numero di copie del quotidiano o della rivista. Con il tempo le esagerazioni dei fatti di cronaca, il sensazionalismo e l’ingegneria dello scandalo sono entrati in sinergia con gli obiettivi dei grandi registi della geopolitica. Poiché gli USA sono protagonisti della scacchiera mondiale, e loro è la più grande industria dell’informazione su carta via web e televisiva,  il Giornalismo Giallo ne è diventato il valletto, il grande manipolatore dell’opinione di massa,  la fabbrica delle fiction pro-guerra.

Le grandi guerre bugiarde  dell’America

Prima Guerra MondialeLusitania
Gli Stati Uniti sono entrati nella prima guerra mondiale dopo il naufragio del Lusitania, il transatlantico britannico che trasportava passeggeri americani, silurato dai sottomarini tedeschi al largo delle coste irlandesi; morirono più di 1.000 dei suoi passeggeri. Quello di cui il pubblico non fu informato era una lettera della settimana precedente l’incidente, nella quale l’allora Primo Lord dell’Ammiragliato Sir Winston Churchill ordinava di attrarre verso le coste inglesi navi di paesi neutrali, specialmente Stati Uniti, perché potesse verificarsi l’occasione di un coinvolgimento nella guerra con la Germania. Né venne detto agli americani che il Lusitania trasportava munizioni e altre forniture militari. Si raccontò, invece, di un attacco inaspettato e immotivato messo in atto da un nemico folle e l’opinione pubblica si convinse della giustezza di entrare in guerra.

Seconda Guerra Mondiale:

PearlHarborIl coinvolgimento degli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale fu di nuovo in seguito a una deliberata disinformazione. Anche se l’Honolulu Advertiser aveva scritto con giorni di anticipo dell’attacco a Pearl Harbor -perché i codici navali giapponesi erano già stati decrittati – e persino Henry Stimson, del Segretariato per la guerra, aveva annotato nella sua agenda della settimana precedente l’incontro con Roosevelt su ” come manovrare i giapponesi per fargli sparare il primo colpo senza troppo danno per gli USA”, gli Americani vennero indotti a credere che l’attacco fosse del tutto imprevisto. Di recente una nota declassificata dalla segretezza ha rivelato che il Presidente Roosevelt era stato avvertito di un imminente attacco giapponese alle Hawaii tre giorni prima dell’effettivo attacco, ma i libri di storia ancora indicano Pearl Harbor come lampante esempio di un attacco a sorpresa.

Guerra del Vietnam:

Lyndon Johnson

Lyndon Johnson

Nell’agosto 1964, il pubblico americano venne in formato che il Vietnam del Nord aveva attaccato i cacciatorpedinieri degli Stati Uniti nel Golfo del Tonchino “in due diverse occasioni”. Gli attacchi vennero presentati come palese esempio di “aggressione comunista “. Seguì immediatamente  la risoluzione del Congresso che autorizzava il presidente Johnson a dispiegare le truppe e attaccare il Vietnam del nord senza preventiva dichiarazione di guerra. Nel 2005 è stato pubblicato un documento interno del NSA (Agenzia per la Sicurezza) nel quale si legge che il secondo attacco in realtà non ebbe mai luogo. Pertanto: 60.000 militari americani e fino a tre milioni di vietnamiti, oltre a 500.000 cambogiani e laotiani, hanno perso la vita a causa di un incidente che non si è mai verificato.
.

Nayirah-Testimony-120x120

Nayirah al-Sabah

Guerra del Golfo:
Nel 1991 il mondo intero si commosse per la toccante testimonianza di  “Nurse” Nayirah (ved.VIDEO), ragazzina kuwaitiana che raccontava le atrocità commesse dalle forze irachene in Kuwait. Quello che al mondo non venne detto è che la testimonianza era stata confezionata da una società di pubbliche relazioni e Nayrah era la figlia dell’ambasciatore del Kuwait.  Con questo stratagemma da schermo televisivo s’indusse il pubblico allo sdegno furente contro il regime di Saddam Hussein.

Sorprendentemente, il grande pubblico non impara dalle manipolazioni storiche documentate e ben pochi mettono in discussione il quadro dipinto dal telegiornale o dalla prima pagina del quotidiano preferito. Tutti sappiamo ormai della menzogna di Colin Powell che all’Onu mostrava il contenitore delle inesistenti armi di distruzione di massa di Saddam, molti sanno del film della finta caduta di Tripoli montato negli studi di Al Jazeera, altri ricorderanno l’eccidio di Timisoara creato disseppellendo salme per mostrarle in televisione e giustificare la condanna a morte senza processo del dittatore romeno Ceausescu e della moglie.
Nonostante tutto questo, ben pochi oggi chiedono approfondimenti  sulla Siria e l’episodio dei gas  nella città di Ghouta” . Occorre passare indenni attraverso il martellamento dei media ufficiali che  non informano sull’evidenza medica: lo stato dei cadaveri non corrisponde a una morte per asfissia da sarin  [vedere Siria: il veleno nella coda. Il Rapporto degli ispettori ONU sui gas a Ghouta e  Sirian Sarin ] , né che gli ispettori  [rapporto Onu] non hanno cercato e trovato i cadaveri che le foto e i video mostrano, che l’indagine è stata breve e tardiva, che le fonti da cui sono state raccolte le testimonianze sono di non verificata attendibilità.

Elena Petrovna Blavatsky, un’avventuriera russa diventata un’autorità morale
per migliaia di seguaci nel campo dell’esoterismo, affermava
“Che si può fare se la gente vuole essere ingannata?”
 Già, che si può fare?

 

Google+

Annunci
3 commenti leave one →
  1. Marc permalink
    19 settembre 2013 1:03 pm

    Forte! Un colpo di gong.

    Mi piace

  2. 19 settembre 2013 4:34 pm

    C’ anche da aggiungere una cosa risaputa fino alla nausea, ma che molto spesso viene sottovalutata.

    1) innescare un evento altisonante (false flag, attentato, omicidio e quant’altro)
    2) soffiare sull’indignazione pubblica
    3) raccogliere, guidandole tramite i media, le idee
    4) suggerire soluzioni

    La tecnica è applicata in ogni campo, in ogni settore della vita sociale, politica e geostrategica. L’unica accortezza che ci si dovrebbe chiedere è: a chi giova? Si scoprirebbe che la maggior parte dei fatti non avrebbero nessun senso, ma scoprirebbero i lati deboli di certe élite.

    Sulla base di quanto sopra sto cercando di capire del perché la Russia non abbia posto il proprio veto sulla devastazione della Libia. Forse era un passo troppo grande ed estremamente rischioso e questo dimostrerebbe (spero di sbagliarmi) che le forze militari russe non erano ancora perfettamente in ordine o comunque limitate. Oppure che all’interno del gruppo di comando politico russo c’erano dei falchi ora esautorati…oppure, ma credo che andiamo nella fantapolitica, la spartizione del continente africano non è ancora maturo come dovrebbe essere e le forze in campo occidentali sono troppo preponderanti…

    Mi piace

    • 19 settembre 2013 8:06 pm

      Grazie del commento che pone all’attenzione la domanda che ognuno dovrebbe sempre porsi “a chi giova?”. Anche il non fare ha il suo giovamento, come si vede dal comportamento della Russia. Non le importa certamente la sovranità nazionale, ma l’importanza per se stessa del paese che viene invaso: la Siria conta per vari motivi, a partire dalla base navale di Tartous, la Libia importava molto meno.
      Credo che Putin non abbia alcuna volontà di spingere per un confronto diretto con gli Usa (… per fortuna) che sicuramente non sarebbe a suo favore. Lo possiamo capire dal fatto che Obama si arrischia agli scontri, sapendo che al momento opportuno Putin correggerà il tiro.
      Il compromesso salvafaccia sulle armi chimiche di facce ne salva due,la vittoria di Putin è solo dialettica, il problema resta e vedremo come si riposizioneranno gli Stati Uniti, pressati da Israele contro L’Iran. Grandi giochi sono in corso, se pensi all’atteggiamento dialogante di Obama verso Rohani. Una carota mentre si sceglie il bastone? 🙂
      Sull’Africa la silenziosa sorniona pragmatica politica Cinese è il contenimento per lo spartimento dell’Africa dove ora viene concesso alla Francia di fare il gendarme.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: