Skip to content

TAV in Val di Susa: menzogna costosa e militarizzata

8 novembre 2013

mcc43    Google+

  • Trasformano la TAV in una questione di ordine pubblico

  • Mettono cittadini e Polizia in contrapposizione

  • Tacciono sulle intromissione delle mafie e la corruzione

La grande menzogna

Nel sito ufficiale della Rete Alta Velocità delle Ferrovie dello Stato si legge:“A livello sovranazionale, il sistema AV/AC italiano costituisce un tassello fondamentale delle Transeuropean Networks – Transport (TEN-T), le reti di trasporto trans-europee definite a partire dall’inizio degli anni ’90 dalla Commissione Europea, che dalla fine del 2011 ne sta individuando ulteriori obiettivi di sviluppo. “

La realtà

Prima di tutto: la descrizione del “Transeuropean Networks” da parte delle Istituzioni Comunitarie non cita l’Alta velocità. Parla semplicemente di  “powerful European transport network” [vedere sito della UE] .
Il tratto che si vuole creare, come TAV,  in Val di Susa è parte del CORRIDOIO 5 che, sulla carta, dovrebbe integrare le linee ferroviarie dall’oceano Atlantico fino ai confini della Federazione Russa, da Lisbona a Kiev,  attraverso 7 paesi.

 Stato attuale dell’opera? Abbandonato.
Ridotto a “Corridoio mediterraneo”.

-La stazione di partenza non è più Lisbona, ma la piccola spagnolaAlgeciras, in Andalusia, perchè il Portogallo si è ritirato.
-La Spagna ha la linea TAV Madrid-Siviglia solo per i passeggeri, nessun progetto per il trasporto merci. Da Barcellona, nulla è previsto per attraversare la catena dei Pirenei.
-In FranciaHollande ha dichiarato l’estate scorsa che la Tav Torino-Lione non è una priorità. Si scaverà, sì, il tunnel verso l’Italia ma tutto il resto è rimandato a data non imprecisata.
-In Slovenia è certo che la Tav si aggancerebbe al nulla: gli sloveni  non hanno alcun interesse a una linea est-ovest, preferirebbero una nord-sud, pertanto sono usciti dal progetto.
– In Ungeria non se ne parla proprio. Non interessano le ferrovie e, in barba a ogni considerazione ecologica, potenziano il trasporto merci sui TIR.
-LUcraina: il loro treno raggiunge Kiev alla folle velocità di 110 Km/ora e a loro sta bene così.
-Infine la Russia : già nel 2012 ha fatto retromarcia. Opera troppo costosa, il governo di Mosca non stanzierà i fondi.

Salta agli occhi che in tutti i paesi interessati è stato il governo a rallentare o dare lo stop alla linea Tav, tranne che in Italia.
Qui sono i valligiani, i sindaci, gli attivisti da ogni parte del paese a difendere il territorio da uno scempio irrimediabile. Lo fanno con costanza da anni, armati della conoscenza del luogo e degli studi del Politecnico di Torino (vedere Monitor) . Lo fanno contro la classe politica e la quasi totalità dei media, contro gli infiltrati estranei e violenti, contro quella parte di opinione pubblica che si schiera … perché c’è libertà di farlo, anche senza alcuna conoscenza, teorica e pratica del problema
.
I politici, impegnati in una forsennata campagna contro i NO-Tav valsusini, tacciono sul fatto che l’Alta Velocità non potrà procedere verso la Slovenia perché la linea dovrebbe addentrarsi nel friabile Carso. Una follia.
C’è del marcio  lungo i binari…

I costi di un’opera che non avrà futuro

da Quanto costa la TAV Torino-Lione

I costi a carico dell’Italia, per la parte di collegamento fino a Torino, secondo il dossier presentato nel 2006 all’Unione Europea si attesterebbero intorno ai 17 miliardi di Euro. Ma il dossier presentato all’Unione Europea nel 2010, porta le stime dei costi a 35 miliardi di euro, a carico dell’Italia, escludendo una grande varietà di opere connesse, quale il raccordo al nodo torinese, infrastrutture per ospitare i lavoratori e decine di opere sussidiarie che un cantiere di 20 anni comporterebbe.

Quali mani affondano nel gruzzolo destinato?  C’è la Ltf, già coinvolta nello scandalo di una gara truccata, proprio per appalti Tav. Già assodate, secondo gli inquirenti, le infiltrazioni delle mafie. Grandi opere affidate Italcoge e ai Martina  e altri immanicati con la  ‘ndrangheta, riferisce un servizio di Report.  Bancarotte fraudolente, false fatturazioni, lavori iniziati e poi abbandonati: una fiera dello spreco. E ai miliardi che lievitano si aggiungeranno i costi crescenti  dei presidi militari …

La militarizzazione della Val di Susa

Mentre i mass media mettono la sordina alle vicende valsusine, dando risalto agli incidenti e non al susseguirsi di pacifiche manifestazioni, il Governo, in molti ambiti ritardatario e pasticcione, dà prova di sollecitudine nel proteggere il malaffare pluridecennale della TAV. E’ previsto il rafforzamento della presenza militare con l’invio di altri soldati a “difendere” i cantieri.
In Afghanistan, provincia di Herat, il rapporto è di 1 soldato ogni 517 abitanti. A Chiomonte è di 1 milite ogni 2 abitanti: 415 i soldati, 931 i residenti!  La prossima missione di guerra del nostro esercito, pertanto,  è in Val Susa,  come racconta il generale Claudio Graziano che coglie l’occasione  per battere cassa e  ribellarsi  alla spending review. 

Soldati in Valsusa

***

raccolta articoli inhttp://storify.com/mcc43_/tav-notav-torino-lione

2 commenti leave one →
  1. 9 novembre 2013 2:12 am

    Non entro nel merito dei Tav sì o no, ma mi preme sottolineare un punto che spesso non viene citato. I veri oppositori della TAV, oltre alle piacerie mafiose italiche, sono i signori che abitano oltre la manica e nel nuovo mondo. Il vero ostacolo della linea EST-OVEST che rappresenterebbe un vero affare economico per tutta l’Europa sono gli interessi commerciali degli Usa ed Anglo-Olandesi. Gli uni come gli altri si sono sempre opposti alle attività commerciali russe e sin dalla guerra di Crimea ed anche prima.
    Proviamo a fare mente locale sugli scambi commerciali tra l’immenso e sterminato territorio russo-asiatico e l’europa che vedrebbe come risultato il totale isolamento dell’egemonia angloamericana-giudaica.
    Io sarei curiosi di sapere chi sono i veri fnanziatori, sotto-sotto, dei no Tav e scopriremmo nomi noti insospettabli….
    Lo stesso accadde anche nella guerra dei Balcani per i trattati commerciali che la Serbia, appoggiata dalla Russia, intendeva potare avanti con i paesi del medioriente creando un corridoio che non fosse penalizzato dai costi dei trasporti marittimi (in mano ai LLoyds/giuadici) servendo e soddisfando le richieste europee.
    Localmente, invece convengo su alcuni punti: l’allargamento della linea esistente, per esempio, ma qui si entra del merito della questione tecnica che non mi interessa, perché perde di vista i veri obiettivi.
    Purtroppo la gente minuta, ignorante o ignorante in malafede, non vuol mostrare l’altra faccia della questione….
    Adesso andate pure giù con le vostre critiche…tanto a me non me ne può fregare nulla, l’Italia è già fallita e che ci sia o meno la tav non cambia una virgola nello scenario internazionale.

    Mi piace

    • 9 novembre 2013 1:42 pm

      Ti sfugge qualcosa. Mettere come “copertina” del tuo ragionamento la dichiarazione “non entro nel merito dei Tav sì o no” e poi aggiungere “ma qui si entra nel merito della questione tecnica che non mi interessa” significa stare sulla luna e guardare alle persone, alle case, alle strade, alle attività produttive, agli animali e al paesaggio come insignificanti puntini.
      Una grave questione di incapacità politica del nostro paese la metti nel calderone dei trucchi geopolitici che governano il mondo, il che lascia perfettamente liberi i furfanti di procedere indisturbati. Per fortuna ci sono altri che disturbano il manovratore, senza aver la pretesa di cambiare il mondo vogliono bloccare uno scempio e uno spreco, per ora con molto successo.
      Mi fa sorridere l’idea che i NoTav siano finanziati – quasi fossero un’entità monolitica e strutturata – dagli americani e dagli olandesi, ma se così fosse… soldi ben spesi per una volta.

      Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: