Skip to content

In memoria di Mustafa Tamimi ucciso “secondo le regole”, afferma Israele

13 dicembre 2013
Mustafa Tamimi, palestinian

mcc43  ……  Google+

Mustafa Tamimi, palestinese di 28 anni,
a Nabi Saleh, Territori Palestinesi Occupati, il 9 dicembre 2011
nella 24ma ricorrenza della prima Intifada ,
manifestava contro il Muro e l’occupazione.
Un soldato israeliano dall’interno di  un mezzo militare ha sparato
un lacrimogeno ad altezza d’uomo.
Mustafa è caduto colpito alla testa. E’spirato il mattino il seguente.

Reportage di un’amica presente ai fatti:   Pietre e carri armati, il coraggio e la paura 

 

***

immagini tank Israele all'uccisione di Mustafa Tamimi

 

Israele archivia la morte di Mustafa Tamimi:

 

Nella sua lettera, Ronen Hirsch, tenente colonnello del Military Advocate for Operational Matters, (MAG) ha scritto che il candelotto che uccise Tamimi fu sparato “secondo le regole appropriate e i regolamenti, e non implicò nessuna illegalità”. Il MAG ha accettato la dichiarazione del soldato, secondo la quale non avrebbe visto Tamimi mentre stava sparando il candelotto. Il MAG si è appoggiato all’opinione di un esperto che ha affermato che il soldato al momento dello sparo non poteva vedere Tamimi.
Ma il MAG non ha spiegato come sia possibile che il fatto di sparare un candelotto di gas lacrimogeno dal retro di un veicolo in movimento, in direzione della strada, in condizioni in cui era impossibile esser certi di non colpire una persona, possa essere considerato legale.

***

E’ la domanda che da tempo mi pongo io:

Come addestra i soldati israele per renderli così?

Sono dei ragazzi, hanno madre, padre, fratelli, fidanzata e provano l’intera gamma dei sentimenti e delle emozioni di  ogni altro giovane al mondo.
Poi indossano la divisa, caricano in spalla lo zaino, imbracciano l’arma e diventano altro. Quasi che in quell’attrezzatura vi fosse -invisibile- una seconda personalità che prende il sopravvento su quella naturale. Non svaniscono le memorie personali, svanisce la loro relazione con il mondo.
“L’IO soldato” non conserva traccia di empatia …..

consultare  Categorie https://mcc43.wordpress.com/category/medio-oriente/israele/
https://mcc43.wordpress.com/category/medio-oriente/palestina/

Annunci
One Comment leave one →
  1. Yuri permalink
    15 dicembre 2013 12:48 am

    Sono tutti uguali. E’ successo lo stesso al G8 di Genova, il carabiniere che ha ammazzato Carlo Giuliani è stato assolto.
    Ciao, buone feste, anche da Annarita, la mia ragazza ti segue anche lei.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: