Skip to content

L’Intelligenza e il Fallimento

20 dicembre 2013
Madonna di E.Munch

mcc43  

In una società innamorata del Successo, che fa di  “perdente” una squalifica totale della persona anziché la constatazione di un risultato, è rara la riflessione sul Fallimento. La società tecnologica dell’illusione promette varie vie di fuga, ma c’è un prezzo psicologico: una crescente diffusa infelicità. Sottraendosi all’elaborazione cosciente, il Fallimento diventa un perturbante estraneo nella coscienza, anziché una prospettiva che di liberare dall’infantile unilateralità delle aspettative.

Quanto ti devo!/Mi hai elevato a un rango nuovo, lavandomi con una spugna ruvida,/gettandomi nel mio vero campo di battaglia,/dandomi le armi che il trionfo abbandona./Mi hai condotto per mano all’unica acqua che mi riflette./ Grazie a te non conosco l’angoscia di recitare una parte,/
di conservare una posizione con la forza,/ di arrampicarsi con le proprie forze,/ di lottare per un grado più elevato,/di gonfiarsi fino a scoppiare./ Mi hai fatto umile, silenzioso e ribelle./ Non ti canto per quello che sei, ma per quello che mi hai impedito/ di diventare. Per non avermi dato una diversa vita. /Per avermi dato dei limiti./ Mi hai offerto solo nudità./ Certo, mi hai insegnato con durezza, e tu stesso mi hai dato il cauterio./ E tuttavia, mi hai dato anche la gioia di non temerti./ Grazie per avermi tolto spessore, in cambio di una scrittura densa./Grazie di avermi privato delle vanità./ Grazie per la ricchezza cui mi hai costretto./ Grazie per aver costruito la mia casa col fango./Grazie
per avermi tenuto in disparte./ Grazie.
Tratto da “Fallimento“, di Raphael Cadenas, De Falsas maniobras 1966

***

Dalle statistiche di questo blog risulta che l’articolo  Perché le persone intelligenti tendono ad essere infelici  è quello che attrae maggior traffico dai motori di ricerca.
Partendo dalle osservazioni del sociologo canadese Bill Allin sull’inadeguatezza delle strutture nel coltivare l’intelligenza infantile, mi soffermavo sull’evasività del concetto stesso di intelligenza.  Si dovrebbe parlare, anziché di “quoziente intellettivo” misurabile con le stesse tecniche per ogni soggetto, di esplorazione delle modalità con cui l’intelligenza si applica, elabora, si esprime. Questo per l’ovvia constatazione ché i test del QI risentono delle caratteristiche ed esigenze della società contemporanea. Finiscono, pertanto, per  individuare la forma d’intelligenza più atta a meglio soddisfare tali esigenze: supervalutano astrazione e velocità di elaborazione, sottovalutando ingegno pratico e l’immaginazione. 

Pur da tempo criticato dai filosofi, il metodo cartesiano ha ancora la sua influenza, banalizzata nella convinzione che emozioni, sentimenti, sensorialità siano d’intralcio alla luminosità dell’intelletto. In realtà è ormai provato il contrario.
In tal senso vanno le ricerche del neurobiologo Antonio Damasio, diventate note a partire dal saggio  L’errore di Cartesio del 1995,  nel quale analizza il caso estremo di un uomo che, in  seguito ad un incidente. aveva subito la distruzione di parti del cervello di una tale gravità da renderne stupefacente la sopravvivenza. Damasio ha dedotto dai successivi incrementi delle facoltà cognitive razionali  e dalla contemporanea perdita della capacità di deliberare e valutare le conseguenze, che il sentimento riveste importanza determinante nei processi intellettivi. 

Perchè il Successo non sopprime  l’Infelicità

In una società in cui l’analfabetismo è sconfitto, l’istruzione diffusa e i mezzi per pervenire alla cultura una possibilità largamente disponibile, non mancano i mezzi per avvicinarsi, almeno, alla felicità, se prendiamo per buona la definizione para-cartesiana d’intelligenza.
Come spiegare, dunque, la diffusa sensazione d’infelicità e il sospetto che essa derivi dall’intelligenza?
Tenendo presente sia questa definizione sia gli studi di Damasio, si può ipotizzare si sia verificato un diffuso vulnus emotivo. Può dipendere, questa ferita che fa soffrire, dall’aver modellato il valore intellettuale personale sul Successo?
Si teme il fallimento agli occhi degli altri, anche quando ad essi non è visibile. Sono innumerevoli le persone importanti, famose, applaudite o detentrici di un grande potere che crediamo felici, esse stesse si aspettano che sia naturale ricavarne felicità, tuttavia interiormente  avvertono la sensazione opposta. Occasionalmente le cronache raccontano l’esito tragico di una ben nascosta disperazione.
Il Successo, infatti, può essere tanto una sofferta amputazione di possibilità che una rincorsa verso altri traguardi, quasi che “quel” successo capace di rendere felici sia conseguibile domani. Attori inchiodati all’infinito a un personaggio interpretato magistralmente o scrittori stremati nel tentativo di doppiare il successo del primo best-seller  ve ne sono in quantità, ma anche nell’anonimato conosciamo vite vissute nel rimpianto di un attimo trionfante che non si è più ripetuto. 

Rimozione del Fallimento: inibizione della riflessione

Si dimentica che la possibilità di fallire è in ogni circostanza più elevata della possibilità che tutto – capacità mezzi casualità – armonizzi per creare il Successo. All’esistenza incombente del Fallimento si evita di pensare: porta male! Invece quello che sicuramente “porta male” è il non avere una visione complessiva dell’uno e dell’altro.
Un Fallimento, per quanto doloroso e totale nel momento, lascia la possibilità di cambiarsi e cambiare, provare diverse espressioni delle proprie capacità. Forse abbatte i sogni, ma semina saggezza. Possedere la visione complessiva di entrambi, Successo e Fallimento, non solamente come teorica ovvietà ma come un intimo sentire, equivale alla sana rappresentazione della realtà, esterna e interiore. In mancanza di questa visione realistica,  si scivola nell’ automatismo  del comportamento, degli obiettivi, delle aspettative oppure della visione di se stessi. In quest’ultimo caso, sotto l’influenza della rappresentazione mediatico-commerciale della vita, si cade nell’illusione collettiva trionfalistica. Si ritiene di “meritare il successo” perché lo si vuole.

Una rigidità che è già, piccola o grande, personale o sociale, una nevrosi, un trattenere nell’età adulta le fantasie di onnipotenza infantile. Non mancano esempi nei quali questa forma nevrotica diventa psicotica portando la persona ad emergere ed aggrapparsi all’ acquisito successo senza percezione delle conseguenze sugli altri e su di sé. Che cosa sono i dittatori e gli autocrati se non individui incapaci di concepire per se stessi la possibilità di fallire? 

L’infelicità nasce, molto probabilmente, non dalle insoddisfazioni nel corso dell’esistenza, ma dalla menomazione delle facoltà riflessive perché esse richiedono Tempo. Quel tempo che una società fondata sull’accelerazione non vuole consentire e che occorre conquistare con uno scatto individuale e volontario.

Ambiguità ed esagerazioni: è l’Isteria

Il più efficace mezzo per l’inibizione della riflessione è l’ Isteria. Inalberare un’opinione e aggrapparvisi come a un naufrago allo scoglio, scambiare la non comparazione di questa con il mutare degli eventi esterni e dello scorrere della propria vita può perfino venire magnificato come coerenza. Da cosa nascono le sanguinose faide secolari se non da un innesto isterico,se così si può dire,  in persone per altri versi razionali, comprensive e perfino buone con i loro “simili”?  

Tra le molte facce dell’Isteria vi è l’ambiguità nelle buone intenzioni. La “colpa e il perdono che tutto cancella” ne è un esempio.
Nel 1821 il Presidente James Monroe creò in Africa Liberia “per sanare l’ingiustizia dello schiavismo americano contro gli africani”, ciò mentre negli Stati Uniti la segregazione persisteva come prassi normale (e lo scopo meno strombazzato di Liberia fosse creare un nuovo mercato per i prodotti made in Usa).
Esempi più vicini a noi dell’irriflessiva ambiguità isterica che sfugge a un reale confronto con il Fallimento sono gli sconti di pena ai “pentiti” mafiosi e terroristi, i pubblici mea culpa della Chiesa per delle ingiustizie commesse nel Medio Evo, il cambiamento del nome di un partito, caduto il referente internazionale, per salvaguardare la carriera politica dei funzionari. Il rilievo mediatico del processo ai finanzieri del grande crack borsistico mondiale non è forse servito per ricominciare a inondare il mercato di titoli spazzatura? Fin troppo facile, poi, constatare nei quotidiani rapporti interpersonali la falsificazione sulle responsabilità: l’imputare ad altri le proprie sconfitte per sfuggire alla consapevolezza dei  propri  errori o dell’irrealtà delle aspettative. 

La “preferenza” per l’Iper-realtà 

Esagerazione isterica e ambiguità sono la caratteristica della comunicazione mediatica, anche nel descrivere, e spesso modellare, la vita politica. Suggestioni che promuovono l’irriflessività personale. Il risultato, nel collettivo e spesso nell’individuale condizione psicologica, è un continuo girotondo verbale che nulla trasforma nella sostanza e perpetua i problemi sullo sfondo di una scena planetaria sempre più preoccupante. 

Troppo presto dimenticato un saggio sulla Iper-realtà scritto negli anni ’70 da Umberto Eco, dopo aver visitato Las Vegas,  Disneyland e le ghost towns. Luoghi dell’Assolutamente Falso che coinvolge il visitatore inducendo la convinzione che il copiato sia la real thing: la cosa più vera del vero, quella più “reale”.   Si desidera –  scrive Eco – che il pubblico ammiri la perfezione del falso. “Disneyland ci dice che la natura falsificata risponde molto più alle nostre esigenze di sogno ad occhi aperti e quando si fa un viaggio nella natura vera, dove il capitano del battello avverte che è possibile sulle rive del fiume vedere i coccodrilli,  che poi non si vedono, si rischia di rimpiangere Disneyland dove gli animali selvaggi non si fanno pregare”.

Il Fallimento e … la decrescita dell’Infelicità

Certamente suona eccentrico affermare che recuperare l’effettiva coscienza del Fallimento sarebbe un evento psicologico salvifico. Se ciò è improbabile che si verifichi  a livello  collettivo dove i cambiamenti avvengono solitamente sotto la morsa di una costrizione imposta dalla necessità, è possibile a livello individuale alleviare la propria infelicità curando la menomazione della capacità autoriflessiva, per intravedere nelle occasioni definite fallimentari le possibilità che esse offrono per la conoscenza di sé, la  maturazione personale e i nuovi obiettivi, siano essi affettivi o pratici.

Rafael Cadenas

Rafael Cadenas

I versi in apertura sono tratti dalla poesia Fracaso che il poeta e saggista venezuelano, ormai ottuagenario, Raphael Cadenas ha dedicato proprio al Fallimento e alla crisi interiore che lo accompagna, quando si è capaci di percepirla. Può essere vissuta come disperata notte della psiche. O con la stessa gratitudine che si riserva a un Maestro, come l’anima dell’artista sa rendere intellegibile a tutti noi .

Google+

Advertisements
4 commenti leave one →
  1. IoNonCiSto permalink
    20 dicembre 2013 12:34 pm

    Isteria, sicuro che è così, guarda cosa è successo il 10 a Strasburgo. la massa di cretini che vota secondo una traduzione errata rispetto al loro supposto convincimento. Non c’entra come la pensiamo sull’aborto e la scuola di sessualità ai bambini, c’entra il fatto che votiamo e foraggiamo una massa di dieficienti

    Mi piace

    • 20 dicembre 2013 12:36 pm

      Mi stai togliendo … il post dalle dita. Ho voglia di ragionare un pò su quella scena da film tragicomico. Grazie per l’incitamento 🙂

      Mi piace

  2. Gazalibera permalink
    20 dicembre 2013 8:52 pm

    I mea culpa che non costano niente mi rendono furiosa, “”Slot machines, il mea culpa della senatrice Pd: “Mi sono fidata del mio gruppo…””
    Bellissimo articolo, complimenti,ho trovato il tuo blog cercando articoli sulla Palestina e Gaza, mi ha mandato a quello sulla condanna di israele, meno male che qualcuno lo dice. Mi iscrivo per ricevere gli avvisi. ciao

    Mi piace

Trackbacks

  1. “Perché le persone intelligenti tendono ad essere infelici” | MAKTUB

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

editoriaraba

Libri, autori ed eventi letterari da Maghreb, Medio Oriente e Golfo

Ella Gadda

"Oh, santo Dio, la vita ci raggiunge dovunque!"

Aletho News

ΑΛΗΘΩΣ

Tom Rollins

Middle East politics: Egypt, Israel-Palestine and foreign policy

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: