Skip to content

Israele & Palestina. Colloqui di pace arrivati al prevedibile stop

21 dicembre 2013

mcc43 

21 dicembre: la Lega Araba appoggia la richiesta di Mahmoud Abbas e respinge il piano di pace, proposto da John Kerry, che prevede il dispiegamento di truppe israeliane sul confine orientale del futuro stato di Palestina.  La Lega Araba, sottolinea che la proposta  degli Stati Uniti “soddisfa le esigenze espansionistiche di Israele garantendole, con il pretesto della sicurezza, il persistente controllo della valle del Giordano”

I negoziati di pace erano ripresi in luglio dopo tre anni durante i quali Israele aveva alacremente portato avanti l’espansione degli insediamenti. Mesi di tira e molla che già in novembre avevano indotto la rappresentanza palestinese ad abbandonare il tavolo delle trattative, in occasione dell’annuncio israeliano del piano per la costruzione di diverse migliaia di nuove case per i coloni nella Cisgiordania occupata e a Gerusalemme est. In totale 24.000 abitazioni.
Successivamente Benjamin Netanyahu (gran sostenitore della costruzione i nuovi insediamenti ) era intervenuto imponendo una battuta d’arresto al progetto e  affermando di “non averne avuto alcuna conoscenza preliminare”. Una dichiarazione palesemente non credibile, una mossa volta ad innervosire l’avversario e rallentare il dialogo.

Nel corso dell’anno Kerry  ha fatto almeno nove volte la spola fra la Kerry e NetanyahuWest Bank e Israele, fra Abbas e Netanyahu. Un attivismo volto -evidentemente – a tenere gli Israeliani dentro una trattativa a loro sgradita, con la prospettiva di una pace leonina.

Queste idee porteranno Kerry in un vicolo cieco e al fallimento totale perché sta trattando i nostri problemi con un elevato grado di indifferenza“, aveva dichiarato all’inizio di dicembre Yasser Abed Rabbo, un alto funzionario dell’OLP (Organizzazione per la liberazione della Palestina) riferendosi  appunto alla proposta di un controllo militare israeliano sulla valle del Giordano.

Mahmud Abbas ha fatto sapere, rifiutando questo piano, che sarebbe disposto ad accettare, in sostituzione, la presenza dei militari americani. Anche questa una dichiarazione formale, niente di più. Israele non accetterebbe, né è presumibile che Obama intenda infilarsi in prima persona dentro un  tale ginepraio.

****

Che riprendano o no, che si concludano con un trattato di “pace” o un niente di fatto, questi colloqui sono stati finora soltanto una mossa per isolare ulteriormente Gaza.

Come si può parlare di “pace” fra Israele e Palestinesi  se al tavolo non era presente una rappresentanza di Gaza e dei Profughi?
Come si può restringere il concetto di Palestina alla sola Cusgiordania? Come si può dimenticare, e lasciare che Israele faccia finta di nulla, che il Tribunale  dei crimini di guerra ha condannato lo stato di Israele per genocidio? (vedere KLWCT sentenzia: Israele e Yaron colpevoli)
Prima di portare i Palestinesi di fronte ai negoziatori israeliani sarebbe necessario indurli a raccogliersi intorno ad un piano comune. Fino a che prevarranno le divergenze fra le leadership, quella che firmerà un accordo con Israele diverrà contemporaneamente il nemico per una parte del popolo Palestinese. 

Qualcosa si sta muovendo? Hamas da Gaza, per bocca del leader Ismail Haniyeh, ha proposto all’ANP e a Abu Mazen un incontro per discutere la costituzione di un governo palestinese di “consenso nazionale”.
Lo riferisce l’ufficio  stampa di Hamas, ripreso da Ansa. Secondo Haniyeh i palestinesi devono unire le proprie forze per far fronte “ai complotti di Israele” ed in particolare “per salvare Gerusalemme”.  La proposta sarebbe di un governo di sei mesi allo scopo di indire e portare a termine le elezioni. Non si sa se, o che cosa, abbia risposto Abu Mazen. Haniyeh ed Abu Mazen, però, si sono sentiti per telefono dopo l’eccezionale ondata di maltempo a proposito dei soccorsi necessari alla popolazione della Striscia.

Questi giorni a Gaza:

Gaza allagataAmira Hass “sempre a pagare il prezzo più alto è stata la Striscia di Gaza, una regione dove i disastri si susseguono senza fine. Alla vigilia della tempesta le forniture elettriche sono state ridotte al minimo (otto ore al giorno invece delle solite dodici o quattordici). Ma quando la tempesta è arrivata, il sistema di drenaggio era fuori uso. I campi profughi, i villaggi e i quartieri densamente popolati sono stati sommersi da almeno due metri d’acqua, e le case sono state evacuate usando le barche.

…..  Google+

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Chiara Zanone Translations

Italian translator and proofreader

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: