Skip to content

Hassan Nasrallah: Non fate esplodere il Libano

31 dicembre 2013

mcc43  ……  Google+

Il discorso di  Hassan Nasrallah del 20 dicembre 2013.
E’  centrato sulla critica alle organizzazioni di AlQaeda che combattono in Siria, sulla propaganda utilizzata in Libano dal partito 14Marzo, formazione filoamericana degli Hariri, per condannare l’intervento di Hezbollah in Siria ed esigerne il ritiro.

E’ un discorso sagace che unisce alle tematiche islamiche l’ironia. Soprattutto è un discorso di ammonimento e di richiamo al dialogo interno, nonché un duro atto di accusa alle interferenze dell’Arabia Saudita nei paesi arabi.

Particolare evidenza merita il monito finale di Nasrallah sulla fase potenzialmente esplosiva del Libano alla luce di tre avvenimenti immediatamente successivi al suo discorso.
L’accordo dell’Arabia Saudita con la Francia per fornire armi al debole esercito Libanese (Israele ha sempre affermato: se non fosse per la presenza di Hezbollah invaderemmo il Libano in tre giorni) e l‘autobomba che ha ucciso l’ex ministro delle finanze e fiancheggiatore di Hariri, Mohammad Shatah. Infine: per la prima volta la contraerea libanese ha preso di mira aerei siriani.

Qui di seguito la mia traduzione dalla versione francese del discorso; è una sintesi, a volte per necessità una parafrasi, dei punti salienti ed esclude solamente i riferimenti  satirici più localistici.

****

Hassan Nasrallah “Sembra che tutto quello che succede di negativo in Libano sia per colpa dell’intervento di Hezbollah in Siria!

Non abbiamo governo, non abbiamo legge elettorale, c’è la crisi economica  … il tunnel per l’areoporto è allagato? E’ perchè  Hezbollah combatte in Siria.  Vi chiedo e prima? Le cose erano diverse? E se Hezbollah si ritira da Siria tutto va a posto?

Quando eravamo impegnati nella Resistenza in Libano ci hanno iscritto nell’elenco delle organizzazioni terroriste, tre quarti del mondo ci insutava, mettevano in galera i nostri amici,  ma non abbiamo abbandonato le nostre idee. Non le cambieremo oggi nonostante  la disinformazione.

La battaglia in Siria è una battaglia esistenziale, non per dei privilegi. Non è nemmeno una ricerca di perfezione: è una battaglia esistenziale per noi, per il Libano, per la Siria, per la resistenza Palestinese, per la maggioranza sunnita come per le minoranze tutte . In Siria non c’è un conflitto settario, là muoiono persone di tutte le confessioni. C’è un progetto, una mentalità takfirie [empia] che attacca le differenze.

Non fate giochetti sul numero dei nostri martiri  in combattimento, non accusateci di non pubblicare il numero e non sostituitelo con la vostra campagna dei “mille martiri” perchè nel mondo arabo, musulmano e cristiano, attaccare sull’argomento dei martiri è attaccare l’onore.

Ho sentito nei giorni scorsi di una dichiarazione di un deputato del 14Marzo. Dice “se Hezbollah si ritira dalla Siria gli lasceremo formare il governo che vuole”. Non conosco i dettagli, se ci sono delle condizioni politiche,  ma chiedo … a tal punto siete preoccupati per noi? Vi interessano i nostri martiri? Empatia ? Sono commosso e vi ringrazio…

Come già nel 2005 Hezbollah rifiuta compromessi su questioni esistenziali in cambio del potere.  Non lo cerchiamo, il potere è niente per noi. Quello che ci interessa è il destino della nazione islamica.
Non facciano giochetti infantili con noi, offrendoci ministeri e potere!

La nostra presenza in Siria si inquadra in una strategia maggiore, non siamo lì per rafforzarci qui. Noi siamo pronti a discutere la nostra visione, non abbiamo mai rifiutato il dialogo. L’ha proposto il presidente del Parlamento Berri e abbiamo accettato. Venite dunque a confrontarvi sulle ragioni del nostro intervento in Siria, vediamo qual’è la posizione giusta, invece di occuparvi d’altro.

Ma voglio dire che in alcune regioni del paese,  non del mondo: proprio qui, ci sono persone che sono arrivate a uno stadio di rancore e collera che sono disposte a portare il paese all’esplosione. Sono al tempo stesso inquieto e desolato nel dire questo e incito a smettere tutti gli attacchi, anche verbali, contro l’esercito. Dobbiamo essere prudenti perchè potrebbe esserci qualcosa di nuovo nella regione.

Sapendo che vi sono persone che non vedono davanti a loro più alcun avvenire e che sono tentate di rifarsi con la Siria,  dico loro: piuttosto prendetevela con Hazbollah e i suoi alleati o con chi vi pare, ma lasciate stare l’esercito!

Queste tensioni sono dovute a un regime …  è forse necessario farne il nome? Basta dire che il suo nome comincia per “A”?[Arabia Saudita] Questo regime ha perso tutte le sue aspirazioni, non ha più orizzonte nè possibilità di successo e vittoria. Non ha più [segue gioco di parole amal=speranza, Amal formazione fondata dall’Imam Mussa Sadr scomparso misteriosamente nel 1976] amal, mentre per noi Amal c’è,  è nostro alleato ed è davanti ai nostri occhi e nel nostro cuore.

I Sauditi hanno perso la speranza e per questo vogliono creare il caos, distruggere il Libano; perfino che tutti i paesi arabi vadano in rovina non ha nessuna importanza per loro. Stanno nei loro palazzi a gozzovigliare e divertirsi nel lusso. Che importanza volete che abbiano per loro i milioni di persone profughe, la gente che vive nei campi, che subisce drammi come le inondazioni [Gaza] e muore di fame e di freddo? Cambia qualcosa per loro?

Voglio dare un segnale d’allarme oggi: c’è qualcosa di nuovo che esige da parte dei responsabili libanesi , dei dirigenti politici e egualemente dei media che hanno un ruolo molto importante … C’è una situazione nuova, bisogna tenerne conto e esigere da noi stessi, tutti noi, estrema precisione e prudenza nel modo di fare fronte a questo nuovo stadio . Uno stadio che esige persistenza e pazienza. Non bisogna seguire, chiunque sia, quello che vuole attirarci verso l’esplosione. Di conseguenza dobbiamo assumerci tutti le nostre responsabilità.

immagine della sala durante il discorso di Nasrallah L’intero discorso in arabo, con la possibilità di sottotitolazione in altre lingue e a questi due link : parte prima  parte seconda 

Ringraziamento a azouzimedblog

Annunci
4 commenti leave one →
  1. 31 dicembre 2013 8:48 pm

    Bonne Année et meilleurs vœux à vous
    J’espère que 2014 serait l’année de Paix Sur Terre

    Mi piace

  2. 31 dicembre 2013 8:52 pm

    Mi associo alla speranza di entrambi … Votre espoir est mon espoir,
    La Paix enfin partout ! Sia la Pace per tutti e ovunque.

    Mi piace

  3. Marc permalink
    1 gennaio 2014 11:32 am

    Buon anno, ma non con questo zucchero per favore… 🙂

    Ti segnalo questo articolo che spiega approfonditamente perché Nasrallah insiste sui tafkir

    “””By “takfiris”, Hizbollah refers to radical Salafis, a group that is equally despised by both Sunnis and Shias. This shift in rhetoric – which can be felt in Hassan Nasrallah’s recent public statements and in media outlets close to the party – is gaining traction.

    By adopting this rhetoric, together with the rising sectarian tensions in Lebanon and regionally, Hizbollah can ensure two things: it will strengthen its leadership of the Shia community in Lebanon, as it positions itself as the most capable defender of the community, compared to the pacifist or moderate Shia political and religious strands in Lebanon. The party will also find sympathisers for its cause among Sunnis who fear the rise of Al Qaeda.

    Read more: http://www.thenational.ae/thenationalconversation/comment/hizbollahs-misleading-anti-takfiri-rhetoric-gains-traction#ixzz2p8pItAtO

    Mi piace

    • 1 gennaio 2014 11:36 am

      Oh prezioso … amaricante 🙂 Grandioso l’articolo, ti ringrazio, continua così e deciditi a creare il tuo blog!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: