Skip to content

Verso l’elezione della Costituente in Libia e voci di un’opzione militare internazionale

6 febbraio 2014

mcc43 

«Sai cosa c’è rimasto di legale in Libia? Solo l’ora perché ormai il governo non riesce più a cambiare neppure quella».
«Non vogliamo drammatizzare la situazione, ma per ogni evenienza vi consigliamo una vacanza in Italia almeno fin dopo le elezioni del 20 febbraio» suggerisce l’ambasciatore italiano Giuseppe Buccino Grimaldi ai principali imprenditori italiani convocati in Ambasciata.

 §§§

Il 20 febbraio i libici sono chiamati a eleggere i 60 membri della Commissione che  dovrà redigere la nuova Costituzione. Ciò è confortante, dopo l’abissale ritardo sulle promesse dell’ormai lontano 2012 . (ved. LIBIA 2012:le Istituzioni in formazione) .  Due anni sono stati necessari per decidere la procedura con la quale designare i membri della Commissione stessa: nomina all’interno dell’Assemblea Generale o elezione popolare diretta.

Nel frattempo il paese non  ha visto realizzata la più urgente e importante delle misure: riportare le milizie armate sotto il controllo dello stato. Al contrario la loro interferenza con il processo democratico e la sicurezza quotidiana della popolazione si è incrementata  ed è possibile intravedere “eserciti” locali. Alcune milizie rispondono all’autoproclamato parlamentino della Cirenaica, altre al governo locale di Misurata, alcune “collaborano” con il governo centrale che demanda loro compiti di polizia. Mentre nel sud del paese formazioni tribali si combattono, dando copertura volontaria o meno all’inserimento dell’Aqmi, l’ AlQaeda del Maghreb.

ragazza ferita Bengasi

Bengasi: attentato in una scuola

Dal punto di vista umano è sconfortante la situazione in cui viene a trovarsi chi, specialmente a Tripoli, aveva appoggiato la ribellione del 2011 nella convinzione di sovvertire un regime e instaurare prontamente una democrazia secondo le prassi occidentali.
L’errore fondamentale in cui anche molti osservatori internazionali erano caduti è stato considerare  la Libia allo stesso modo in cui Gheddafi la voleva e la presentava al mondo: un paese unito.
Il secondo, altrettanto fallimentare, di molta parte del popolo libico fu quello di ignorare che l’aiuto “liberatore” della Nato avrebbe lasciato dietro di sé odi radicali fra settori della popolazione, distruzione di strutture e di equilibri funzionali,  e l’ancora sottovalutato inquinamento del territorio. Gli ordigni moderni distruggono  sia nell’ immediato che nel corso del tempo sotto forma di malattie e malformazioni (ved. Eredità biologica della guerra) .
Se le cronache parlano quotidianamente di rapimenti e attentati anche a esponenti politici di primo piano, e l’ultima notizia è lo scoppio di un ordigno in una scuola di Bengasi con vari feriti tra i ragazzi, il

pericolo maggiore e immediato
è quello della frammentazione del paese,
che porta con sé la conseguenza di un nuovo
intervento di forze internazionali.

Rischio frammentazione

Il Financial Time ha rotto gli indugi con la domanda:  è tempo di riconoscere in campo internazionale l’autoproclamato governo della Cirenaica?

mappa libiaLa Cirenaica è la regione d’interesse internazionale, essendo la più  ricca di petrolio e  gas. Possiede un forte senso identitario cementato dalla ribellione contro il colonialismo italiano. E’ da anni territorio di reclutamento di combattenti islamisti. Derna ha fornito milizie a Iraq, Afghanistan e Siria. Sempre il Financial Time nel suo articolo cita senza perifrasi il gruppo svizzero Vitol, leader nel settore energetico, come portafoglio della ribellione bengasina del febbraio 2011, nel quadro di un’intesa segreta Francia – Gran Bretagna.

La Tripolitania non ha risorse minerarie, presenta una forte componente di origine berbera che rivendica la propria specificità, ha la maggior concentrazione di popolazione libica in Tripoli, occupata soprattutto nel commercio e nel terziario. Senza un legame almeno federativo con la Cirenaica non potrebbe assicurare agli abitanti un livello di vita simile a quello di cui avevano goduto sotto il regime.

Il Fezzan dispone di riserve petrolifere e minerarie, ma il territorio si estende nel Sahara, la popolazione è un ventaglio di etnie fra le quali scoppiano incessantemente conflitti. Limitrofo al nord del Niger e al sud dell’Algeria, senza possibilità di confini presidiati, è esposto alla penetrazione dei gruppi jiadisti. L’Aqmi, AlQaeda nel Magreb, dopo la caduta di Gheddafi e la destabilizzazione del Mali, è accorso in forze. Gli scontri di questi ultimi giorni nella zona della capitale Sebha, da alcuni attribuiti alla “resistenza verde” dei gheddafiani, sono il probabile avviso di una tattica d’infiltrazione jiadista.

Rischio intervento internazionale

La possibilità, presentata come necessità, di un intervento di forze straniere “per combattere i terroristi” , pretesto che fa digerire alle opinioni pubbliche qualsiasi aggressione a un paese straniero ,  viene lanciata sul tavolo da una convergenza temporale, -o si dovrebbe dire una concertazione?-  di appelli.

A fine gennaio nel furore dei combattimenti intorno a Sebha il capo della Difesa militare francese ammiraglio Edouard Guillaud dichiara in conferenza stampa la necessità di far intervenire una forza militare internazionale; prontamente il Ministro degli Esteri francese Laurent Fabius nega che l’opzione sia allo studio.  Contemporaneamente Le Monde titola che il Sud della Libia inquieta sempre più i paesi occidentali.

Il 5 febbraio  è il Ministro degli Interni del Niger, Massoudou Hassoumi , a  dire in modo colorito che le potenze intervenute per scalzare Gheddafi devono fornire un servizio “après vente”,. Un tagliando di assistenza, insomma.  Contemporaneamente a Parigi s’incontrano Fabius e l’omologo del Niger, Mohamed Bazoum;  la nota del Quai d’Orsay recita: si è fatto il punto sulla situazione nel Sahel e in Libia e si è confermata l’identità di vedute su come affrontarla, con rinnovata fiducia nelle relazioni bilaterali dei due paesi.

Una quadriglia che ricorda i preparativi degli interventi di Hollande nel Mali e nella Repubblica Centrafricana,  funzionali a far apparire un’iniziativa francese come la risposta a una chiamata in soccorso.

Spettacolarmente ambigua la dichiarazione del Ministro degli Esteri libico – che non dimostra irritazione alcuna per l’ingerenza diplomatica nigerina – “Non so se il pubblico, il governo o il Congresso accetterebbero la presenza militare straniera, ma si deve prendere in considerazione l’iniziativa francese” .
Facilissimo in realtà far accettare un intervento straniero. Sufficiente soffiare sul fuoco del pericolo dei gheddafiani e presentare come Saadi Gheddafi “resistenza verde” in armi la nostalgia di chi, da subito o con l’andamento degli eventi , rimpiange il regime.  Specialmente se come cappello della narrazione si ricorrerà al nome dell’ex-calciatore Saadi Gheddafi  che dal 2011  vive  in Niger e in una intervista aveva dichiarato d’essersi avvicinato all’ ideologia salafita e di nutrire il sogno di un emirato del sud della Libia.

Vista l’approssimazione con cui vengono presentati gli eventi delle cosiddette “primavere arabe”, alzare il livello del pericolo jiadista è funzionale allo scontro politico tra il National Forces Alliance (NFA) filo americano e guidato dal sempre più silenzioso Mahmud Jibril , e il Justice and Construction Party (JCP) dei Fratelli Musulmani guidato dal molto attivo Mohammed Sawan.
Con la Fratellanza  già dichiarata fuorilegge in Egitto dal Feldmaresciallo (tale è il titolo onorifico conferitogli) AlSisi , gli altri partiti possono cominciare ad erodere la popolarità del JCP in vista delle elezioni fissate dalla road map politica in maggio o entro l’anno,  secondo la celerità dei lavori della Commissione che si andrà ad eleggere il 20 febbraio.

§§§

Scrive Gian Micalessin ora a Tripoli per Il Giornale: in Libia si mescolano e si confondono le voci che danno per imminente una nuova rivolta, un’ulteriore salto nel buio.
Forse non così presto? Ma per l’estate potrebbe prepararsi un buio molto fitto.

§§§

#GNC Interior Committee report: 643 people were killed in #Libya in 2013, mostly in assassinations http://t.co/Hb45Tsv4GO

— Mohanid Elghadi مهند (@MElghadi) 2 Febbraio 2014

Google+

Annunci
2 commenti leave one →
  1. ggs_drugo permalink
    6 febbraio 2014 9:34 pm

    … più nero del batacchio di un manzo nero in una notte senza luna nella prateria. Senza fine.

    Mi piace

Trackbacks

  1. In Cirenaica, scia di sangue e omertà | MAKTUB

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Schnippelboy

Ein Tagebuch unserer Alltagsküche-Leicht nachkochbar

zeitderreife

Meine Bilder, Gedanken und Emotionen

FirstOneThrough

Israel Analysis

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: