Skip to content

Palestinesi: i giovani di Beirut e i musicisti di Bourj al-Shamali

27 aprile 2014

mcc43                                                                                                                                                                          Google+

Bandiera Palestina

 

Verso i Palestinesi del Libano

24 Aprile – 1 Maggio 2014 Campi Profughi Palestinesi in Libano

 

26 Aprile, Beirut

Nabih Salah

Nabih Salah

Incontro con il rappresentante di Ajial , organizzazione fondata nel ’98 da un gruppo di giovani per i giovani. Un’associazione, dice Rabih Salah, non affiliata ad alcun partito che intende creare uno spazio per i giovani Palestinesi dove possano esprimersi e organizzare le loro iniziative.  Insieme a lui due Palestinesi fuoriusciti dalla Siria, come spesso accade a chi non appoggia il regime e non si riconosce nella frammentata e manovrata opposizione. Da loro si apprende molto più sul conflitto siriano e le sue inenarrabili complessità che da  qualsiasi altra fonte, soprattutto con loro è stato possibile rivolgere domande, tante quante necessarie, in un clima di grande amicizia. 

Momento qualificante dell’incontro quando il padre di Rabih  ha esposto una panoramica sull’origine del rifugismo palestinese e il ruolo che vi ebbero i paesi arabi. Salah Salah è una figura storica, giovanissimo ai tempi della Nakba,  ora è Presidente del Comitato per i Rifugiati, del Consiglio Nazionale Palestinese e dell’OLP.

 

27 Aprile, Bourj Al Shamali e Al Buss

Era il giorno della riunione degli Scout, uno dei molti progetti per  i ragazzi, a Bourj Al Shamali e i gruppi

Abu Wassim Beit Aftal Assomoud

Abu Wassim

musicali si sono esibiti per i visitatori italiani; anche l’entusiasmante gruppo dei suonatori di cornamuse. Nell’incontro  Abu Wassim, Direttore del Centro e coordinatore di vari altri centri di  Beit Aftal Assomoud si è generosamente concesso alle nostre insistenti domande, non solamente sulle attività e i programmi, ma sulla situazione globale del Medio Oriente.  “Vogliono disegnare una nuova mappa complessiva, osserva, e usano l’ignoranza e la paura per dividerci“.
Impoverire, costringere a fuggire, indurre a essere gli uni contro gli altri nella ben nota “guerra tra poveri” crea gravi rischi per il Libano stesso.

 

Khawla Khalaf Beit Aftal Assomoud

Khawla Khalaf

Al vicino Centro di Al Buss Bei Aftal Assomoud ha vari progetti per la cura del disagio mentale:psichiatria, psicoterapia che coinvolge i bambini e i loro genitori –  essendo elevatissima la frequenza della depressione- per tutti i Campi del sud Libano. Solo per i Palestinesi? No, anche per i libanesi che non possono affrontare i costi elevatissimi delle cure presso le cliniche e i professionisti nazionali. “Noi Palestinesi abbiamo subito tanta discriminazione, la conosciamo e non vogliamo praticarla verso gli altri” dice Khawda Khalaf la Direttrice del Centro dopo la esauriente esposizione dei metodi, avanzatissimi, con cui  curati i pazienti, piccoli e adulti.


TUTTI GLI ARTICOLI  SUL VIAGGIO DEL 2014 NEI CAMPI DEL LIBANO alla Tag Profughi Palestinesi 

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...