Skip to content

Molte mani sopra la Libia

6 giugno 2014

mcc43                                                                                                             Google+

Fuoristrada in bilico su una duna

Molti paesi hanno le mani in pasta nella disastrosa situazione della Libia, ma non emerge un’ idea capace di riportare l’ordine. Crisi generale dell’Occidente è lo sbandamento e la moltiplicazione degli d’interessi in gioco nel paese  impedisce sia di convergere su un compromesso sia di contrastarsi apertamente. Gli attori politici locali rappresentano interessi stranieri o settari e ad avvantaggiarsene non può essere altri che la galassia del terrorismo trainata dalle milizie che impazzano sul terreno. A Tripoli la Libya Shield di fatto installa il Primo Ministro Ahmed Maiteeq , contro il parere di molti – e anche contro il recente pronunciamento della Corte Suprema – che ritengono illegittimo il metodo con cui era stata validata l’elezione. Da Bengasi continua l’insurrezione guidata dal generale Khalifa Haftar iniziata in febbraio, e via via acquisisce appoggi dagli Stati Uniti e dall’esercito dell’Egitto. La Croce Rossa ritira il personale dopo l’assassinio di un suo rappresentante avvenuto in un agguato a Sirte. Gli Usa in testa, altri paesi poi, hanno richiamato in patria i cittadini. Incredibilmente, nella visione collettiva della popolazione libica sembra affermarsi il biasimo per l’Occidente che , dopo aver rovesciato Gheddafi, “non ha finito il lavoro” (video CNN). Come esistono persone incapaci di autocritica, lo stesso si può dire dei popoli.

********

Formichenet.it di GERMANO DOTTORI

Permane una forte incertezza su quanto sta accadendo in Libia. La sfida lanciata dall’ex generale Khalifa Haftar non ha infatti contribuito per il momento a semplificare il quadro politico locale, nel quale ormai coesistono due linee formali di autorità legittime e numerosi centri di potere di fatto. È opinione diffusa che intorno ad Haftar, che proviene da una tribù della Sirte nel pieno centro della fascia costiera del Paese, si sia stretto un consistente numero di attori interni ed esterni, che hanno visto in lui un argine al caos ed alla deriva della Libia verso la frammentazione e l’islamizzazione politica.

I MILITARI EGIZIANI Tra i suoi sostenitori vi sono quasi certamente i militari egiziani, forse gli algerini e probabilmente anche gli Stati Uniti, seppure non manchino coloro che ritengono la strategia Usa puramente attendista e reattiva agli eventi. Washington ha però rischierato militari in Sicilia e dislocato una nave d’assalto anfibio classe Bataan proprio di fronte alle coste libiche: pare quindi difficile che gli Usa intendano rimanere davvero passivi sino alla fine. Non sono invece con Haftar i tunisini, che anzi temono il suo successo come un prolungamento della controffensiva scatenata dall’Arabia Saudita contro la Fratellanza musulmana e le sue varie articolazioni locali. Gli europei sono al momento alla finestra, incerti sul da farsi e complessivamente impotenti ad influenzare decisivamente le dinamiche in via di sviluppo. IL RUOLO DELL’ITALIA Anche l’Italia sembra interrogarsi sul migliore corso d’azione da intraprendere. Per quanto più volte sollecitato a muoversi anche dal presidente Usa Barack Obama, non ultimo in occasione della sua visita a Roma del 27 marzo scorso, il nostro governo preferisce ancora, almeno apparentemente, rimandare la propria scelta del raggruppamento da favorire, forse per non farsi tagliare fuori dagli equilibri della Libia di domani. I limiti che comunque incontra in questa fase l’Italia non sono di poco conto: Roma è infatti alle prese con una crisi che riguarda non solo le disponibilità in termini di risorse finanziarie e militari, ma altresì la stessa propria capacità psicologica e politica di immaginare uno stato finale, un punto di caduta desiderabile in Libia che sia davvero funzionale ai nostri interessi nazionali. Esponenti del governo parlano privatamente in questi giorni della loro speranza riposta in sostegni provenienti dagli alleati europei. Eppure, nessuno stato dell’Ue ha interessi paragonabili ai nostri sulla ex “quarta sponda”, sia sotto il profilo energetico che sotto quello del controllo dei flussi migratori. MARE NOSTRUM Nei primi cinque mesi dell’anno, in effetti, anche per effetto del morbido mandato attribuito alla missione navale Mare Nostrum, dalle coste libiche sono giunte circa 39 mila persone, in larga misura profughi provenienti dalla Siria e dal Corno d’Africa, che ormai rappresentano un problema europeo. Roma conta di fare della loro questione una priorità del suo turno di presidenza Ue, ma il pericolo vero è che l’Italia si veda prima o poi sospendere l’applicazione alle proprie frontiere degli accordi di Shengen. Dopotutto, è già accaduto nel 2011.

Advertisements
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

In Gaza

and beyond

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

« L'uomo comprende il mondo un po' alla volta e poi muore » Sàndor Márai, Le braci

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India). Blog del Tour Operator PassoinIndia www.passoinindia.com per i tuoi viaggi in Oriente.

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.

Occupied Palestine | فلسطين

Blogging 4 Human Rights & Liberation of Palestine! فلسطين

laFiam

for a realm of consciousness and responsibility

speraben

il blog di angelo orlando meloni

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Don Charisma

because anything is possible with Charisma

editoriaraba

Libri, autori ed eventi letterari da Maghreb, Medio Oriente e Golfo

Ella Gadda

"Oh, santo Dio, la vita ci raggiunge dovunque!"

Aletho News

ΑΛΗΘΩΣ

Tom Rollins

Middle East politics: Egypt, Israel-Palestine and foreign policy