Skip to content

Lo Spirito della Pace sulla Palestina: incontro dei leader in Vaticano

9 giugno 2014

mcc43

I Presidenti d’Israele e Palestina si sono incontrati su invito di papa Francesco in Vaticano per una comune preghiera per la pace e, in Vaticano. l’8 giugno 2014 si sono incontrati tre amici. Shimon Peres desiderava la visita di Papa Francesco in Israele prima della fine del mandato e il desiderio realizzato è all’origine di questo incontro. Con Mahmoud Abbas, Peres ha in comune il vissuto della travagliata storia della Palestina del secolo scorso: si sono abbracciati più volte. Negli sguardi di Abbas verso Papa Francesco si leggeva una devota ammirazione. Con loro la presenza rispettosa e attenta del Patriarca di Costantinopoli Bartolomeo I.

Papa Francesco Patriarca Bartolomeo Shimon Peres Abu Mazen

Alla vigilia: un incontro senza precedenti, un gesto che si spera sarà capace di “ricreare un desiderio, una possibilità” di rilanciare processo di pace in stallo del Medio Oriente scriveva Haaretz. “Nessuno è così presuntuoso da pensare che la pace scoppierà Lunedi” si legge nell’articolo che riporta le dichiarazioni di Fra Pierbattista Pizzaballa, custode della  Terra Santa, che ha svolto un ruolo chiave nella creazione dell’incontro. “L’intenzione è riaprire una strada che è stata chiusa, per ricreare un desiderio, una possibilità, un sogno” e ha aggiunto che il Papa non intende coinvolgersi nei dettagli, come i confini o gli insediamenti.

tweet di papa Francesco

Nei media internazionali e nei social media l’incontro è stato tenuto sotto tono, come tutti gli eventi per i quali non si posseggono strumenti di comprensione e piatta catalogazione. Che cosa è “preghiera”? Che cosa può scaturire da incontri dove gli Stati Uniti sono assenti? Quanto contano due “monumenti” storici come Peres e Abbas quando dietro di sé hanno due popoli politicamente rissosi e determinati – raccontano le cronache – a detestarsi ? Stesso sguardo altezzoso con cui i media avevano accolto l’intesa Fatah – Hamas e il nuovo governo di consenso nazionale.

I media non informano, insegnano. Insegnano l’indifferenza, la competizione, la persistenza nei rancori storici, financo quelli nascenti da narrazioni mai adeguatamente soppesate. I media “creano” mostri o semidei, non si interessano di  “persone”.  I media distraggono e frastornano. Se in Israele l’hashtag di Twitter “ Vaticano”  durante l’incontro era in terza posizione, in Italia non compariva; in testa c’era #CorazonClasicMatch [con tanto di errore di ortografia inglese] poi #buonadomenica e perfino #Tremonti.

In Vaticano sono avvenuti gesti che potrebbero cambiare il clima dei contatti segreti che certo continuano ad avvenire fra israeliani e palestinesi. Molti l’hanno compreso, molti di più non ne hanno colto il significato perché il gesto andava a colpire l’inerzia mentale, l’odio abituale, la paura di cambiare e  patologiche idiosincrasie. Sconosciuta è la speranza, si resta nei confini  di un immediato interesse, sia concreto che psicologico, creduto individuale, in realtà eterodiretto.

Papa Bergoglio in questa circostanza ha mostrato quanto fortemente sta stringendo i legami con la Chiesa ortodossa. “Santità, Venerato Fratello Bartolomeo” l’ha chiamato, dando un segno di completa parità religiosa. A tutti: “Ci vuole più coraggio per fare la pace che per fare la guerra” , e quindi “Palestinesi e Israeliani sono fratelli, non avversari o nemici”. Bergoglio ha definitivamente archiviato sia lo scisma all’interno della Cristianità,  sia le Crociate mentre l’Adhan, l’invito musulmano alla preghiera, risuonava entro i confini del Vaticano. Ha suggerito che la politica non approda a soluzioni se si limita a stendere clausole e trattati.

Le preghiere sono avvenute secondo l’ordine cronologico delle rivelazioni, ma la cronologia è altresì evoluzione. Con la religione ebraica è emerso alla coscienza il diritto alla libertà per un intero popolo,  a costo di lunghe soste nel deserto dell’incomprensione. Con la religione cristiana è emersa alla coscienza la fedeltà alla propria convinzione, a costo del sacrificio della vita. Con la religione islamica, il popolo sparso diventa società e la libertà individuale trova limite in ciò che preserva la società stessa dalla degradazione. Non sono vissute così nel concreto dai fedeli, ma ciò non ne cambia la valenza, al contrario mantiene viva la concezione che l’umanità non è un accidente biologico, ma una specie vivente con uno scopo che va oltre la bruta sopravvivenza. Non credo ci sia espressione più sconfortante di quella che spesso di ascolta e si legge “gli animali sono meglio delle persone”, significa l’abdicazione alla responsabilità spirituale. Mia convinzione è che domenica, nella cornice stupenda dei giardini in Vaticano, si sono trovati fianco a fianco leader migliori della maggioranza dei popoli che  politicamente o spiritualmente  essi rappresentano.

***

Nel video che segue, gli scatti di fermo immagine che documentano lo svolgimento della preghiera, delle tre allocuzioni del Papa, di Peres e di Abbas, fino alla messa a dimora degli olivi. Vanga alla mano, insegnamento chiaro: l’impegno non è fatto di parole ma di azioni.

   

ALTRE RISORSE

 

 articolo e resoconto de Il Fatto quotidiano

video Russia Today

video Le reazioni della stampa internazionale

La fine delle Crociate

 

TESTO DEI DISCORSI

Abbas: desideriamo la pace per noi e i nostri vicini. Testo integrale

Peres: abbiamo bisogno di pace tra eguali. Testo integrale

 L’ABBRACCIO

 

Kasper: “Il carisma di Papa Francesco è servito a dare una scossa vera per la pace in Terra Santa”

 […]Pochi come il cardinale tedesco Walter Kasper, il più anziano elettore a partecipare al recente conclave, conoscono le difficoltà che insorgono quando si prova a instaurare rapporti di amicizia in situazioni di conflitto. Per anni presidente del Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani e della Commissione per i rapporti religiosi con l’ebraismo, ritiene che le energie spese dal vescovo di Roma per la pace non siano vane.

Quali conseguenze potranno venire dall’iniziativa proposta da Francesco? “La Chiesa non è mai ingenua. Sa bene che le conseguenze dei suoi gesti nessuno può prevederle. Arduo valutare fin dove l’invocazione a Dio per la pace smuova il mondo. Eppure, proprio il fatto che l’iniziativa voluta da Francesco sia prettamente spirituale, una pausa insomma dalle vicende politiche, ha a mio avviso un valore decisivo. Perché si lascia, almeno per qualche minuto, che sia Dio ad avere la parola, a farsi presente”.

GLI ABBRACCI E L’OLIVO

  Google+

Moulahazat

A Lebanese Political Blog

مدوّنة مريم

“Each generation must discover its mission, fulfill it or betray it, in relative opacity.”

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

Strinature di saggezza

Malleus Rudĭum

TU PUZZI

Com'è grande il pensiero che veramente nulla a noi è dovuto C. Pavese

Raimondo Bolletta

raccontare e riflettere

Hic Rhodus

Hic Salta!

LE MONDE N'EST PAS ROND

Artistic webzine on migration, borders, human rights

Blog di Luigi Cocola

Per un nuovo Risorgimento

FONTANA STEFANO BLOG

In base agli art. 21 e 24 della Costituzione Italiana su questo blog parlo di Società, Mafie, Sicurezza, Serrature, Locksmiting, Conoscere l'arte della persuasione per non credere e non cascare nelle frodi, nell'azzardo e nelle dipendenze. Antifraud, Antifrode, Addiction, Dipendenze, Azzardo, Gamble.

Brave New Libya

Writings from Benghazi, the spark that started it all

I racconti di Riccardo Bianco

Non arrenderti... Un giorno sarai Re

Lorenzo Piersantelli

Tutto ciò che mi circonda, nel bene e nel male, è un haiku....

pierluigi fagan | complessità

"Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza." (I. Kant)

Global Justice in the 21st Century

commentary on global issues

Uomini Beta

"Chi non dice quello che pensa, finisce per non pensare quello che non può dire" Giovanni Sartori

John Tevis

Analyst and Writer

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Anna My World Of Makeup

Rencesioni e tutorial Makeup Moda & Lifestyle

L' essenziale e' invisibile agli occhi

" Emancipate yourselves from mental slavery .. None but ourselves can free our minds. "

Divagazioni

Pensieri, articoli, lettere, Interviste, dossier, foto, audio, video e altri documenti su tutto e su niente in particolare. Elucubrazioni di una mente (di)vagante

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla? - QUESTO BLOG PUO` NUOCERE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DEI FANATICI DI QUALUNQUE TIPO. SE RITIENI DI POTER ESSERE OFFESO DALLA CRITICA APERTA AD OGNI TIPO DI POTERE, DI RELIGIONE O DI IDEOLOGIA DOGMATICA ASTIENITI DAL LEGGERLO, ma rispetta la liberta` di chi invece non ne ha paura, lasciando che se lo legga in pace, e se hai un Dio, vai sereno con lui, fratello.

News of the World

news from all the world

passoinindia

Passi ... per avere nuovi occhi ... (Cultura, Storia, Spirtualità & Viaggi in India) (Travel, Culture & Spiritual experience about India)

LA LENTE DI UNA CRONISTA

Considerazioni e riflessioni per vaccinarsi dall'indifferenza

Jung Italia

Blog di Psicologia Analitica e Moderna

azelin.wordpress.com/

A clearinghouse for jihādī primary source material, original analysis, and translation service

AFFAIRES FAMILIALES &_DROITS_DES_ENFANTS

EXCLUSION PARENTALE et ALIENATION PARENTALE - Maltraitance_psychologique - Enfant-otage / Enfant-soldat http://affairesfamiliales.wordpress.com

/ ca gi zero /

Sometimes here, sometimes not

Gli anziani raccontano

Il solo modo per non morire giovane è diventar vecchio (G. B. Shaw)

Dully Pepper24H

Arte pelo Amor, Arte pelo Mundo, Arte pela Paz!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Carmine Aceto

Il mondo è pieno di altri

zeroconsensus

Cuore, batti la battaglia!

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

Magik World

"Non bisogna vedere per credere, ma credere per vedere"

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

QUAND LE VILLAGE SE REVEILLE

"Quand le village se réveille" est un projet de collecte et de diffusion de traditions et de la culture malienne à travers des images, des audios, des vidéos, et textes et des témoignages des sages: la culture malienne à la portée de tous à travers les TIC.