Skip to content

La CIA e la guerra in Libia _ The CIA and the War in Libya

10 giugno 2014

mcc43

 

followers Ansar al Sharia

2012, Brigate Ansar al-Shariah Bengasi

 […]Qualsiasi analisi del conflitto in corso in Libia, e in particolare a Bengasi, deve tener conto del ruolo dei servizi d’intelligence degli Stati Uniti (e di altre nazioni’) che sono  profondamente coinvolti fin dall’inizio. In particolare, esaminando la natura dei combattimenti, Bengasi deve essere intesa sia come una [  turf  war ] guerra tra gang che come uno scontro ideologico.

Da un lato, si tratta di un confronto per il controllo della città più importante del paese, dopo la capitale Tripoli. Dall’altro, è una lotta vitale per il futuro della Libia. La fazione del generale Khalifa  Haftar [Hiftar] immagina una Libia prevalentemente laica aperta a finanzieri occidentali, speculatori e multinazionali. Ansar al-Sharia e gli altri gruppi terroristici vedono  in Libia gli elementi costitutivi di uno Stato islamico (*nota 1) per imporre la sharia. In agguato sullo sfondo, sopra e dietro a tutti i principali attori del conflitto, ci sono la CIA e l’agenda geopolitica degli Stati Uniti. E così la guerra continua; la fine non s’intravede.

continua a leggere con il traduttore  Google  l’analisi di Eric Draitser, giornalista indipendente

*nota 1

ISIS flag

Jihadisti ISIS

Di oggi la notizia che in Iraq la città di Mosul e l’intera provincia di Ninive sono sotto il controllo dell’ ISIS, acronimo del gruppo terroristico   Stato Islamico dell’Iraq e Grande Siria.  L’Isis si è formato durante la seconda guerra  in Iraq alleandosi temporaneamente con AlQaeda nel 2004,  combatte tuttora sia in Siria  sia in Iraq dove si rafforza e il suo obiettivo è il medesimo di Ansar Al Sharia in Libia – responsabile dell’uccisione dell’Ambasciatore americano  Chris Stevens – e tale obiettivo è la fondazione di un califfato islamico.
Solo superficialmente è questione d’imporre regole di condotta secondo la morale e la prassi di 1500 anni fa, in realtà si tratta di una generica rivolta anti-Occidente che le stesse  lobby occidentali delle armi hanno interesse a che sia portata avanti più a lungo possibile. Si assiste a una catena ininterrotta di uccisioni e raramente l’opinione pubblica pensa alla distruzione psicologica, all’arretramento culturale ed economico che vengono imposti alle popolazioni; non si comprende ancora se anche questo sia un obiettivo dentro un disegno geopolitico più ampio.    

****

[…]Any analysis of the current conflict in Libya, and specifically in US soldier IraqBenghazi, must take into account the role of the US (and other nations’) intelligence agencies that have been deeply involved from the very beginning. In particular, in examining the nature of the fighting, Benghazi must be understood as both a turf war, and an ideological struggle.
On the one hand, it is a competition for control over the most important city in the country with the exception of the capital in Tripoli. On the other hand, it is an existential struggle for the future of Libya. Hifter and his faction envision a mostly secular Libya open to Western financiers, speculators, and corporations. Ansar al-Sharia and the other terror groups see in Libya the building blocks of an Islamic state to be governed by sharia. And, lurking in the background, above and behind all the principal actors in the conflict, is the CIA and the US geopolitical agenda. And so the war continues; no end in sight.

more …. by Eric Draitser,  independent geopolitical analyst

Google+

 

Annunci
2 commenti leave one →
  1. 10 giugno 2014 6:08 pm

    Dovresti ricostruire la telenovela del Primo Ministro, prima nessuno, poi due, poi di nuovo nessuno, O sbaglio?
    Bello questo articolo, e la tua nota chiarisce che i vasti confini del disegno jihadista.

    Mi piace

    • 10 giugno 2014 6:29 pm

      Non sbagli, l’elezione di Maetiq era stata troppo … garibaldina, si doveva annullare, e ora hanno di nuovo il PM a interim che non si era dimesso…
      aspetto nuovi sviluppi, poi riassumo il seguito a Mare Nero … in Libia
      Ciao Marc 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...